Articolo precedenteGitanes sans Filtre
Articolo successivoSeason’s Greetings

Cosa c’è dentro il pacco????

10 Commenti

  1. Mi sa che questo pacco l’ha comprato dagli uomini di Tonino ‘o Biondo fuori alla Ferrovia a 30 euro ( ® Napoli)

    Buon natale

  2. Magari!:))) Cmq sarebbe un regalo di Natale da parte mia e di mio figlio. Lui l’ha scoperto e stamattina l’abbiamo postato insieme. Cosa non va, Pie’, nella parola PACCO?:-))

  3. Piero, secondo me ti sei confuso con Peppone ‘o scartellate, quello della duchesca. auguri Helena con la acca
    effeffe

  4. peccato, io allora ero fuori di testa per il meccano, mica per il lego, eh, quelli sì erano tempi, Tonino ‘o Biondo gattonava a culo in su…..

  5. Amici Helena, Franz e Chiara, la Duchesca non c’è più da qualche settimana! Proprio ora che mi dovevo comprare il Decoder per il digitale terrestre…
    Quanto a Tonino ‘o biondo, è un’istituzione, il capo dei paccottisti della Ferrovia, immortalato anche da Nanni Loy in “Pacco doppio pacco e contropaccotto”. Gira con una sentenza del Tribunale in tasca dove si dice che lui è “un artista della manipolazione”. Portate rispetto.

    abbracci

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’orso di Calarsi

di Claudio Conti
«Da una parte l’Impero ottomano, dall’altra la Valacchia. In mezzo il Danubio, nero e immenso». Lara è sul fianco e ruota la testa all’indietro, verso Adrian. Rimane così per un po’, con la reminiscenza del suo profilo a sfumare sul cuscino.

Dentro o fuori

di Daniele Muriano
Un uomo faticava a sollevarsi dal letto. Un amico gli suggerì di dimenticarsi la stanza, la finestra, anche il letto – tutti gli oggetti che si trovavano lì intorno.

Un selvaggio che sa diventare uomo

di Domenico Talia Mico, Leo e Dominic Arcàdi, la storia di tre uomini. Tre vite difficili. Una vicenda che intreccia...

Luce del nord – tre disperazioni invisibili

di Domenico Talia «… secondo me nella vita o sei il primo o sei l’ultimo e non puoi essere tutte...

La moltiplicazione del Signor Distruggere

di Helena Janeczek Abbiamo un problema, un problema culturale e politico. L’onnipresenza del linguaggio misogino (misogino e non più solo maschilista)...

Il vento attraversa le nostre anime, di Lorenza Foschini

di Mauro Baldrati Quanti siamo? Difficile dirlo. Non è mai stato realizzato un censimento. E poi siamo sparsi per il mondo....
helena janeczek
Helena Janeczek è nata na Monaco di Baviera in una famiglia ebreo-polacca, vive in Italia da trentacinque anni. Dopo aver esordito con un libro di poesie edito da Suhrkamp, ha scelto l’italiano come lingua letteraria per opere di narrativa che spesso indagano il rapporto con la memoria storica del secolo passato. È autrice di Lezioni di tenebra (Mondadori, 1997, Guanda, 2011), Cibo (Mondadori, 2002), Le rondini di Montecassino (Guanda, 2010), che hanno vinto numerosi premi come il Premio Bagutta Opera Prima e il Premio Napoli. Co-organizza il festival letterario “SI-Scrittrici Insieme” a Somma Lombardo (VA). Il suo ultimo romanzo, La ragazza con la Leica (2017, Guanda) è stato finalista al Premio Campiello e ha vinto il Premio Bagutta e il Premio Strega 2018. Sin dalla nascita del blog, fa parte di Nazione Indiana.