Napoli — La città della scienza


5 Commenti

  1. Per contribuire alla ricostruzione di Città della Scienza è disponibile il conto corrente, intestato a Fondazione Idis Città della Scienza, IBAN IT41X0101003497100000003256. Causàle: «Ricostruire Città della Scienza».

  2. Un dolore immenso. Chi ha acceso l’incendio ha distrutto la speranza, la bellezza che i Napoletani avevano investito in questo luogo.

    Ieri ero in rabbia, oggi sento in me una tristezza che tutti provano davanti alla brutezza di un luogo ferito.

    Ogni luogo è anima di chi vive. Oggi si considera la presenza di un corpo mutilato, annerito.

    Consiglio di ascoltare le parole di Roberto Saviano su questo incendio.
    Attraverso le sue parole, scandite di silenzio, si sente tutta l’anima bella di Napoli, la sua pena e la sua speranza.

  3. Grazie di aver condiviso questo intervento di Roberto, Antonio…io sono ancora sconvolta, le immagini erano terribili…e sentire la parola “doloso” quasi come sicura pure…

  4. è un tempismo fuorviante,col conclave alle porte e le elezioni alle spalle.Una matrice luddista in maschera,o il corrispondente simbolico del rogo che distrusse le biblioteche di alessandria e timbuctù.Di sicuro niente da sottovalutare

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Le anime dei ragazzi a Napoli #2: un colloquio con Giulia Sagliocco

di Mario Schiavone Quanti grammi pesa il cuore di un ragazzo di strada a Napoli? mi sono chiesto nel primo...

Le anime dei ragazzi a Napoli: un colloquio con Maurizio Braucci

di Mario Schiavone Quanti grammi pesa il cuore di un ragazzo di vita a Napoli? La domanda, forse poco...

Shelter in place (l’Italia in una stanza)

di Sara Marinelli Nove ore di fuso non sono niente. Se dormo di giorno e sto sveglia di notte, sono in...

Street art e identità visive di Napoli. La parola alle immagini

  di Francesca Basile Le sperimentazioni dei primi writer americani esplosero per sovvertire le regole di accesso legittimo alla parola in...

Riccardo, ti ricordi…

(A Porto s'è svolta una importante mostra sull'opera di Riccardo Dalisi. Davide Vargas ci regala il suo affettuosissimo testo...

Il catalogo è questo. Sulla mostra “Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica”

di Giuseppe Merlino “J’aime le luxe et la mollesse, tous les plaisirs, les arts de toute espèce. La propreté, le goût, les...
antonio sparzani
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, dopo un ottimo liceo classico, una laurea in fisica a Pavia e successivo diploma di perfezionamento in fisica teorica, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Negli ultimi anni il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, raggiunta l’età della pensione, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia (Mimesis 2012). Ha quindi curato il voluminoso carteggio tra Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung (Moretti & Vitali 2016). È anche redattore del blog La poesia e lo spirito. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.