Supernova di Fabiano Alborghetti

di Francesca Matteoni

“L’implosione di una supernova è caratterizzata da un’emissione luminosa tale che può uguagliare per un periodo di tempo limitato la luminosità della galassia che la ospita.” Dice così la nota di chiusura di questo densissimo libro di poesia di Fabiano Alborghetti, uscito nella collana di plaquette “I nuovi gioielli” per l’edizioni L’Arcolaio di Gianfranco Fabbri. Lo stato di supernova è lo stato della fine in cui si sprigiona l’energia più forte, si rivelano le cose ultime, su cui le parole si affaticano, perdono la loro carica interpretativa per farsi strumento di osservazione. Cosa ultima, luce stellare alla deriva estrema, sono in questo caso la malattia improvvisa di una persona cara ed il percorso che ne segue, oscillando ugualmente tra il nulla e la ripresa della vita. Il dolore, e ancora di più direi l’apparire della sostanziale fragilità dell’umano, producono una lingua secca, concentrata in scatti fotografici, immagini rapide che non chiedono conforto o spiegazione, ma di essere attestate ed accolte in quanto tali. La natura stessa della malattia, un ictus, è fulminea e transitoria: il trauma dell’astante è la presa di coscienza brusca che niente sarà più come prima, che la lentezza non è il processo di scomparsa o guarigione, ma la sospensione degli eventi in cui norma e sconvolgimento si ribaltano l’uno nell’altro. Proprio come gli occhi dei cervi accecati dai fari nella poesia di apertura, il presente è la sorpresa di qualcosa che c’è dove potrebbe tranquillamente non esserci: uno scarto impercettibile segna il passaggio tra il corpo vivo, memore di sé, e il corpo sorpreso dalla sua cancellazione. Se nei suoi lavori precedenti Fabiano ha indagato, mettendosi in gioco come essere umano prima che come poeta, l’invisibilità degli altri (L’opposta riva, opera corale sulle lingue dei migranti clandestini), e la quotidianità della violenza a livello familiare, una violenza difficilmente estraniabile e bollabile come altro da noi (Registro dei fragili), qui fa un passo ulteriore nell’’intimità degli affetti. Scopre in questi testi esatti, niente affatto inclini all’autocompiacimento nella sofferenza o al pietismo, che il paesaggio della nostra esperienza è legato inevitabilmente alla memoria di coloro che la intessono, che siamo responsabili di coloro che ci vedono, tanto più preziosi quanto precari. Il loro venir meno è il nostro.

***

Il panico esplode, irradia
ti ferma: congelata sei ferma
in ascolto della paura

gli occhi fissi come i cervi
di notte, colpiti dai fari.
L’immagine è chiara:

ma il cervo accecato non vede
aspetta qualcosa che non accade.
E’ cieco, interrotto

resiste alla fuga o aspetta il momento migliore.

***

Il sonno pieno dentro il farmaco
perché il farmaco sostiene, protegge, cura.
Esplosioni, lampi: è tutto lontano ora

anche l’ombra nera che ti mangia il fiato
il battito mancato quando tutto torna indietro:
il farmaco l’hai preso come fosse una preghiera.

Il tuo altrove
è un respiro d’incoscienza. Notte piena.
Dono, anche. Il tuo essere serena

contrastando la deriva.

francesca matteoni

Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Insegno storia della magia e della medicina, religioni comparate e altri corsi presso alcune università americane a Firenze. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Ho curato libri collettivi ispirati al fiabesco e collaboro con riviste online, fra cui L'Indiscreto e Kobo. Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). Insieme ad Azzurra D’Agostino ho curato l’antologia Un ponte gettato sul mare. Un’esperienza di poesia nei centri psichiatrici, nata da un lavoro svolto in Sardegna. I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. A lunedì alterni mi si può ascoltare su Fangoradio, con la trasmissione Sàivu. Abito con il gatto Ariel. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/ 

Tags:

  9 comments for “Supernova di Fabiano Alborghetti

  1. 22 Gennaio 2012 at 22:21

    Belle e intense, queste istantanee che *il cervo accecato* scatta di sè, e dalla vita: comprime e poi libera, con una sapienza che è passata dal dare forma al dolore e più nitore. Bravo Fabiano, e gentile Francesca!

    Maria Pia Quintavalla

  2. azzurra d'agostino
    23 Gennaio 2012 at 00:08

    libro unitario, forte e urgente. letto volentieri e con un senso di vicinanza. stanno uscendo dei bei libri di poesia, mi sento oltre a questo di consigliare anche ‘finìo de zogar’ di andrea longega per il ponte del sale, appena uscito. grazie a francesca.

  3. 23 Gennaio 2012 at 15:28

    Supernova è un piccolo grande libro.
    Una radice-grembo che emerge tra le cadute dell’esistenza. Per rischiararle, sorprendentemente…

  4. Gianfranco Arcolaio
    23 Gennaio 2012 at 20:38

    Sono felice di aver pubblicato questo autentico gioiello di Fabiano.
    Detto con il cuore in mano.
    Gianfranco

  5. francesco
    23 Gennaio 2012 at 22:41

    E’ un piccolo-grande libro, di quelli che dicono ciò che devono, niente di più e niente di meno.
    E trovo molto interessante l’idea di questa collana a livello di plaquettes, se Gianfranco intende continuarla.

    Francesco T.

    • Gianfranco Arcolaio
      24 Gennaio 2012 at 10:41

      Senz’altro intendo andare avanti con “I nuovi gioielli”, caro Francesco.
      Gianfranco

  6. Margherita Rimi
    24 Gennaio 2012 at 13:42

    Una scultura l’immagine del cervo: uno scacco tra l’immobilità e la tentazione di un movimento,la paura.
    Nitido ed essenziale il linguaggio anche un po’ meno discorsivo delle raccolte precedenti.
    grazie per averlo proposto
    Complimenti
    Un saluto
    Margherita Rimi

  7. 31 Gennaio 2012 at 13:56

    Grazie a tutti voi per la lettura e l’empatia e un grande grazie a Francesca Matteoni che ha permesso che questi testi fossero qui presenti grazie alla sua eccezionale lettura e commento.

Comments are closed.