DA QUESTO MONDO

di Franco Buffoni

Mentre da Corrado Benigni ricevo questa emblematica foto, da lui stesso scattata negli Stati Uniti qualche settimana fa a Nashville (!), Enzo Cucco mi invia questo agghiacciante documento sulla condizione degli omosessuali in Uganda:


1 commento

  1. Gli Ugandesi credono che essere homosessuali sia una scelta infatti da recenti studi è risultato che solo il 77% degli homosex sono così grazie a madre natura il restante 23% sono solamente persone deboli influenzati da un ramo della cultura occidentale(dati europei)ciò dimostra che per una considerevole quantità molti lo sono per scelta,guarda caso i vari reverendi in Uganda si oppongono alla scelta(quindi il loro discorso un minimo di fondamenta ce l’ha)ma cadono nell’estremizzazione e ricevono consensi poichè la gente vive in pessime condizioni imposte da altri stati(sconvolgente la questione sul divieto dell’uso del ddt nel campo agricolo e al di fuori che spiana la strada alla malaria mietendo all’anno più di migliaia di vittime)e rifiuta concetti di civiltà così indiscutibili da sembrare quasi scontati attuando una legge ultrarazzista solo per avere ed esercitare per una volta la Loro scelta.
    Questa legge, al di là dell’innocenti vittime homosessuali, farà si che si crei una sorta di caccia alle streghe e che anche le persone che loro stessi definirebbero giuste, rette, buone vengano accusate “ingiustamente” e messe in galera o ancora peggio.
    Tutto è molto triste.

    Non condivido l’esempio con la chiesa cattolica presente nel video:RIDICOLO e dato che sulla questione non c’è nulla da scherzare sarebbe stato più corretto intervistare un prete di una semplice parrocchia per focalizzare al meglio la questione dato che chi ha girato l’introduzione del video si è dimostrato offensivo quanto ignorante riguardo a ciò.Non credo in Dio ma la frase:”Con due aveomarie ce la saremmo cavata” insulta cristiani e la stessa ricerca in qualsia campo religioso.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Da “Betelgeuse e altre poesie scientifiche”

di Franco Buffoni
Circola un'arietta leopardiana, ironica e frizzante, a tratti glaciale, nell'ultimo libro di Franco Buffoni, BETELGEUSE e altre poesie scientifiche, Mondadori, 2021. Un'arietta rara nei libri di poesia contemporanea A. I.]

Poesia e perdita. Un’intervista di Gilda Policastro a Franco Buffoni

L'intervista-dialogo che segue nasce da un incontro di poesia, tenuto presso la scuola Molly Bloom nel 2017.   Poesia e perdita:...

Poesia e ragionevolezza

di Franco Buffoni C’è una scena dell’Amleto di Laforgue che mi viene sempre in mente quando si tratta di definire...

Silvia è un anagramma

di Franco Buffoni In che peccai bambina? “In che peccai bambina?” La domanda semplice di Saffo è quella che gli/le adolescenti si...

Dall’interno

di Corrado Benigni Che fu quel punto acerbo che di vita ebbe nome? (Leopardi, Coro dei morti)   Un senso – se c’è, ora...

Maestri e Amici

di Franco Buffoni Dante e i suoi maestri Nel canto XV dell’Inferno due parrebbero essere i punti fermi relativamente al rapporto...
franco buffonihttp://www.francobuffoni.it/
Franco Buffoni ha pubblicato raccolte di poesia per Guanda, Mondadori e Donzelli. Per Mondadori ha tradotto Poeti romantici inglesi (2005). L’ultimo suo romanzo è Zamel (Marcos y Marcos 2009). Sito personale: www.francobuffoni.it