Un libro vi trasporterà: Giorgio Vasta

Nuova puntata di ” Un libro vi trasporterà ” per gli amici di Torno Giovedì , dedicata a “Spaesamento” (ed. Laterza) , di Giorgio Vasta. Con lui, Tommaso Cerasuolo, cantante dei Perturbazione, band con cui Giorgio ha realizzato alcuni reading. La cornice è quella del Circolo dei lettori di Torino, e poi, poi c’è la furia autistica dei dittatori soft e il coraggio dei maratoneti. effeffe

8 Commenti

  1. Non ho la possibilità per il momento di seguire la video. Spero farlo sabato.
    Spaesamento è un libro saggio poetico. Ho iniziato sua una spiaggia di Tirania, la sabbia era spostata in Sicilia, davanti a me il mare verdissimo, portava la nostalgia di un luogo mai consciuto, quando era intima allo scrittore, sagoma tra sole e liquidità sognata. Una città Palermo in metamorfosi, di apparenza liscia, moderna, è allungata come una pantera morta. Tutto conformo alla’idea generale, spugnoso del Berlusconismo, dell’influenza di Milano/ Torino su una città antica, insolare, con un tempo altro, con una sete propia.

    Aspetto altri libri di Giorgio Vasta ( già tradotto in Francia).

  2. O “scoperto” Vasta con Il tempo materiale, bellissimo. Un romanzo che pare scritto con la precisione lessicale di un chirurgo, ogni parola dà la sensazione di essere stata scelta con meticolosa attenzione senza dare mai il senso di compiacimento per questo. Per un buon anno dalla sua uscita ne ho parlato tanto e spesso con molte persone, a mò di “consiglio di lettura”.

    Spaesamento è altra cosa, ma per me che ho – “uomo del nord” – un rapporto speciale con palermo ha meritato la dovuta attenzione… e certe pagine su Mondello le ho come fotografie nella mente. Poi, ammetto, nelle mie trasferte palermitane frequento altre zone della città rispetto a quelle raccontate in Spaesamento, ma è un valore aggiunto questo…

  3. Magari rileggerli i commenti prima di pubblicare eh… almeno gli strafalcioni grammaticali si potrebbero evitare :-)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il postino di Mozzi

brani di Guglielmo Fernando Castanar (in corsivo) e Arianna Destito Cominciai questo lavoro di raccolta dopo il terzo o il...

Ancora domenica. La papera del tempo

di Giorgio Vasta (Nazione Indiana ha compiuto quindici anni a marzo, da allora molte persone e molte cose sono cambiate;...

Lombroso e le carte mancate

        Venerdì 16 settembre si è svolta la Notte degli Archivi presso il Palazzo degli Istituti Anatomici con la lettura...

InRitiro: Soggiorni di Studio sull’Appennino

QUI la pagina con tutte le informazioni e i link alle schede dei corsi.  

Scrittori e storia, una conversazione

di Daniele Giglioli e Davide Orecchio Questo dialogo via mail tra Daniele Giglioli e Davide Orecchio si è svolto fra...

Qualche lucciola nel buio pesto di Giorgio Vasta?

di Luca Salza Ad aprile, abbiamo accolto Giorgio Vasta all’Università di Lille, nel seminario «La democrazia in Italia» che organizzo...
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux