Big sexy noise

22 marzo 2011
Pubblicato da

di Marco Simonelli

Sono più di trent’anni che Lydia Lunch fabbrica bombe a mano per far detonare la nostra percezione del reale. Ha iniziato a farlo impugnando una chitarra, usandola come fosse una pistola, giocando alla roulette russa con la psiche. Esplorando a suo modo, con la grazia e la leggerezza di un tir fuori controllo su un’autostrada affollata, le possibilità di ogni disciplina. Dal rock noise dei Teenage Jesus & The Jerks fino allo psycho-ambient di Twist of Fate (collaborazione con Philippe Petit, Monotype Records). Dalla spoken-word iperrealista e freudiana di Uncensored/Oral Fixation (Widowspeak, 1990) fino al toccante e disturbante Memory and Madness (con interventi musicali di Terry Edwards, Widowspeak, 2003), vero e proprio atto unico in cui Lunch ritorna criticamente sui propri passi con una palinodia che coinvolge tanto la sua arte quanto la sua esistenza in una sorta di psicodramma per sassofono e voce monologante. Dalla prosa autobiografica di Paradoxia (ed. italiana Leconte, 2006) fino ai versi ectoplasmatici di Amnesia (Contemporánea, 2009). E per ragioni di spazio siamo costretti a tacere dei vari dischi, progetti musicali, installazioni, sculture, film diretti e interpretati, sceneggiature teatrali, interviste, interventi critici, fotografia e grafica.

“Fare rumore”: l’arte come veicolo di provocazione, necessaria a un confronto diretto col fruitore (confrontationalist è l’unica, eloquente etichetta che Lunch si sia mai lasciata appiccicare addosso). Più volte definita “una delle performer più influenti degli ultimi trent’anni”, Lunch concepisce l’arte come contatto col fruitore. Un contatto che può sembrare a volte violento, insostenibile, cacofonico, che tuttavia riesce a raggiungere lo spazio dove si annidano le paure umane, le asporta chirurgicamente con un coltello da macellaio, le cuoce al sangue per farne un pasto rituale collettivo.

L’ultimo (ma solo in ordine cronologico) progetto artistico che la vede coinvolta è Big Sexy Noise (supergruppo composto da Lunch, James Johnston, Terry Edwards e Ian White, disco eponimo uscito per la londinese Sartorial Records nel 2009). Su una ritmica apocalittica e lisergica, accompagnata dal sax epilettico di Edwards (responsabile anche dell’organo) e dalla chitarra di Johnston (che usa il suo strumento come una sega elettrica), Lunch espelle un canto talmente arrochito e stregonesco da far sembrare la voce di Marianne Faithful quella di una qualsiasi concorrente di X-Factor. I brani si muovono in un clima neo-noir, fra jazz paranoico (Bad for Bobby), variazioni di temi tipicamente blues (Another Man Coming While The Bed Is Still Warm, Your Love Don’t Pay My Rent) rivisitati da una femminilità interpretativa di volta in volta spazientita, strafottente, minacciosa e progressivamente sempre più incazzata.

Comprimere nella forma della canzone rock una simile energia produce reazioni atomiche: prova schiacciante ne sono le cover: Gospel Singer (scritta insieme a Kim Gordon), cavalcata dissonante e omicida, Kill Your Sons (le esperienze che Lou Reed fu costretto a subire in un ospedale psichiatrico dove i genitori l’avevano spedito per “curare” la sua omosessualità) e That Smell (macabra e tossica interpretazione di un brano dei Lynyrd Skynyrd).

Big Sexy Noise è anche un’esperienza da fruirsi dal vivo. Un vero e proprio happening (piuttosto che un concerto o un’esibizione live) la cui resa si potrà misurare solo sulla scala Mercalli.

31 marzo – Milano, Circolo
1 aprile – Cesena, Officina 49
2 aprile – Belluno, Plettro Alternative
3 aprile – Roma TBA
4 aprile – Pescara, Mono Club
5 aprile – Pisa, Caracol Club
6 aprile – Genova, Milk
7 aprile – Torino, Hiroshima Mon Amour
8 aprile – Carpi, Mattatoio Club
9 aprile – Firenze, Auditorium Flog

http://www.lydia-lunch.org

http://sartorialrecords.greedbag.com/buy/big-sexy-noise-2/

Tag: , , ,

6 Responses to Big sexy noise

  1. franz krauspenhaar il 22 marzo 2011 alle 19:46

    mah.

  2. Marco Simonelli il 23 marzo 2011 alle 01:12

    Se le dici “mah” in faccia lei ti picchia. Oppure ti stupra.

  3. donald datti il 23 marzo 2011 alle 15:46

    marco, volevo andare a sentirla al milk il 6 aprile, ma adesso mi hai messo paura

  4. Marco Simonelli il 23 marzo 2011 alle 20:02

    Oh, beh, tranquillo! La paura in questo caso riesce ad essere anche sexy! E alla fine potresti scoprire che la persona di cui devi aver più paura sei te stesso. Io ti consiglio di andare. Assisterei a tutto fuorché a un concerto: più un rito collettivo che musica.

  5. Alessandro Ansuini il 24 marzo 2011 alle 14:40

    http://www.youtube.com/watch?v=RO5CkDgB92E

    la vado a vedere a modena ;)

  6. Marco Simonelli il 24 marzo 2011 alle 20:19

    Alessandro, yes!
    Bella quella, Lou Reed le si addice molto. Hai notato come recupera quando il chitarrista sembra voglia staccarle la testa con lo strumento?
    mi raccomando, poi sappimi dire come è andata!



indiani