Articolo precedentePIOVVE SEMPRE SUL BAGNATO
Articolo successivoPer Massimiliano Chiamenti

mi chiamano mimì

 

di  Massimiliano Chiamenti

 

caro simone,
ti ricordi a parigi
quando giocavamo a fare i ventenni poeti
(e ora invece lecchi il culo ai preti)
e tutto un fremito di pompe e pompidou
e umbertone eco alla sorbonne
noi nella sala bianca e poi il giannizzero:
monsieur le professeur!
(e − zac − che tutti in piedi!)
e il negretto che ci disse
(con maglia a strisce
un po’ gaultier un po’ alla cadinot, e certo molto gide)
che ci disse, dicevo,
che in quel quartiere
erano tutti morti già
parce-que il y avait le cida le cida le cida!
eh già
tutti morti già
non come noi
teatranti mestieranti come zazie dans le metro
non come noi
sopravvissuti a quegli anni
ai nostri narcisismi
ai nostri egocentrismi
io tenevo sottobraccio
mon petite guide gay
per cercare le saune più maiale a les marais
io − almeno in questo −
sono rimasto lo stesso:
un poveraccio
innamorato della verità;
(e mentre te lo scrivo
il marocchino accanto a me
all’internet cafè di abdul
sulla san vitale
della bologna per me provinciale
parigi in minore
il marocchino, dicevo,
si fa una mezza sega
senza tante storie
se lo strofina e se lo ravana di gusto
alla postazione 11 dell’internet cafè
e intanto ascolta in cuffia aussi des chansonettes)_

 

*

 

PER MASSI: Sabato 17 Novembre, ore 18, Caffè Letterario Le Murate, Firenze

 

*

Print Friendly, PDF & Email

13 Commenti

  1. sì, dignani ha dato un sussulto anche a me: la delicatezza (non la netiquette) vuole che non si commentino con ironica nonchalance i testi di un poeta scomparso di recente e in modo così tragico

    va detto che questo è un tempo in cui appena muori la tua poesia smette di esistere, i tuoi libri vanno al macero (se non l’hanno già fatto), e gli inediti nell’immondizia – e in fondo io ho scelto di postare questa poesia (ce ne erano tante più provocatorie, più appassionate, e quelle disperate degli ultimi giorni) proprio per il suo modo di rendere intime leggerezza e materialità, il cantare e il godere… mi pareva un modo più bello di onorare la memoria di massimiliano chiamenti

    • grazie al mio non essermi accorto del lutto, l’anima che ci rimane di Massimiliano (gli Dei lo abbino in gloria)ha evitato un possibile deserto di commenti e non attenzione che freddo e triste incombeva.
      Questo misterioso esserci stati
      un lungo attimo
      poi perdersi.

    • spesso si smette di esistere anche prima di morire, anche solo appena si serve un po’ meno o si partecipa, o si può partecipare, un po’ meno, e credo che questo sia più triste dei tanti coccodrilli che servono più alla coscienza di chi resta che alla dignità di chi se ne va.
      Nevertheless, una parola viva, “eretta”, come quella di Chiamenti non potrà mai scomparire nella memoria sincera di chi lo incontra. Felice di averlo ri-letto.

  2. è una gran bella poesia ed è stata una gran bella vita ( non facile, terribile, ma bella, cioè buona, cioè piena di dignità, di passione di sensibilità.
    Non l’ho mai incontrato davvero, ma da sempre ne sento parlare. Dalla sua poesia. E’ fluida, si sposta di lato, narra, meglio di 100 romanzi. Sembra facile e ammiccante e invece è velenosa, come il cazzo eretto del marocchino all’Internet point. Come solitamente, credo, la vita.
    Ha ritmo fluido, di parola parlata.
    Non lasciamola morire. Re-Citiamola in molti.

    Lello

  3. Vorrei ringraziare molto Renata Morresi per aver postato questa poesia di Massi, che ci dà cifra del suo cantare delicato e disperato, sempre vissuto.
    Non lasciamo morire la poesia di Chiamenti, mettiamoci invece in ascolto di una voce che é stata sempre alla ricerca di interlocutori, che ha saputo dar voce e che di voci (e di corpi, di vite) si è nutrita.
    Dice bene Lello Voce: “Non lasciamola morire. Re-Citiamola in molti.”

    un saluto

    Martina

  4. Sabato 17 novembre al Caffè Letterario di Firenze, abbiamo ricordato la molteplicità delle voci di massimiliano Chiamenti, che come giustamente ha ricordato Marco Simonelli, era “un’orda”.
    Simone Giusti ha letto questa poesia.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Come fossimo il fuoco

- va a finire sempre così - uno si immagina enormi apparati, strutture gigantesche, ordini di enti dalle dimensioni e dai poteri immani - e poi li vede sfaldarsi, li vede come li vedo io adesso, dissolversi in un niente, un momento di indecisione - palazzi enormi, strade infinite, milioni di persone al sevizio, impilarsi e inciampare gli uni sugli altri - da sé - senza che uno abbia fatto chissà cosa - ...

Nelle città occupate il tempo non esiste: conversazioni con scrittori di Bucha

Testimonianze, informazioni, brandelli di esperienza, il bisogno di gridare, "l'ultimo stadio della lirica": sei scritture da Bucha, Ucraina, raccolte da Ilya Kaminsky.

Aborto 2022, o “Canti di Natale”

[...] Questa si è infilzata con degli spiedi d’acciaio, è morta dissanguata su una tovaglia di plastica unta, pur di non averne un altro ancora e oltre il sopportabile. Perché c’è un limite, ma chi può sapere quando sopraggiunge?

“Corpo di buio” – da The European Eel, di Steve Ely

di Stefania Zampiga
The European Eel, di Steve Ely: poesia all’incrocio fra biologia marina, cartografia e protezione ambientale, per avvicinarci al misterioso ciclo vitale fra due continenti e ricordarci connessioni e responsabilità etico-ecologiche.

Dare figura alle cose. I disegni di Lorenzo Mattotti

di Daniele Barbieri
[...] Fare arte è invece utilizzare questo spazio umano del controllo (la parola, il racconto, l’argomentazione, ma anche le regole metriche, il disegno, le geometrie…) per ritrovare la sintonizzazione senza perdersi nella natura (ovvero disfarsi, morire).

Orrore, vergogna, odio.

Di Sergej Gandlevskij
Sulle prime non mi davo pace alla ricerca delle parole giuste per descrivere l’inizio della guerra, ma ho finito per scegliere le più comuni, quelle che riporto nel titolo, poiché sono quelle che la stragrande maggioranza degli amici e delle persone che conosco ha nel cuore e nella mente.
renata morresi
Renata Morresi scrive poesia e saggistica, e traduce. In poesia ha pubblicato le raccolte Terzo paesaggio (Aragno, 2019), Bagnanti (Perrone 2013), La signora W. (Camera verde 2013), Cuore comune (peQuod 2010); altri testi sono apparsi su antologie e riviste, anche in traduzione inglese, francese e spagnola. Nel 2014 ha vinto il premio Marazza per la prima traduzione italiana di Rachel Blau DuPlessis (Dieci bozze, Vydia 2012) e nel 2015 il premio del Ministero dei Beni Culturali per la traduzione di poeti americani moderni e post-moderni. Cura la collana di poesia “Lacustrine” per Arcipelago Itaca Edizioni. E' ricercatrice di letteratura anglo-americana all'università di Padova.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: