ANIMAzioni#06: “Labyrinth” [1963] di Jan Lenica

18 dicembre 2009
Pubblicato da

 

un antidoto alla bufera delle bruttezze di questi giorni – alla mancanza di ironia – di fantasia – di tutti i tempi e i regimi

* * *

Jan Lenica (4 Gennaio 1928, Poznań, Polonia – 5 Ottobre 2001, Berlino) – mancato architetto – grande disegnatore e animatore polacco – leggerezza con spine – insomma arte – con i rapaci e certi pipistrellati sempre pronti a mangiarsela – l’arte – a spiumare e a spolpare – Labyrinth è l’avventura – fra collage e découpage – di un omino con la bombetta – Icaro volante tra Magritte e Max Ernst di Une semaine de bonté – approdato chissà da dove – forse da una specie di iperuranio nuvoloso – inseguito da uno squelette di dinosauro uscito dalle teche del Museo di Storia Naturale – in caccia fra le architetture boulevardier di una città quasi deserta – se non fosse per strane creature in metamorfosi – per un tricheco con il cilindro – uomini libellula o uccello e una fanciulla graziosa ma assai neghittosa e molto amica di un uomo coccodrillo – certe altre mademoiselles vampiriche – un circo metafisico – falene – un edificio cattedrale di scale – antro di uno scienziato quattrocchi – robot volante e con diversi tubi di scappamento – che l’omino cerca di lobotomizzarlo – di impiantargli gabbie a sbarre nel cervello – un simpatico corvo liberatore lo salverà – ma non c’e scampo – anche rimettendosi ali – allo stormo nero – ahimé – e speranza di alcun esule pensiero

* * *

ANIMAzioni#01: “LE NEZ” di Alexandre Alexeïeff e Claire Parker [ 1963 ]
ANIMAzioni#02: “LA MANO” di Jirí Trnka [ 1965 ]
ANIMAzioni#03: “Father and Daughter” [2000] di Michaël Dudok De Wit
ANIMAzioni#04: “Kafka” [1991] di Piotr Dumała
ANIMAzioni#05: “The Christmas Card” [1968] di Terry Gilliam

 

 

Tag: , , ,

3 Responses to ANIMAzioni#06: “Labyrinth” [1963] di Jan Lenica

  1. chi il 18 dicembre 2009 alle 14:55

    orsola sempre belli i tuoi inserti escerti lacerti. struggenti come solo i manierismi possono esserlo. e questo.
    chi

  2. véronique vergé il 18 dicembre 2009 alle 15:14

    Una grazia ailée,
    un miracolo di poesia,
    un mondo insolito
    con la bellezza di un quadro,
    in movimento.

    Un aria che fa bene.

    Grazie, grazie
    véronique

  3. gianni biondillo il 19 dicembre 2009 alle 16:23

    Mia figlia Sara, 5 anni, l’ha guardato attentissima. Ho pure il sospetto che l’abbia davvero capito.



indiani