Articolo precedentePiccoli Maestri crescono
Articolo successivoIndice Ikea

Juke Box / Joni Mitchell

Joni, la più brava di tutte.

http://www.youtube.com/watch?v=cZeyIbcsuPE

God must be a boogie man

He is three
One’s in the middle unmoved
Waiting
To show what he sees
To the other two
To the one attacking–so afraid
And the one that keeps trying to love and trust
And getting himself betrayed
In the plan–oh
The divine plan
God must be a boogie man!

One’s so sweet
So overly loving and gentle
He lets people in
To his innermost sacred temple
Blind faith to care
Blind rage to kill
Why’d he let them talk him down
To cheap work and cheap thrills
In the plan–oh
The insulting plan
God must be a boogie man!

Which would it be
Mingus one or two or three
Which one do you think he’d want the world to see
Well, world opinion’s not a lot of help
When a man’s only trying to find out
How to feel about himself!
In the plan-oh
The cock-eyed plan
God must be a boogie man!

3 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

E tu splendi

di Gianni Biondillo Giuseppe Catozzella, E tu splendi, Feltrinelli editore, 2018, 231 pagine Anche questa estate, come ogni anno, Pietro e...

A caccia nei sogni

di Gianni Biondillo Tom Drury, A caccia nei sogni, NNeditore, 2017, 232 pagine, traduzione Gianni Pannofino C'è un'America, nel cuore dell'America,...

Il club dei bugiardi

di Gianni Biondillo Mary Karr, Il club dei bugiardi, edizioni e/o, 2017, 413 pagine, traduzione Claudia Lionetti L'intera opera di Mary...

Uscire di casa, entrare in città (1 di 2)

(Condivido la prima parte di un testo pubblicato ieri su L'Ordine - inserto culturale de La Provincia di Como...

Testimoni involontari del tempo

Il 6 marzo 2020 ancora non mi rendevo conto di quanto le nostre vite sarebbero cambiate per colpa della...

Massacrarsi di cultura

(Gabriele Marino è un cercatore di tartufi. Qui di seguito, con precisione maniacale, ci racconta come ha conosciuto l'opera...
gianni biondillo
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.