Season’s Greetings

[ l’uomo di neve più piccolo del mondo ]1

 

The Snow Man

di Wallace Stevens

One must have a mind of winter
To regard the frost and the boughs
Of the pine-trees crusted with snow;

And have been cold a long time
To behold the junipers shagged with ice,
The spruces rough in the distant glitter

Of the January sun; and not to think
Of any misery in the sound of the wind,
In the sound of a few leaves,

Which is the sound of the land
Full of the same wind
That is blowing in the same bare place

For the listener, who listens in the snow,
And, nothing himself, beholds
Nothing that is not there and the nothing that is.

 
 

L’uomo di neve

Si deve avere una mente d’inverno
Per ammirare la brina e i ramoscelli
Dei pini incrostati di neve;

E aver patito il freddo per lungo tempo
Per accorgersi dei ginepri arruffati di ghiaccio,
Degli abeti ruvidi nel distante scintillio

Del sole di Gennaio; e non immaginare
Alcun lamento nel suono del vento,
Nel suono di poche foglie,

Che è il suono della terra
Spazzata dallo stesso vento
Che sta soffiando nello stesso luogo vuoto

Per chi ascolta, chi ascolta nella neve,
E, un nulla lui stesso, guarda
Il nulla che lì non c’è e il nulla che c’è.

[ trad. Orsola Puecher]

  1. I simpatici fisici nanotecnologhi del NPL (UK), usando strumenti e tecnologie per realizzare e calibrare i microscopi a forza atomica, creare nanostrutture per i conduttori e valutare le proprietà di alcune tipologie di sistemi magnetici, invece hanno costruito, come augurio di Natale 2009, un omino di neve di circa 10 µm, 1/5 di un capello umano, con due grani di metallo. Gli occhi e la bocca sono incisi con un un cannone a ioni. Il naso è un piccolissimo puntino di platino del diametro di circa 1 micrometro (0,001 mm). []

  17 comments for “Season’s Greetings

  1. 25 dicembre 2009 at 13:44

    Che saremmo senza Nazione Indiana?
    Auguri di lunga e prospera vita!
    Nishanga

  2. Arben
    25 dicembre 2009 at 13:51

    Njeriu prej dëbore

    U dashka një mendje e dimërt
    për të vështruar acarin dhe degët
    e pishave mbuluar dëborë;

    dhe të kesh patur ftohtë tash sa vjet
    për të këqyrur dëllenjat e hejta me akull,
    borigat që kreshtojnë në feksjen e largët

    të diellit të janarit; dhe të mos mendosh
    për kujën në zërin e erës,
    në zërin e atyre pak gjetheve,

    që është zëri i dheut
    citë me po atë erë
    që fryn në po atë djerrë

    për dëgjimtarin, që dëgjon në dëborë,
    dhe, hiç ai vetë, këqyr
    një hiç që s’është atje dhe hiçin q’është.

  3. 25 dicembre 2009 at 14:51

    Bello l’inserto videomusicale e bella la traduzione.

  4. nadia agustoni
    25 dicembre 2009 at 18:15

    Bella poesia, come sempre un bel lavoro Orsola.

  5. 25 dicembre 2009 at 23:45

    orsola,grazie
    c.

  6. teqnofobico
    26 dicembre 2009 at 04:32

    eppure, mi sembra d’averlo già visto altrove:))

  7. 26 dicembre 2009 at 11:45

    @teqnofobico
    hai, ragione, è stato postato qualche tempo fa anche su http://comunitàprovvisoria.wordpress.com. Da altro traduttore e postatore, ma – come si dice, repetita juvant.

  8. 26 dicembre 2009 at 11:46

    Parlo del testo, naturalmente, non del video.

  9. 26 dicembre 2009 at 12:59

    Arben, è una traduzione di Stevens in albanese?

  10. teqnofobico
    26 dicembre 2009 at 15:22

    @ salvatore:

    ma no, non l’ho mica visto lì, e pur m’è parso di vederlo altrove

  11. teqnofobico
    26 dicembre 2009 at 15:25

    parlo del video, naturalmente, non del testo;-)

  12. 26 dicembre 2009 at 15:59

    eh dëborë è neve
    infatti…

    ,\\’

  13. véronique vergé
    26 dicembre 2009 at 16:50

    E’ una meraviglia di dolcezza,
    un piccolo miracolo di poesia,
    di un mondo che ti saluta
    con immensa tenerezza.

    Grazie a Orsola per la fantasia
    e a tutti gli indiani che danno alla
    vita intelligenza, poesia, umanità.

    véronique

  14. véronique vergé
    26 dicembre 2009 at 16:57

    Avevo lasciato un commento, ma credo che è partito.
    Ringrazio Orsola per la fantasia che dà. L’uomo di neve
    è un’ idea deliziosa, si sente il canto della neve invisibile,
    quando il cuore sveglia.

    GRAZIE

  15. 26 dicembre 2009 at 17:53

    Bellissima. :-)

  16. 26 dicembre 2009 at 18:48

    grazie Orsola, è sempre tutto bellissimo qui :-))

  17. 26 dicembre 2009 at 19:06

    mah… era un augurio per un Natale che si preannunciava nevoso e polare, artico il giusto, tutto bianco e sospeso, silenzioso, comme il faut, poi s’è sparigliato improvviso da sud ovest un libico Libeccio o Africo o Garbino, o Curina, che dir si voglia, foriera di Curae e di una leggera pazzia da Föhn, tiepido e fortissimo… e a 19 gradi svolazzanti pareva una Pasqua tiepida.

    ,\\’

Comments are closed.