Articolo precedenteLa scuola è finita
Articolo successivocarta st[r]amp[al]ata n.14

La Signora del buio

di Giovanni Catelli

Nelle sere d’inverno, al diradarsi delle folle sul Kreschatik, la Signora del buio riappare.
Quando le cifre rosse sulla torre del Maidan segnano le ventitré, e il carillon sparge le sue note di commiato all’aria gelida, la Signora spalanca le porte del suo arrivo e si fa strada nel calore luminoso della tavola calda: muove qualche passo, riservata, scruta i tavoli già vuoti, osserva ogni vassoio abbandonato, dai clienti già lontani, nel metrò, nel vasto gelo, non decide, si sofferma con un lieve sorriso di stupore, di fronte allo schermo sospeso, alla sua luce fosforica, ed ai volti sereni che soffiano sillabe uguali al silenzio.
Avanza di nuovo, come svagata, poi ghermisce improvvisa un bicchiere solitario, abbandonato, quasi pieno, e lo stringe disinvolta, col sussiego della piena proprietà: cerca un tavolo propizio, un divanetto confortevole, il giusto riposo del cliente soddisfatto, si accomoda ordinata, distinta, diritta, guarda verso il fondo della sala, cerca un ordine compiuto in cui placare il terrore muto del disordine, il bisogno, la mancanza fredda delle cose necessarie: è giunta, l’ora lieta, nessuno più le insidia il tempo, né lo spazio malcerto d’ogni suo vagare, un’intera sala quieta, colma di calore, luce, musica leggera, la difende, ospita serena il suo elegante disperare, la protegge dal vasto fragore quotidiano, in cui muove segreta il suo silenzio, l’accompagna nell’oblio d’ogni rincorsa, d’ogni cupa ricerca senza luogo, la dissolve nei minuti calmi che irridono la tenebra, saziandola di pace, sicurezza, tepore, parvenze di decoro.
Noi non sappiamo l’ora precisa dei suoi commiati; ce ne andiamo, già, dopo la mezzanotte, quando i gesti bruschi degli addetti mostrano che l’ora di chiusura si propaga nel passato, e che il ritardo concesso agli ultimi avventori scivola già verso rischiosi abissi: ci perdiamo rapidi, oltre le porte laterali, e la scorgiamo intatta, immobile tra i tavoli, al centro della sala, nel cuore stesso del chiarore, perenne, rispettata e quasi trasparente ai gesti del servizio, forse, chissà, già pronta a dissipare i suoi poteri, ma certo ancora solida e solenne al sopravvivere del tempo intorno a lei.

17 Commenti

  1. .mmm.-.. c’è una virgola singori che non mi persuade: una virgola che mi taglia un complemento di specificazione sul più bello, è possibile?

  2. Catelli dimostra come sempre qualità di abile prosatore, i suoi brani si distinguono per eleganza e raffinatezza.
    Molto bello il racconto, bravissimo l’ autore.

  3. se callettino ci usa la cortesia di dire quale è la “virgola singori che non mi persuade”, potremo capire qualcosa. E un grazie a vanna.

  4. ecco, spero di aver offeso, nessuno, ma il mio oreccho ha fatto un salto, quindi vorrei capire meglio questo passo.

    …La signora spalanca… muove qualche passo, riservata, scruta i tavoli già vuoti, osserva ogni vassoio abbandonato, dai clienti già lontani, nel metrò, nel vasto gelo, non decide…

    cioé quella virgola prima di “dai clienti già lontani” non può essere un inciso, quindi mi domando perché è stata messa: lo scopo.
    del resto se faccio questa osservazione è proprio perché il racconto merita di essere seguito. grazie.

  5. caro callettino, nessuna offesa per nessuno: la disputa sulla virgola potrà dirimerla solo l’autore stesso se interverrà. Piuttosto vorrei avvertirti che l’indirizzo del tuo sito, così come tu lo citi — http://callettino.splinder.com/ — non dà alcun risultato, sembra un indirizzo inesistente.

  6. ok sparz, grazie della risposta.

    riguardo al mio blog in effetti l’ho cancellato provvisoriamente (partecipo a un concorso lett. che non vogliono far sapere chi sia l’autore e l’opera ecc. pena la squalifica. Ma ripristino appena possibile).

    riguardo alla virgola è una curiosità tecnica: ci sono autori che prendono iniziative e che in effetti mettono una virgola dove meno te lo aspetti.

    in questo caso non sono troppo sicuro che sia una svista, però se do una mia interpretazione mi porta troppo lontano (penso al soggetto sottinteso, per esempio), e non saprei dove andare a parare.

    il testo ha una certa atmosfera, piace, non lo metto in dubbio.

    saluti

  7. un bellissimo brano, pieno di atmosfera. non sono una letterata nè un’esperta di punteggiatura, ma forse quella virgola vuole dare risalto al fatto che i clienti siano già andati, lontani. è comunque un piacere leggere brani come questo.

  8. La virgola, in questo caso come in altri, ha un effetto puramente ritmico, per accentuare la cadenza delle frasi, quasi fosse un testo musicale.
    Grazie a tutti, e a sparz per la fiducia.

  9. …, già, dopo la mezzanotte, quando i gesti bruschi degli addetti mostrano che l’ora di chiusura si propaga nel passato, e che il ritardo concesso agli ultimi avventori scivola già … due GIA’ e quattro virgole ritmiche, è bossanova.

  10. Che questa signora del buio così munifica di aggettivi sia la notte? Ho letto anche le altre prose di Catelli linkate qui, mi piace molto questo incedere poetico.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Vedute dal Salève

di Antonio Sparzani
Faggi rossi, abeti, querce e tigli circondano lo chalet di questa parte del Salève, detto chalet Paul, dal nome del nonno di Françoise, ginevrino di vecchio stampo, austero farmacista e padre di una numerosa famiglia che nei decenni è parecchio aumentata di numero, fino a inglobare il sottoscritto.

Il silenzio è cosa viva

di Giorgio Morale La prosa dei poeti: Il libro Il silenzio è cosa viva di Chandra Livia Candiani (Einaudi 2018,...

Cosa ne dirà la gente? Festa di Nazione Indiana 2018

Vi aspettiamo alla Festa di NazioneIndiana 2018! Quest'anno si terrà sabato 27 ottobre dalle 16.30 e domenica 28 ottobre dalle 10 alle 12 ed è stata organizzata in collaborazione con l'Associazione C.A.R.M.E.

Sistema #1

di Antonio Sparzani Sistema, che straordinaria parola nella lingua italiana e nelle altre lingue vicine alla nostra: la sua etimologia...

[1938-1940] ILIO BARONTINI “vice-imperatore” dell’Abissinia

di Orsola Puecher

In questo 25 aprile 2018, che ancora pervicacemente mi sento in dovere di “commemorare” contro il rigurgito di tutti i fascismi e razzismi, manifesti o striscianti che siano, nel raccontare l’avventurosa e straordinaria missione di sostegno alla resistenza etiope compiuta dal 1938 al 1940 da Ilio Barontini...

una rete di storie CALUMET VOLTAIRE cabaret letterario


Cose mai viste (le riviste)
di Francesco Forlani
Ci saranno performance, musica improvvisata, reading, convivialità, conversations, preferendo questo termine, civile, a quello di dibattito generalmente stantio come l’acqua nelle caraffe posate sul tavolo dei relatori. Le feste di Nazione Indiana sono state e saranno questo. A Fano faremo come a Milano, Mesagne, Pistoia, Torino, Parigi, Fos’di Novo, Bolzano, dunque non mancate.
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, dopo un ottimo liceo classico, una laurea in fisica a Pavia e successivo diploma di perfezionamento in fisica teorica, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Negli ultimi anni il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, raggiunta l’età della pensione, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia (Mimesis 2012). Ha quindi curato il voluminoso carteggio tra Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung (Moretti & Vitali 2016). È anche redattore del blog La poesia e lo spirito. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.