NUVOLE 

.
.
.
.


.
.
.
.

Print Friendly, PDF & Email

16 Commenti

  1. è qualcosa di terribile, di atroce
    mi permetto di allegare questo video da youtube
    grazie a Orsola e a Raos

  2. E’ vergognoso propinare false notizie davanti alle atroci evidenze. E basta con le prese in giro di finti esperti prezzolati.

  3. “disumano”, sì non tanto la natura ma noi umani, apprendisti stregoni che scherziamo stupidamente col fuoco. Un rischio “zero” scientificamente non esiste e nel valutare il rapporto costi/benefici non è che siamo mai troppo razionali.

    @ Andrea, il link in inglese mi rinvia a quello nipponico che per me resta indecifrabile; se fosse possibile avere un riferimento più chiaro per contributi da devolvere direttamente a qualche organizzazione giapponese te ne sarei grata.

  4. LIVE JAPAN STREAMING NHK WORLD TV

    dal sito dell’ ⇨ AMBASCIATA ITALIANA A TOKYO

    EMERGENZA GIAPPONE – INFORMAZIONI AI CONNAZIONALI
    MESSAGGIO N.2 DELLE ORE 23.00 ORA DI TOKYO DEL 15 MARZO
    15/03/2011

    Emergenza nucleare

    Le Autorita’ giapponesi hanno confermato nel tardo pomeriggio che i reattori della centrale di Fukushima-I numero 1 e 3 sono spenti e con il raffreddamento degli elementi di combustibile in funzione. E’ stato confermato che l’incendio sviluppatosi oggi nel reattore numero 4, in manutenzione al momento del terremoto di venerdi’, e’ stato spento e ha riguardato la piscina di stoccaggio degli elementi di combustibile, senza nessun rilascio di emissioni radioattive.

    Le stesse Autorita’ hanno ribadito che le misure adottate nelle aree da loro definite “potenzialmente pericolose” (evacuazione entro un raggio di 20 km dalla centrale; cautela e non esposizione all’aria aperta fra 20 e 30 km) sono pienamente appropriate in base ai dati di misurazione della radioattivita’ rilasciata, che prendono in considerazione anche le condizioni meteo.

    Confermano che a Tokyo il livello di radioattivita’ misurato dal Governo metropolitano e’ estremamente basso (“very very low”) e ampiamente al di sotto dei limiti richiesti per intraprendere qualunque misura di radioprotezione.

    Va, per contro, considerato che la situazione di alcuni dei reattori dell’impianto di Fukushima I (i reattori n. 2, 5 e 6) non puo’ essere considerata in condizione di sicurezza. Sulla base dell’esperienza degli ultimi giorni, non e’ quindi possibile escludere nuove situazioni critiche che potrebbero implicare altre emissioni nell’ambiente. Quindi, anche se al momento il livello di radioattività registrato a Tokyo e’ ben al di sotto della soglia di pericolo, non e’ del tutto scongiurato il rischio che, in seguito a ulteriori emissioni e in presenza di determinate condizioni metereologiche, il livello di contaminazione nella zona della capitale possa superare i limiti di sicurezza.

  5. Come successe per i liquidatori di Chernobyl, anche a Fukushima 50 operai e tecnici sono rimasti a cercare di domare la catastrofe, esposti a radiazioni altissime.

  6. Spaventoso. Da qualche giorno penso al Giappone, a questi bambini che sono sotto il pericolo. Siamo allontanati, ma questa catastrofe tocca l’umanità. Penso anche a Andrea Raos : so che ama il giappone, la sua lingua, la sua cultura con la sua anima di poeta pudico.

  7. Di uno dei ‘liquidatori’ di Chernobyl, del maggiore dei pompieri Leonid Teljatniknov, parla Geminello Alvi nel suo ‘Uomini del Novecento’ (Adelphi, 1995): “Indossò un’inutile tuta protettiva; suonarono tutti i campanellini appena gli misurarono la radioattività. Indifferente, salì sulla centrale, che pareva un vertiginoso tempio nero in fiamme. Calcolando che avrebbero resistito più a lungo, e per accerchiare l’incendio più grave, divise i suoi uomini in squadre.[…]dopo una mezz’ora cominciarono tutti a star male. Poi sentirono che i loro stivali diventavano sempre più pesanti: era il catrame del tetto, ormai disciolto in un appiccicoso composto di grafite e polvere radioattiva. A uno cadde la retina: a tutti vennero nausea, crampi,salvia dolciastra alla bocca, mal di testa. Ma resistettero tre intere ore. Così diedero modo agli altri tecnici, che s’immolavano dentro la centrale, di spegnere tutti e tre gli altri reattori inserendo il raffreddamento d’emergenza. In ospedale il maggiore Teljatniknov sul suo letto di piombo non si lamentò più di tanto: era gravemente ustionato, aveva perso i capelli, la vista da un occhio. Gli inferme rieri potevano avvicinarlo solo vestiti di tute protettive tanto era radioattivo. Come un’anatra spennata emanava amaro odore di bruciato”.

