Articolo precedenteUn poeta per un poeta
Articolo successivoGIUDICI

Tre poesie

di Maxime Cella

Fra questi piani d’ingombra rarefazione
manca un punto che dica dell’armarsi
o del deporsi, infligga nuova pena
e un orizzonte, sappia di una regina manichea
dei suoi infiniti sfumi e poi si renda
a segno felice di indirezione

Marca assenza anche oggi
quando questo rado sventolare di foglie
pure tace e si strema a correnti
morte di un primo sussurro
……………………………………
è disuso all’affronto
e reclino al suo vuoto
e di loro si piega del tutto indubbio

_______________

Sembra che le cose ovunque vadano
prese: si riallaccia il nuvolame alla collina lungo
la macinata pista ciclabile; l’alogeno dei
lampioni estenua la sera il giusto per
non farla annerire; strapiombano
i gradoni della piscina
dentro quel vasto
sciabordare

_________________

Ci riuscisse il giungere a questo solo
essere: la fine di ogni occulto fine
sull’oltresoglia del più terso lasciarsi
vivere – graffito
che al sole scolora
sulla calce dei futuri palinsesti (sogno
di un aver dato quasi inagito)
e la cancellasse
la cancellasse magari quella sensazione
di acceso/spento nel solco di…
………………………………………..piovra binaria che inchiostra
e sfugge o quella benna che o scava
o tumula e tu mai dentro
annaspo da fanghiglia e schiuma in bocca
…………………………………………due occhi
ora crateri altezza suolo grandangolari
erosi, amanti e mai più pensosi

articoli correlati

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Intervista a Italo Testa su “Teoria delle rotonde”

di Laura Pugno e Italo Testa   Laura Pugno: Vuole una tesi forte che molta della migliore poesia italiana contemporanea –...

da “Somiglianze di famiglia”

di Matteo Pelliti   Essi   Essi, loro i pronomi della lontananza, della distanza, della genealogia, della progenitura, gli antenati, gli spettri evocabili, avi, trisavoli, siamo noi...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Corrosioni

di Arben Dedja    Lo stuzzicadenti   Ah sì lo stuzzicadenti me lo ricordo eravamo in quel tal ristorante i telegiornali tuonavano i giornali con titoli in...

Progetto per una casa

* di Giulio Marzaioli ⊕ In primo luogo sarebbe opportuno possedere una casa. Quindi abbatterla, avendo cura di salvaguardare intatte alcune porzioni...
Avatar
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.