Ex ordres littéraires : Elisa Ruotolo!


Nota
di
Carlotta Vissani
su Ho rubato la pioggia, Elisa Ruotolo, Nottetempo, 15 euro

Non saprei dire perché, ma continuo a imbattermi, felicemente, nei racconti di italiani al loro vero esordio. Voci peculiari che hanno qualcosa di importante da dire. Elisa Ruotolo, classe ’75, è una scoperta da fare perché sa bene dove andare a parare con la sua penna guizzante e colloquiale (senza mai mancare di raffinatezza linguistica), capace però di restare dentro i confini imposti dalla forma narrativa a lei più congeniale perché quando scrivi racconti “devi sempre sapere dove guardare, a quali dettagli dare la salvezza dell’inchiostro”. Tre storie “nate quando ho smesso di scegliere e ho deciso semplicemente di raccontare”, tre personaggi forti – Molto Leggenda, Maria e Cesare – legati a doppio filo alla loro patria di origine, la Campania, radici umane saldamente piantate in un terreno comune, frutto di “racconti tramandati, ma anche frammenti di conversazioni rubate ai discorsi distratti di una carrozza ferroviaria, geografia spaziale e mentale del perimetro in cui sono cresciuta”.

È la narrazione lucida e tangibile di vite che non devono essere taciute, spesso imperniate su lavori dimenticati, praticati con “un’oncia di vergogna”, corpi che si muovono dentro case-famiglie-nidi e che resterebbero altrimenti in ombra. Tutti, a modo loro, cercano di trasformare la mediocre normalità in gloria, anche quando ci si crede poco, riuscendo a intessere vite possibili, “oltre la mera sopravvivenza”. Ce la fa Molto Leggenda, calciatore in erba della squadra l’Aquila Nera, catapultato in serie A e palesemente non all’altezza tanto che preferisce raccattare cartacce e pulire i gabinetti pur di non stare in panchina, ci prova Cesare anche se non può parlare e il suo amore per Silvia, la domestica, resta inespresso e perso nelle pieghe del non detto, azzarda Maria che impara “a caro prezzo che a questo mondo niente ci è dovuto, nemmeno il ritorno a casa d’un figlio bambino” e che si muove nella Napoli degli orefici per vendere l’oro proibito a chi lo richiede, imbevuta di colonia per non farsi mancare di rispetto ché sua nonna, maestra di mestiere, la rispettavano tutti quando lei era bambina e camminavano insieme. Ecco che Ruotolo riesce a illuminare stanze piombate nell’oscurità della sera, mondi intimi che nascondono tensioni sotterranee, speranze e sentimenti afoni, facendo riferimento “a una considerazione ancestrale della famiglia, che diventa quella radice alla quale si rimane appoggiati a lungo se non per sempre”.

3 Commenti

  1. Il titolo possiede l’incanto dei racconti sospesi. In paese dei lunghi soli, la pioggia è il piccolo miracolo fuggito. Il racconto tiene nel mano, in una speranza fuggitiva, quella dei personaggi lottando per intravedere la pioggia, la speranza di cambiare la vita senza toccare alle radici, oro rubato al mondo, ma il destino dei personaggi non sappia fare con la corona della pioggia. E’ un racconto che sembra modellato alla terra spietata. Un libro che leggero perché si parla la voce campana e dei destini che si intrecciano.

  2. scriverò a fortunato della tour de babel perché ne prenda qualche copia. un abbraccio effeffe

  3. Effeffe, vengo in Italia in luglio a Pisa e a Firenze. Penso trovarlo …

    Un abbraccio,

    véronique

    La video è bellissima.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

‘O Strega! : Ovunque proteggici (Nottetempo) Elisa Ruotolo

I ferri del mestiere di Francesco Forlani (Nota al quinto dei dodici romanzi candidati al Premio Strega 2014)   Il Nottetempo (Knight Bus)  in...

Alfazeta per Alfabeta: P come Poesia

http://www.youtube.com/watch?v=IiiIEg9MWAg&feature=share&list=UUpV_XiM7fPwQnC5_HMbH1qg Francesco Forlani in Alfazeta per Alfabeta2 Elektro-poetry a Milano (Libreria Popolare di via Tadino) All'interno degli incontri di Tu se...

Sulla strada

di Gianluca Veltri   C’è qualcosa di sbalorditivo nella capacità di Francesco De Gregori a mantenere così alto il livello di...

Allegria!

http://www.youtube.com/watch?v=yd3V-b03URU di Francesco Forlani Ti ricorderai. Tu che dici che non vedi San Remo per curiosità ma per obbligo da imperativo catatonico,...

le alterazioni semantiche del nostro tempo

di Elisa Ruotolo Esiste un’Italia di cui si parla spesso, ma per la quale – finora – si riesce a...
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux