Impegno

di Antonio Sparzani

Ebbene sì, non ve lo aspettavate, ma alla mia veneranda età ho deciso di impegnarmi in politica, non si può più — lo sento — esimersi da un così pressante dovere. E per chi non volesse crederci ecco qua il mio programma, chiaro e dettagliato, vedete un po’.

Non cosmo un tazio, non defello un stocco,
non respetto una ghidia impiastroccata,
quando póllano i gari del malocco
e sciamano le scuffie all’impazzata;

desto si fila il maloréte accosto
e si agghinda di appoppe perlinate,
ma senza vallio non gli vale il mosto
e le stanghe son fesse e sderenate.

Quando verrà, quando verrà l’ascessa
che manda un turzo a gellinare il bobo;
almen rimasse con l’appura dessa

e si sfatasse un po’ per il mar savio,
che dirrine non fa, ma sente il lobo
drezzare per la gora con aggravio.

Print Friendly, PDF & Email

15 Commenti

  1. eh eh eh. Sono con te Sparz (ora però non fare come tutti che non rispondi più al telefono eccetera :-) )

  2. Immagino che l’aver subdolamente indotto il buon Sparzani a commettere un cotale *errore* (e, per giunta, all’interno di un contesto di totale “disimpegno”, dove l’unico intento dichiarato era quello di “sgarrupare le forme date per vedere l’effetto che fa” – cfr. l’intero thread), sia anche la ragione (o una delle ragioni?) che ha spinto la Redazione a cancellare il mio link dal blogroll nazionale (in fondo, che vuoi che sia il “rilancio” di un centinaio di post indiani in quattro anni?).

    Se le cose stanno così, non posso che essere pienamente d’accordo con la decisione e chiedere umilmente scusa: sperando che almeno il buon Sparzani, non fosse altro che per ragioni di prossimità anagrafica voglia e possa perdonare la maldestra uscita del reprobo (le *tare* culturali, ne sono ben consapevole, sono e restano inemendabili).

    Saluti.

    fm

  3. Ancora perdono (ah, le tare…): dopo “anagrafica” ci va una virgola (dal latino *virgula*, diminutivo di *virga*).

    fm

  4. A volte, per dare inizio a un *gioco* (una delle attività di cui, malauguratamente, stiamo perdendo il senso – e il segno), basta poco, veramente poco: ad esempio, sostituire i pronomi coi nomi – a maggior ragione quando i nomi sono visibili, ben presenti.

    I *nomi* sono come il *rosso* – il colore che annulla le distanze.

    I *pronomi*, soprattutto in presenza dei *nomi*, le distanze le annunciano, le impongono, se ne nutrono, scavano solchi profondi, incolmabili – sempre più spesso.

    E’ scritto nelle loro lettere – nel vuoto e nella lontananza che ne testimoniano e giustificano l’esistenza – e l’utilizzo. Oggi più di ieri (e meno di domani – si spera).

    E allora, nell’attesa, non si può non chiedersi: “haec fierent si testiculi uena ulla paterni uiueret in nobis?”.

    Buone traduzioni.

    fm

    • A volte per trasformare il *gioco* in un focolaio di tensioni basta non comprendere la connotazione di un pronome.

      ci vuole la luce violenta di un rogo
      per accostare l’abisso di volti che migrano

      pinge duos anguis: ‘pueri, sacer est locus, extra
      meiite.’ discedo.

  5. e sciamano le scuffie all’impazzata
    t’anna rà (traduzione: te la devono dare, la candidatura)
    effeffe

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

M’è venuto un sospetto. . . .

di Antonio Sparzani
Spero abbiate tutte e tutti notato come e in quali efferati e rivoltanti modi la polizia italiana (comprendo in questo termine carabinieri, polizia, urbana e non, e qualsiasi altro cosiddetto tutore dell’ordine) stia, come dire, alzando la cresta, ovvero il livello della brutale repressione dei “diversi” in qualsiasi modo essi si presentino: i fatti di Verona e poco prima i fatti di Milano, quattro agenti che pestano di brutto una transessuale ecc. ecc.

Le parole della scienza 3: da Tito Livio alla terribile “formula”

di Antonio Sparzani
La prima puntata qui e la seconda qui. Che cosa hanno in comune una Ferrari e il censimento della popolazione nell’antica Roma? Non molto, sembrerebbe, salvo che c’è una stessa parola che è implicata in entrambe. Nell’antica Roma, due millenni prima dell’epoca delle Ferrari, Tito Livio, storico di età augustea, scrisse un’opera immensa, cui si conviene di dare il titolo Ab urbe condita – dalla fondazione della città–per–eccellenza

Le parole della scienza 1: la Donzella crea l’insieme

di Antonio Sparzani
Una delle prime parole che compaiono nei manuali di matematica è la parola insieme. E il primo capitolo è spesso dedicato alla “teoria degli insiemi”. Io mi sono chiesto sia da dove salta fuori questa parola insieme sia poi come abbia fatto a diventare un vero sostantivo, da avverbio che era all’inizio. Per soddisfare la mia curiosità sono andato a guardare alcuni sacri testi e naturalmente ho capito che, come spesso accade, occorre scavare nel latino.

Fascismo di oggi

di Antonio Sparzani
Il 26 dicembre 1946, nello studio del padre di Arturo Michelini, presenti anche Pino Romualdi, Giorgio Almirante, Biagio Pace, avvenne la costituzione ufficiale del Movimento Sociale Italiano (MSI) e la nomina della giunta esecutiva...

armi, armi, armi

di Antonio Sparzani
Nell’anno 1990, presidente del Consiglio il divo Giulio (Andreotti), ministro di grazia e giustizia Giuliano Vassalli, socialista, fu approvata un’ottima legge, n° 185, sul controllo da parte dello stato della vendita di armi a paesi terzi. L’articolo 1 di tale legge riguarda il controllo dello Stato e i suoi punti 5 e 6 suonano così: 5. L'esportazione ed il transito di materiali di armamento, nonché la cessione delle relative licenze di produzione, sono vietati quando

Come continua il fascismo: il primo dopoguerra

di Antonio Sparzani
Franco Ferraresi era mio grande amico, direi intimo amico, della fanciullezza e dell’adolescenza. Nella molto remota ipotesi che qualcuno ricordi una piccola serie di post che pubblicai su questo blog una dozzina di anni fa e che aveva un titolo comune “Le storie di Fiorino”, Franco era l’Ernesto di queste storie...
antonio sparzani
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, dopo un ottimo liceo classico, una laurea in fisica a Pavia e successivo diploma di perfezionamento in fisica teorica, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Negli ultimi anni il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, raggiunta l’età della pensione, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia (Mimesis 2012). Ha quindi curato il voluminoso carteggio tra Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung (Moretti & Vitali 2016). È anche redattore del blog La poesia e lo spirito. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: