Avrei fatto la fine di Turing

di Franco Buffoni

Avrei fatto la fine di Alan Turing
O quella di Giovanni Sanfratello
In mano ai medici cattolici
Coi loro coma insulinici
E qualche elettroshock.
Perché era un piccolo borghese
Il mio padre amoroso
Non si sarebbe sporcato le mani.
Controllando l’impeto iniziale
Vòlto allo strangolamento
Del figlio degenerato,
Ai funzionari appositi
Avrebbe delegato
La difesa del suo onore.

______________________

Alan Turing (1912-1954) matematico, logico e crittografo inglese, è uno dei padri dell’informatica. Decisivo fu il suo contributo nel decrittare i codici segreti nazisti. Morì suicida dopo essere stato sottoposto a castrazione chimica in quanto omosessuale.
Giovanni Sanfratello (1944) compagno di Aldo Braibanti (1922-2014), fu rapito dai famigliari nel 1964, internato in una clinica privata per malattie nervose a Modena, quindi in manicomio a Verona. “Curato” con elettroshock e coma insulinici – mentre Braibanti veniva condannato a nove anni di carcere per “plagio”, poi ridotti a due – Sanfratello venne ridotto allo stato vegetale.

10 Commenti

  1. Di come vincere una guerra contro i nazisti, solo per scoprire che si è combattuto in pro di un’altra variante di nazisti.

  2. Terribile. Si legge. Un cortocircuito.
    Leggo.
    Ma la mia mente è ancora inebetita.
    Sotto choc.

    La tua poesia resiste.

  3. Grazie a tutti e in particolare a Francesca, che mi ha chiesto questa poesia per Nazione Indiana (dopo averla letta su Facebook). Poesia scritta ben prima dell’uscita del film. Uscirà a fine anno da Donzelli in un volume che si intitolerà proprio “Avrei fatto la fine di Turing”.

  4. La scienza è sempre nelle mani di qualcuno: cattolici, nazisti, stalinisti ec…
    l’indignazione a senso unico è cattolicesimo!

  5. “Avrei fatto”?
    Rebus sic stantibus, siamo ancora in tempo a farla quella fine…
    C’è solo da vedere quale maggioranza spadroneggerà in Europa nei prossimi decenni.
    A voi la scelta: i nostalgici del nazifasciocomunismo, i fanatici religiosi, gli ultrà di ogni “colore, sport e dottrina”, gli stregoni del Dio Mercato…
    L’ignoranza e l’indifferenza dei grandi numeri aprono pascoli sconfinati ai sopraddetti.
    I Turing là non avranno cittadinanza e tanti saluti.

  6. luino scrive:

    “La scienza è sempre nelle mani di qualcuno: cattolici, nazisti, stalinisti ec…
    l’indignazione a senso unico è cattolicesimo!”

    che è evidentemente un rimprovero a Buffoni, come dire che egli è fazioso nel citare la religione cattolica.

    Usando un minimo di accortezza, si dovrebbe pensare che Buffoni sta parlando dell’Italia e del giudizio sull’orientamento sessuale. In questo contesto è realistico ritenere che le strutture di pensiero della religione cattolica – in particolare il ‘binarismo sessuale’ e l”eterosessismo’ che sono due tradizioni fondanti il nostro ordine sociale – costituiscano il sottofondo del sapere medico-psichiatrico-psicologico in Italia e delle prassi cliniche che ne derivano.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Una passeggiata ad Avalon

di Francesca Matteoni
La magia del nome Avalon evoca la visione di una terra perduta; un meleto incantato; un territorio della Dea, essenza trasformatrice del mondo. Ne è via d’accesso...

Poesia e perdita. Un’intervista di Gilda Policastro a Franco Buffoni

L'intervista-dialogo che segue nasce da un incontro di poesia, tenuto presso la scuola Molly Bloom nel 2017.   Poesia e perdita:...

L’Anno del Fuoco Segreto: Foresta d’Ali

L'Anno del Fuoco Segreto di Edoardo Rialti e Dario Valentini Suonando invisibile per il giovane Ferdinando che si aggira sulla spiaggia...

Poesia e ragionevolezza

di Franco Buffoni C’è una scena dell’Amleto di Laforgue che mi viene sempre in mente quando si tratta di definire...

Diario d’autunno. Poesie, alberi, animali

di Francesca Matteoni Nel mese di agosto ho cambiato casa e vita. Le prime settimane sono state occupate dal trasloco...

Testimone di passaggio

di Francesca Matteoni Come suona il presente? Forse come uno spettro, che mentre lo guardiamo è già altrove, una fotografia...
francesca matteoni
francesca matteonihttp://orso-polare.blogspot.com
Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/