Le foto della Festa Indiana: domenica

Ultimo giro di giostra!


Domenica mattina, Alessandra rimugina: “ma chi me l’ha fatto fare?”


Un anobiiano (una sorta di venusiano) dice la sua.


“Dici davvero?”
“Te lo giuro!”


Mangiatoia indiana (con “intruso”)

Quello sulla maglietta è Deridda.

Il piatto piange.


Alessandro abbagliato dalla luminosità di Helena.


Su quel tavolo a parlare di Murene sono in quattro.


Il quarto era collegato da Chicago.

La poesia si mette comoda.


Serena ci spiega come funziona “la macchina”.


Futuri artisti.

Camilla, lo sguardo che uccide.


I fantastici quattro.


Qui si fa la Storia!


I soliti discorsi ‘ndranghetosi di Peppe.

Ev ci rimette in riga, El è d’accordo.


Due clochard all’ultimo stadio si godono il concerto finale.


Davvero divertenti.


Una professionista.

La più brava (forse).

La più “sofferta”.

La regina del palco.


La band, la band!

p.s. si aggiungano a queste le foto fatte da Emma domenica, che potete trovare qui.
Le foto della festa dello scorso anno, invece, sono qui.

(fine)

Print Friendly, PDF & Email

22 Commenti

  1. Ciao Ares.Un commento interessante,davvero.Bè, ciao.
    Devo andare a mangiare,ma non ho la più pallida idea di cosa.E’ troppo caldo per cucinare,ma non ho voglia di panini.Scusa questo non c’entra,di nuovo ciao.Lucia D.

  2. Ah,scusami.Io mi sono fatta l’insalata di riso,alla fine,la sta mangiando adesso.Purtroppo non è proprio fredda fredda,ancora,ma io ho fame adesso.Le foto sono,come sempre,interessanti.Un saluto a Gianni Biondillo,anche.Lucia D.

  3. Scusami Ares,mi ero dimenticata di salutarti.Ero scesa a farmi il caffè.L’insalata di riso,così,mi dura per un pò di giorni,e non occorre cucinare.Delle foto,conosco per averlo visto su internet, solo Francesco Forlani,con il cappello e il microfono.Salutavo Biondillo perchè è l’autore del post,ma non so chi è,nella foto.Mi sembra abbastanza semplice.Ciao,Lucia D.

  4. maestrina per favore, non derrida chi storpia il nome di deridda. dderide bene chi rridde ultimo.

  5. Primo non è bello far vedere il piatto vuoto, il sorriso satisfatto del convitato a una che non ha ancora mangiato per causa di esami da corregere in aula ( le brevet), ho finito, e sono in città collegata. Non è una prova di amicizia, di preferire primo di mangiare, scoprire i post su NI?

    Qualche osservazione: 1 Helena a occhi meravigliosi, blu straordinario.
    2 Andrea non si vede bene sulla foto: peccato!
    3 i bambini sono creativi. Bello vederli.
    4 Mi piaciono i colori: rossi arancione: l’ambiente.

    Un ringrazio a tutti il momento passato nella vostra compagnia.

  6. Scusate, non sono stato chiaro: quello sulla maglietta è Giacomo Deridda, un amico di Gherardo.

  7. Io sulla maglietta vorrei stamparmi quello collegato da Chicago. In alternativa: Rovelli che gioca a snake col cellulare.

  8. Secondo me la Casella era seccata perché alla cerimonia non è venuto Barraba. Infatti pensa: due palle, sempre gli stessi cristi. Adesso sono certo che Veronica è della scuderia di Sergio Soda Star. Forse ho smascherato anche Sergio Soda Star stesso: è Alessandra Casella.

  9. Eheh, ms, ne ho una anche mentre gioco a pallavolo ma dal vero, ti assicuro che è molto più comica :)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il corpo è tutto

di Valerio Paolo Mosco
Olivia Laing ci insegna che il corpo ci disvela, ci rende umani in quanto testimonia la nostra vulnerabilità e con essa l’eroismo di coloro i quali non hanno rinnegato la vulnerabilità.

Quella notte al Majestic

di Romano A. Fiocchi
Fu presso l’Hotel Majestic di Parigi, nell’imponente avenue Kléber, che nel corso di una serata organizzata dai ricchi coniugi Schiff si riunì un’incredibile schiera di artisti e di intellettuali. Tutti per assistere all’incontro tra due giganti della letteratura: Marcel Proust e James Joyce.

Palo luce 33

di Anna Caldara
Me l’ero conquistato quel palo a suon di scazzottate con le altre puttane della zona, tutte straniere con tanto di papponi al seguito che però non si immischiavano e ci lasciavano sfracassare tra noi mignotte.

Istoria del piccolo Iom

di Salvatore Enrico Anselmi
Caro lettore, questa che mi accingo a raccontare è la storia del piccolo Iom che da indifendibile passò a miracolato. Non ti crucciare se gli eventi ti faranno sgranare gli occhi, portare le mani alle orecchie per non poter più sentire, premere la mano sulla bocca per trattenere le parole, perché di fantastica ma vera storia vorrei narrare.

Acqua, minerale

di Saverio Marziliano
"Si chiedeva quanti e quali fossero i motivi di chi era partito, il loro stato d’animo, i sogni, le speranze e le aspettative. Sarebbero tornati? Il mondo che avevano trovato fuori dalla città era come immaginavano?"

Tungsteno

di Fabio Rodda
"Fuori era ancora buio. 24 sottozero, diceva il termometro sulla porta di casa. La pelle si tende fino a rompersi, se non la copri con il grasso di foca o di balena." Eccovi il nostro racconto di Natale davvero poco natalizio.
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: