Articolo precedente
Articolo successivo

in lungo e al largo

Verso Sud
di
Azra Nuhefendic

Verso il sud il cielo diventava sempre più chiaro. Dominavano due colori: blu e un verde debole, diverso da quello dei fitti boschi dell’ entroterra. In un punto preciso, quando la strada faceva l’ultima salita sulla montagna, appariva una lineetta sottile, di un azzurro opaco che divideva il cielo dalla terra. Il mare. Là, in quel punto ci si fermava, si usciva dalla macchina in fretta, fibrillanti come un astemio, e ci si metteva sul punto estremo di un promontorio. Da là, come una esplosione, ci colpiva la vista monocolore, azzurro. Il Mare.
Per un istante si respiravano prime boccate di quel profumo particolare, una miscela di sale, dei pini, delle pietre sbiancate e scottate dal sole, delle conchiglie rifiutate dal mare, che si seccavano sulla spiaggia, di frittura di pesce, del vino denso. Troppe sensazioni in un istante. Ci veniva la debolezza, come le lacrime nei momenti di grande felicità.
Presto, presto, presto, ci comandavano i sensi, a tuffarci, a purificarci, liberarci. Il desiderio saliva come ci si avvicinava alla meta, per finire, come in un orgasmo, con il primo impatto con l’acqua di mare. Placati, ci sdraiavamo sulla sabbia calda perdendoci nel sonno dei puri, soddisfatti, liberi. Finalmente.

”Mi presti il tuo Zippo?” aveva chiesto Zlaja al suo amico Igor. La vacanza al mare richiedeva molta preparazione, e l’accendino, uno status simbolo all’epoca, contribuiva al fascino di uno, davanti a una. Si preparavano le cose da indossare, per là, ma solo per spogliarsi, mettersi a nudo e non solo dei cappotti grossi, degli stivali pesanti che ci imprigionavano per minimo sei mesi d’inverno. Il mare ci aiutava a liberarci dalla timidezza, dell’inibizione, per sfuggire al controllo, infrangere le regole dell’entroterra, ovunque più chiuso, oppure meno aperto delle società che si affacciano sul mare.
Il mare è sempre stato la nostra meta. Anche quando non lo conoscevamo, quando avevamo solo una idea di ciò, quando esisteva solo come un desiderio non ben preciso, lo sognavamo come il luogo in cui scappare, dove tutto è più facile, più leggero, più naturale: toccarsi, innamorarsi, baciarsi, confessarsi, lasciarsi, perdersi, il tutto con la naturalezza dei primitivi.

Da piccoli, le collezioni delle conchiglie, delle pietrine curvate dall’acqua, dei pezzettini di vetro colorato, ce le portavamo dietro, a casa. Erano la prova che c’eravamo stati, e poi per lungi mesi, ci assicuravano che il mare non era stato un sogno. L’odore racchiuso in quegli oggetti ci aiutava a richiamarlo, con tutto quello che la parola simboleggiava per noi.
Le conchiglie più grosse si custodivano avvolte nel tessuto. Si tiravano fuori, nel silenzio della stanza da letto, e vi si appoggiava l’orecchio. Nelle notti dei lunghi, nevosi inverni di entroterra, ci ululava il rumore delle onde marine, imprigionate nella conchiglia.
Dopo, a casa si tornava con il cuore pieno, l’anima serena, o dolce-irrequieta, con i frammenti di parole, del tempo, l’attimo intenso, gli sguardi espressivi, il silenzio, i nomi, con i tocchi sfuggenti, le notti cariche, le promesse, tutto avvolto nel denso, unico sapore del mare.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Un ritratto del mare come amo: un barlume di sensazioni con due colori.
    Fondamentali il verde e il blu. Il mare e il paesaggio intorno rendono pace al corpo. Nell’esplosione dei profumi- quella senza confine della sabbia, della resina, dell’intricato caldo, terra, erbe ardenti- questo è il corpo letizia.
    Quando leggo un brano sul mare, mi sento la stretta influenza dell’acqua,
    il miraccolo di seguire la linea blu.
    la memoria del mare non si dimentica.
    Questo testo è lo più sereno scritto da Azra Nuhefendic. Perché il mare è un bagno di dolcezza, non morde il cuore, pulisce l’angoscia- rinasce la felicità di avere un corpo, con una mente fatta sole. Il piacere del corpo
    lascia dietro l’abitudine di rimuginare. Dopo un bagno, un sonno felice invade il pensiero e la sera ti puoi dedicare alla scrittura: la mer dà un sentimento di felicità e di solitudine vicino al sentimento della scrittura.
    Il brano ha svegliato la memoria dei molti bagni e quello che ho fatto a Tirennia. Li la sabbia era rovente e piedi nudi ti sembri che il cuore si ferma, ti sogni il mare come soglia di salvazione.
    Invece le conchiglie non faccio più collezione. Mi sembrava che il colore lavato dal mare morisse allontanato del suo principio acquatico.

    Grazie per questo piacere alla lettura.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.

Colonna (sonora) 2024

di Claudio Loi
15 album in rigoroso ordine alfabetico per ricordare il 2023 e affrontare le insidie del quotidiano con il piglio giusto. Perché la musica, quella giusta, è la migliore medicina che si possa trovare sul mercato. Buon ascolto!

Les nouveaux réalistes: Annalisa Lombardi

di Annalisa Lombardi
Per questa nuova puntata dei nouveaux réalistes, un polittico di esistenze minime perdute tra i massimi sistemi della vita e della storia. Come nei Racconti con colonna sonora di Sergio Atzeni, la voce dei personaggi è incisa sulla musica di fondo delle cose. (effeffe)

Cose da Paz

di Massimo Rizzante
Partiamo da qui: la poesia, l’arte in genere, non ama ripetersi. Ciò non significa che non possa ripetersi. Ecco la mia teoria: quando la poesia non si accorge che si sta ripetendo, la Storia inevitabilmente si ripete. Ciò se si crede, come io mi ostino a credere che, a differenza della poesia di Omero, nessuno studio storico potrà mai dirci qualcosa di essenziale su chi sono stati gli antichi Greci.

I poeti appartati: Enzo Campi

di Enzo Campi
Da quando lo conosco, da più di trent'anni, ho sempre percepito nella "manifattura creativa" di Enzo Campi, che si trattasse di teatro o di poesia, il tentativo di dialogo tra la mano che fabbrica e quella che pensa. La selezione di poesie tratte dalla sua silloge, Sequenze per cunei e cilindri  che il lettore di NI potrà leggere conforta, credo, quella mia percezione dell'origine. effeffe
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: