Articolo precedenteSi chiama noi
Articolo successivoDivertimenti

Addò fernesce o Tamiggi em ti eu começo / Dove il Tamigi termina in te io comincio

di Domenico Arturo Ingenito

Aggio visto in Angleterra comme se ne care o império
e falaremos da superioridade espiritual
do popolo lusitano quanno a Lisbona
a luce se spanne pe ddint’e cuorpe
que passam pelos prédios incendidos
e cheios daqueles fantasmas sienteme
que matavam accirevano oggni nnotte
mais ou menos ruiciento perzone.
Nun me parlà d’e bboe ca stanno
mmiez’o Tamiggi, aqui ce stamme
sule nuie cu e muorte accise, ammazzate
matados pela sabiduria das horas
si penzo ca tengo o core tutto sfunnato
quando m’arrecordo e te.
O vuto l’aggio fatto, sigo na freve, nas febres
e mmo si te veco me sento nu purpo
arravugliato nganna, não voltes
nunca voltes, não fales do meu silencio
amo-te, m’aggio fatto chino e te
no cheiro da saliva e dda sfaccimma
nun me sculà como os mortos cinzentos
schiattame, pugneme, ofereço-te o meu fim.
S’è sguarrato o vurto santo, sinto a agua
ca me ne porta.

https://hotfile.com/dl/224811995/f7f9740/portoghesenapoletano.mp3.html

5 Commenti

  1. ‘Nu trummuliccio me piglia ‘o core
    quanno te sente ‘e parlà accussì.
    Me staje recitanno ll’urdema scena?
    O è solo pucundria mentre ‘a faccia
    è ghianca comm’a nu lenzulo. ‘A pelle
    toja sfrennesea comm’a nu criaturo.

    Aaddò si state guardanno ‘o Tamigge.
    Diciste Londra, ma ‘e pesnizere tuie
    steveno a Parigge addò scorre ‘a Senna
    e ll’ammore era stata ‘na prumessa, ‘nu
    viaggio sgarrupato dint’e mmane. Sapisse
    ca me piglia quanno dint’e vvene scorre
    ‘o sciummo d’e canzone. Simme ancora nuje.

    ‘E piccirille hanno lasciato ‘e pazzielle
    mmiezz’o vico. Songo ‘e pezze e ‘e cartune.
    Quanno chiove se nzuppano ‘e lacreme comm’a
    ll’uocchie o se scioglieno dint’e saittelle.
    Rimane ce penza ‘a fantasia pe’ sciogliere
    ‘e catene: dint’a munnezza se trova sempe
    quaccosa pe’ costruì ‘nu carruocelo. Poi
    jammo ncopa Pasquale Scura e ce ‘nzuffunnammo
    ‘a ncopp’a tutto. Simmo acqua ca nun se mantene.

  2. Sarebbe possibile ricaricare l’mp3? Purtroppo quello che scarico dal link segnalato non parte… E’ solo un problema mio?

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Settembre 1943 e altre poesie

di Umberto Piersanti

Per gentile concessione dell’editore, pubblichiamo tre poesie da Campi d’ostinato amore di Umberto Piersanti, La nave di Teseo 2020

Sonia Caporossi – Taccuino dell’urlo (Marco Saya Edizioni 2020)

Prefazione di Maria Grazia Calandrone La scrittura di Sonia Caporossi è mossa dalla necessità di comprendere filosoficamente il mondo, che...

LA MUTA PER AMORE – ESTRATTO

di Francesca Canobbio Precipita il principio poiché si segna solo nel momento successivo all’attacco per recupero di distacco e nel...

Su «Come sarei felice» di Tommaso Giartosio

di Domenico Conoscenti Il primo contatto che ha il lettore col libro di Tommaso Giartosio, Come sarei felice. Storia con...

I poeti appartati: Nadia Campana

Nota di Alida Airaghi Di Nadia Campana (Cesena,1954-Milano,1985) l’editore riminese Raffaelli ha pubblicato nel 2014 due volumi: Visione postuma e Verso la...

Maria Pia Quintavalla – Prose da Vitae

Un caro diario di questi anni Caro Diario, questo diario è un miracolo. L’ho baciato preso in braccio, vedendolo . (Era...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).