  8. La poesia non salva il mondo, ma è li dentro l’anima, in un tempo fuggitivo, una bellezza nonostante.

    I giapponesi danno una lezione al mondo di dignità, di coraggio.
    Non vorrei fare polemica, ma mi sembra ridicola la nostra paura:
    che cosa potrebbe accadere in nostri paesi con il nucleare?
    Il dibattito dove avere luogo, ma non in questo momento.
    Facciamo parte dell’umanità: è il tempo di sentire questa vita
    da proteggere, questa vita fragile, di sperare. E’ il tempo di fare
    del bambino rifugiato contro il seno di una madre, il nostro figlio
    immaginario.

  9. incoraggio chiunque abbia modo di farlo ad offrire alloggio a eventuali rifugiati giapponesi. se la situazione volgerà al peggio l’offerta di un alloggio in italia sarà desiderabile per molti giapponesi che vogliono lasciare il paese. in una “repubblica fondata sulle rendite” non poche persone hanno modo di offrire case, appartamenti, stanze. non esitate a farlo. basatevi sulla vostra rete di conoscenze, usando come tramite chi abbia rapporti di lavori o d’altro tipo con il giappone.

    una madre

  10. Sì, ogni anno vengono a passare le vacanze in Italia fra 20000 e 30000 bambini bielorussi. Lontani anche solo uno o due mesi dalle zone contaminate e potendo usufruire di maggiori controlli medici, clima più salubre e alimentazione mediterranea riducono il rischio di ammalarsi di leucemia, di cancro e di altre malattie derivate dall’assorbimento di radiazioni.
    Due studi uno americano e uno tedesco hanno rilevato comunque un aumento di mortalità infantile nei bambini che abitano nelle zone limitrofe alle centrali nucleari:

    http://www.salem-news.com/articles/may182009/kids_leukemia_5-18-09.php

    http://www.ehjournal.net/content/8/1/43

    Cara Véronique le 59 centrali nucleari su suolo francese non possono non farci paura.

    ____________________***____________________

    Livelli di radiottavità continuamente aggiornati da Tokyio:

    ____________________***____________________

    Geiger Live
    per chi lo sa capire:

    http://www.ustream.tv/channel/%E3%82%AC%E3%82%A4%E3%82%AC%E3%83%BC%E3%82%AB%E3%82%A6%E3%83%B3%E3%82%BF

    ,\\’

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Umanisti del nuovo secolo e sottomissione tecnologica

di Andrea Inglese
Da anni è in atto un esperimento di massa da parte di soggetti privati e pubblici, ma è di natura biometrica e politica, ed esso non avviene attraverso la propaganda frontale delle TV e della carta stampata...

Buena vista social club: Anna Mallamo

Questa  rubrica è dedicata alle “cose belle” trovate sui Social, a dimostrazione del fatto che fare rete è oggi,...

Covid, alimentazione e sindemia

Franco Berrino
"Non è stata spesa una parola sull'importanza della corretta nutrizione come misura per prevenire il contagio e le forme più gravi di Sars Cov II, eppure tutti gli studi recenti concordano su questo".

Marco Zapparoli: in Italia la saggistica resta indipendente

di Matteo Bianchi   Il mercato del libro non è entrato in crisi a causa della pandemia, ma del processo di...

Note sullo ius soli

Alighiero Boetti, Mappa di Giorgio Mascitelli Sulle ali del successo alle Olimpiadi il presidente del CONI Malagò ha aperto la questione...

Due terzi di Odifreddi : per difendere la scienza

di Riccardo Canaletti Il Prestigiatore, Hieronymus Bosch (attribuito a)   Di recente è uscita nel sito di Nazione Indiana una critica a firma...
orsola puecherhttps://www.nazioneindiana.com/author/orsola-puecher/
,\\' Nasce [ in un giorno di rose e bandiere ] Scrive. [ con molta calma ] Nulla ha maggior fascino dei documenti antichi sepolti per centinaia d’anni negli archivi. Nella corrispondenza epistolare, negli scritti vergati tanto tempo addietro, forse, sono le sole voci che da evi lontani possono tornare a farsi vive, a parlare, più di ogni altra cosa, più di ogni racconto. Perché ciò ch’era in loro, la sostanza segreta e cristallina dell’umano è anche e ancora profondamente sepolta in noi nell’oggi. E nulla più della verità agogna alla finzione dell’immaginazione, all’intuizione, che ne estragga frammenti di visioni. Il pensiero cammina a ritroso lungo le parole scritte nel momento in cui i fatti avvenivano, accendendosi di supposizioni, di scene probabilmente accadute. Le immagini traboccano di suggestioni sempre diverse, di particolari inquieti che accendono percorsi non lineari, come se nel passato ci fossero scordati sprazzi di futuro anteriore ancora da decodificare, ansiosi di essere narrati. Cosa avrà provato… che cosa avrà detto… avrà sofferto… pensato. Si affollano fatti ancora in cerca di un palcoscenico, di dialoghi, luoghi e personaggi che tornano in rilievo dalla carta muta, miracolosamente, per piccoli indizi e molliche di Pollicino nel bosco.
Print Friendly, PDF & Email