Compleanno della mela

di Fernanda Woodman
eva-hesse-Accession-V

 

COMPLEANNO DELLA MELA

eccola di nuovo
che insegue la sua musa
e litiga con lei
per un etto di mentine

ma al compleanno della mela

arriveranno insieme
e campanelli dappertutto
suoneranno una marcia
che vuole dire Verde e Fuoco

(aria che smuove luce sui muri delle case
e un gatto le insegue)

per ogni lembo della notte
ci sarà un regalo
e una pioggia di brillantini cadrà sul marciapiede:

lì rimase incastrato il ricordo della luna

 

CASALECCHIO DI RENO

la mia faccia se ne è andata lungo il fiume
a adorare le mani della ragazza che piange
e impasta fango e lacrime per modellare un orso.

dal sole cade un lazo che cattura cani e albanesi

e tutti si fermano a guardare la scena,
mentre i poliziotti e quelli del canile
cercano una scala per arrivare al cielo.

sulla mia mano c’è un neo nuovo
che prima era tuo e me l’hai attaccato.
sono così felice di questa migrazione:

avrai in cambio il dentino da latte
che brilla ancora intatto e incastonato
in fondo al pozzo, da più di cento anni.

 

FERRAGOSTO

l’amore se è andato oltre il confine
è un sacchetto che vola sull’autostrada
travolto dai camion, verso la Francia

mentre si tiene una partita di burraco
qualcuno lascia in pegno una pepita d’oro

rimane il suo odore intrappolato nel cielo
è un’ombra gigante, di aquilone immenso

 

IL MIO DIO

erano le preghiere dell’ultima spiaggia
quelle che ho detto oggi al mio dio
in una stanza in fondo al corridoio

manine piccole e rosario di conchiglie:

fammi avere un pony e un chilo di marshmallow
sacchetti di plastica per un vestito nuovo

voglio andarmene di qui
per sempre

e non mi troverete più

andrò ad abitare in quella buca profonda
che ho visto in un libro di beatrix potter

 

L’ETÀ DEL FERRO

verso le sette di sera già sbiadivano
quelle notizie di mogli e di bambine

erano una vecchia foto sovraesposta
cani abbandonati e occhi e polsi
un video girato dal cellulare
dalla mano tremante di un impasticcato.

nell’aria bloccata restava la panchina
vegliata dal sole silenziato dalle nuvole.
tra l’ambrosia bruciata ricordo della primavera
oscillava piano il volantino del super.

 

**********

Nell’immagine: Eva Hesse, Accession.

2 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Di non sapere infine a memoria

di Vito Bonito canto dei bambini monocellulari gli organismi monocellulari sono la forma di vita di maggior splendore un'esistenza parassitaria che non ha bisogno alcuno di...

Andrea Astolfi: c’è un passaggio

  di Andrea Astolfi     c’è un passaggio un passaggio white * treno in corsa ad un certo punto forse vedo un vhs * a sapporo o a sapporo wonderful ball * silence where are...

Non praticare il cannibalismo

di Ron Padgett POESIA D'AMORE Siamo pieni di fiammiferi a casa. Li teniamo sempre a portata di mano. Ora la nostra marca preferita...

Guardiani

di Bianca Battilocchi Io, ero stata cancellata dal fuoco, sono stata invasa dal verde strisciante (come è lucida la stagione) Col tempo gli animali sono arrivati...

Nervino

di Mariasole Ariot
Si apre nella stanza – la parvenza della luce che ha per occhio – una buca sul terreno della casa – le mani dolci come cialde – il delicato attendere una chiamata

Una passeggiata ad Avalon

di Francesca Matteoni
La magia del nome Avalon evoca la visione di una terra perduta; un meleto incantato; un territorio della Dea, essenza trasformatrice del mondo. Ne è via d’accesso...
francesca matteoni
francesca matteonihttp://orso-polare.blogspot.com
Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/