Articolo precedenteUn poeta per un poeta
Articolo successivoGIUDICI

Tre poesie

di Maxime Cella

Fra questi piani d’ingombra rarefazione
manca un punto che dica dell’armarsi
o del deporsi, infligga nuova pena
e un orizzonte, sappia di una regina manichea
dei suoi infiniti sfumi e poi si renda
a segno felice di indirezione

Marca assenza anche oggi
quando questo rado sventolare di foglie
pure tace e si strema a correnti
morte di un primo sussurro
……………………………………
è disuso all’affronto
e reclino al suo vuoto
e di loro si piega del tutto indubbio

_______________

Sembra che le cose ovunque vadano
prese: si riallaccia il nuvolame alla collina lungo
la macinata pista ciclabile; l’alogeno dei
lampioni estenua la sera il giusto per
non farla annerire; strapiombano
i gradoni della piscina
dentro quel vasto
sciabordare

_________________

Ci riuscisse il giungere a questo solo
essere: la fine di ogni occulto fine
sull’oltresoglia del più terso lasciarsi
vivere – graffito
che al sole scolora
sulla calce dei futuri palinsesti (sogno
di un aver dato quasi inagito)
e la cancellasse
la cancellasse magari quella sensazione
di acceso/spento nel solco di…
………………………………………..piovra binaria che inchiostra
e sfugge o quella benna che o scava
o tumula e tu mai dentro
annaspo da fanghiglia e schiuma in bocca
…………………………………………due occhi
ora crateri altezza suolo grandangolari
erosi, amanti e mai più pensosi

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Spitfire

di Andrea Cortellessa «Non è un romanzo storico, ma la vicenda di un uomo che si guasta». Così definiva un...

Creature di cenere

di Bianca Madeccia Studiava silenziosamente le fondamenta del creato, intima, fonda come un sentimento del quale si ha pudore. Un...

Emmanuela Carbè, Mio salmone domestico

di Andrea Cortellessa Stringi stringi, la vita è tutta una questione di fuori e dentro. Lì fuori c’è un mondo...

Del sentimento

di Livio Borriello uno spettro si aggira fra i libri: il sentimento qual è il pericolo che incombe sul mondo secondo...

Nota su Geologia di un padre

di Livio Borriello Ci sono libri che non sono solo libri, ma cose della vita che attraversano lo stadio di...
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: