Articolo precedenteCosì irripetibile
Articolo successivoGive art a chance: OT gallery

Roberta Durante, da: Balena

1453533_10205168172625757_3137509900482122106_ndi: Roberta Durante

testi tratti da Balena
Edizioni Prufrock spa, 2014

[…]

11

brilla se parla o canta
strilla se sa che manca muta bisbiglia
arranca la sua vocale ferma risale
aleggia nel suo silenzio il suono spento
aggiunge pochi rumori ai suoi fuochi
brucia rauca balena in parola oscena

12

parola oscena scivoli veloce
lungo la lingua e sbatti
fino ad uscire ascendi alla mia voce
se suoni al campanello della bocca
mi tocca dirti (come un rimedio)
tirarti fuori e renderti mio medium

13

mio medium mio sollievo
che lieve m’allieti estrai me da me
ma non sei tutto sai?
E il frutto del mio fatto
(e d’esser fatto infondo) è solo questo:
dove dici la voce l’assenza indìce

14

indìce ciò che intende
ma qui l’assenza è assente
quasi non si comprende
non c’è mente che la colga
non c’è voce che dia voce
a ciò che qui non c’è e si sente

15

“sente qualcosa?”
disse il medico battendo il martelletto sul ginocchio
ma io senza riflessi non sentivo affatto
mi diede un altro colpo a tradimento dentro l’occhio
e vidi il nero del suo scacco matto:
ora sentivo a stento il mio lamento

16

il mio lamento aveva un che
che mi scuciva
stava crescendo dentro bucandomi la pelle
se ne usciva
senza una diagnosi m’incamminai lagnandomi
con il pensiero pieno a bocca asciutta

[…]

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Per chi fosse interessato (e nei pressi):

    domani, 30 ottobre,
    ore 21:00
    al Cortile Caffè, via Nazario Sauro 248, di Bologna
    incontro con l’autrice,
    nell’ambito della manifestazione “Precipitati e composti” organizzata da Luca Rizzatello (Prufrock Edizioni)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Del solvere e del dissolvere: cartolina da Montelago

    « qualche cosa che / provenga da mutilati orizzonti immaginari di inconcepibile / travaglio» Emilio Villa, Sybilla (foedus, foetus)   È una specie...

Prima fascismu, adés no sai – FEDERICO TAVAN

poesie di Federico Tavan fotografie di Danilo De Marco
Maledeta chê volta / ch’ài tacât a scrîve

Se un corpo è puntellato dagli spilli

di Mariasole Ariot
Si incammina lento, un corpo puntellato dagli spilli, quando gli insetti s’insinuano nel sottopelle e dalla punta più bassa del terreno arrivano alla testa: un brulichio di voci e mani a forma di pensiero...

Maria Borio: “in un sogno diventavo un corpo di medusa”

    Ciò che può unire l’operazione sonora e l’operazione immagine dipende dalla ricerca dell’energia letterale della superficie. J.-P. Courtois   Zacinto Edizioni ha recentemente...

Flavio Ermini: “dalla parte dell’ombra”

    Anterem ha recentemente pubblicato Perché la poesia. L'esperienza poetica del pensiero di Flavio Ermini. Come scrive Daniele Maria Pegorari:...

La penna nei guantoni. Per lasciare un segno in quattro domande

Terzo e ultimo intervento tra Federica Guglielmini (FG) e Dome Bulfaro (DB) per valorizzare la boxe e riflettere sulla boxe. Dopo i loro due rispettivi articoli monografici il terzo e ultimo intervento avviene in forma di gioco
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: