Reading di poesia per Renée Vivien

17 dicembre 2009
Pubblicato da

18 dicembre 2009 ore 21
presso Ireos Via De’ Serragli 3 – Firenze

Queer/mmage per Renée Vivien (1909-2009)
Reading poetico con drink


Introduzione di Eleonora Pinzuti

Letture dall’opera di Renée Vivien di Sara Di Giacomo e Angela Soldani

Testi poetici di Luca Baldoni, Marco Simonelli, Silvia Pagnoncelli Eleonora Pinzuti

Renée Vivien (1877-1909) è stata a lungo definita un “mito extra-letterario”. In realtà la poesia di Pauline Mary Tarn fa del mito e della mitografia la sua cifra essenziale. Influenzata da Dante (tanto da usare il verso del XXX del Purgatorio come titolo del suo romanzo Une femme m’apparut), da Baudelaiere, da Keats, da Swinburne, Renée Vivien produrrà versi fortemente intrisi di un certo decadentismo e “maledettismo”: la passione amorosa per e fra donne sarà per la poetessa la sintassi stessa di una tanatologia che vede nel desiderio la perdita della propria soggettività e la ri-flessione del sé. Formalmente perfetta, la poesia di Renée Vivien è anche la traduzione di una tematica, quella cosiddetta “saffica”, che curiosamente nasce nell’alveo della letteratura e a quella torna, per consegnare al novecento la prima grammatologia di un desiderio che iniziava allora a dire il proprio nome. (Eleonora Pinzuti)

Tag: , , , , , , , , ,

One Response to Reading di poesia per Renée Vivien

  1. véronique vergé il 18 dicembre 2009 alle 11:42

    Grazie Francesca per l’omaggio a René Vivien che aveva una grazia magnifica. Era bellissima. Ha dato all’omosessualità femminile una bellezza noble. Ha lansciato la moda des belles lesbiennes féminines,
    con Colette, Missy.
    Poetessa preziosa che ha scritto dal desiderio al femminile.
    Una sapho moderna.



indiani