Minuterie d’une horloge: Biagio Cepollaro


Biagio Cepollaro, Un Minuto di Poesia in video. 2011
Poesia con il Net-book
N.4

Da Le Qualità, work in progress

Il corpo va per strada portando

il corpo va per strada portando
impresse le orme dell’altro:
concavità e sporgenze che gli anni
hanno scolpito su queste due
facce lunari

concavità e sporgenze nate da piogge
improvvise bombe e distratta
cattiveria sui volti storti
ma anche da spinte all’interno
attriti dei sessi densi e all’unisono

il corpo va per strada e continua
ad andare perché sa che la casa
non c’è più e anche lui dovrà
cambiare

francesco forlani

Vive a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman e Il reportage, ha pubblicato diversi libri, in francese e in italiano. Traduttore dal francese, ma anche poeta, cabarettista e performer, è stato autore e interprete di spettacoli teatrali come Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, con cui sono uscite le due antologie Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Corrispondente e reporter, ora è direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Con Andrea Inglese, Giuseppe Schillaci e Giacomo Sartori, ha fondato Le Cartel, il cui manifesto è stato pubblicato su La Revue Littéraire (Léo Scheer, novembre 2016). Conduttore radiofonico insieme a Marco Fedele del programma Cocina Clandestina, su radio GRP, come autore si definisce prepostumo. Opere pubblicate Métromorphoses, Ed. Nicolas Philippe, Parigi 2002 (diritti disponibili per l’Italia) Autoreverse, L’Ancora del Mediterraneo, Napoli 2008 (due edizioni) Blu di Prussia, Edizioni La Camera Verde, Roma Chiunque cerca chiunque, pubblicato in proprio, 2011 Il peso del Ciao, L’Arcolaio, Forlì 2012 Parigi, senza passare dal via, Laterza, Roma-Bari 2013 (due edizioni) Note per un libretto delle assenze, Edizioni Quintadicopertina La classe, Edizioni Quintadicopertina Rosso maniero, Edizioni Quintadicopertina, 2014 Il manifesto del comunista dandy, Edizioni Miraggi, Torino 2015 (riedizione) Peli, nella collana diretta dal filosofo Lucio Saviani per Fefé Editore, Roma 2017 

Tags:

  5 comments for “Minuterie d’une horloge: Biagio Cepollaro

  1. Gianfilippo Gravino
    12 aprile 2011 at 11:58

    Questi quattordici versi effettuano un delicato intervento chirurgico a cuore/cielo aperto su un soggetto da sempre deambulante, un corpo che sa di non poter far altro che continuare a cambiare al ritmo (non solo) del suo passo, dal momento che <> è andata via col tempo, <>, forse, perché non c’è mai stata davvero.
    La voce dell’autore, inoltre, regala all’andatura di quel corpo un ulteriore ritmo, gli appicica addosso una lettera che, finalmente, <>.

  2. Gianfilippo Gravino
    12 aprile 2011 at 12:02

    dal momento che “la casa” è andata via col tempo, “non c’è più”, forse, perché non c’è mai stata davvero.
    La voce dell’autore, inoltre, regala all’andatura di quel corpo un ulteriore ritmo, gli appicica addosso una lettera che, finalmente, “fa parola”.

  3. fabio teti
    12 aprile 2011 at 15:00

    questa la prendo come dono personale, accidenti.

  4. Milena
    13 aprile 2011 at 11:51

    la parola ha un peso, rende di pietra il pensiero, l’immagine, la verità che a volte nessuno di noi riesce a vedere o vuol vedere.
    grazie, Maestro

  5. jacopo galimberti
    13 aprile 2011 at 22:13

    bel testo: fluido, piano, preciso, implacabile ma non saccente, come la lettura.

Comments are closed.