Fascismo infinito, antifascismo infinito. Intervista a Stefano Valenti

di Giacomo Verri

Il 10 settembre scorso ho partecipato assieme a Stefano Valenti e allo storico Bruno Ziglioli – che ci ha coordinati – e a Mauro Magistrati – che ha introdotto le nostre parole – a un intrigante incontro organizzato dall’ANPI provinciale di Bergamo. Il titolo della serata, Scrivere di Resistenza oggi, è stato il goloso stimolo per parlare di un tema, quello della Resistenza – in senso stretto, ma non solo – che nel 2018 ancora suscita fioriti interessi e movimentate discussioni. Ne abbiamo avuto una riprova nell’ariosa Sala del Mutuo Soccorso dominata da una riproduzione – penso 1:1 – del Quarto Stato di Pellizza da Volpedo e gremita da alcune decine di persone lì raccolte per ascoltare, ma soprattutto per cercare risposte a un pugno di domande difficili il cui fulcro – mi è parso di capire – è questo: dove diavolo sta andando l’Italia, coi suoi razzismi e le sue violenze? Che ruolo ha, in questa nazione, la memoria storica?

Ne è nato – credetemi – uno degli incontri più provocatori a cui abbia partecipato negli ultimi anni attorno al tema resistenziale, ma soprattutto attorno alle odiose derive reazionarie e alle recrudescenze del neofascismo. In particolare, Stefano Valenti, autore per Feltrinelli di due romanzi (La fabbrica del panico, 2013, e Rosso nella notte bianca, 2016), ha attizzato le coscienze di molti introducendo nel dibattito alcuni notevoli elementi di discussione, dal fascismo infinito alla mistificazione della violenza, dal ‘buonismo’ di certa sinistra al patologico uso dell’ingiustizia nel sistema-Italia, fino alle derive del rancore diffuso.

Innanzitutto ti chiedo, Stefano, come e perché sei arrivato a parlare di Resistenza, in particolare in Rosso nella notte bianca.

Rosso nella notte bianca nasce da una necessità e da un incontro. La necessità è comprendere la perennità del fascismo. L’incontro è quello con Il nemico interno. Guerra civile e lotte di classe in Italia (1943-1976) di Cesare Bermani (2003), libro che narra dell’Italia come uno dei paesi d’Europa dove maggiore e feroce è stata la repressione del conflitto sociale. Bermani ci accompagna dagli anni dal dopoguerra agli anni settanta, raccontando le migliaia di morti di fucili e camionette della polizia italiana. Ben prima del terrorismo, una storia poco nota che, forse, ne racconta la genesi. Lì, dentro a quel libro, ho conosciuto la vicenda dell’ex partigiano Giuseppe Bonfatti, classe 1924, il quale, dopo decenni passati a lavorare in Brasile, torna nel 1990 in Italia e la mattina di giovedì 8 novembre dello stesso anno, a Viadana in provincia di Mantova, uccide a colpi di gravina – strumento che ricorda il piccone che aveva ucciso Trockij – Giuseppe Oppici, ex-fascista locale. Per Bonfatti è un atto dovuto.

La costruzione del nemico pubblico, ben rappresentato dalla figura del Bonfatti, non è un fenomeno recente. Nella storia del Bel Paese lo stigma è stato addossato, di volta in volta, a gruppi sociali, etnici, religiosi o politici, in una percezione diffusa della loro presunta pericolosità. Complicato sarebbe elencarli tutti. Nemiche furono le plebi meridionali all’indomani dell’unità; nemici i ‘disfattisti, pacifisti, austriacanti’ che si opposero alla grande guerra; nemici i partigiani nell’Italia repubblichina; nemici i comunisti; nemici gli anarchici a cui imputare le stragi di Stato; nemici i braccianti e gli operai in sciopero; nemici i ribelli e i rivoluzionari tutti; nemiche, in generale, le ‘classi pericolose’. Uno stigma riservato non solo ai soggetti conflittuali, ma estendibile a piacere anche al capro espiatorio del momento: gli ebrei di ieri, i migranti di oggi, i rom di sempre.

A settant’anni dalla fine della guerra, quali conti sono ancora aperti con la Resistenza? È necessario scriverne, è necessario parlarne?

I conti con la Resistenza l’Italia non li ha mai fatti davvero. L’Italia ha inventato il fascismo, lo ha diffuso nel mondo, lo ha riesumato in anni recenti, unico paese al mondo. Per non parlare del dopoguerra, quando abbiamo assistito a una sorta di amnesia collettiva. Per un lungo periodo si è ignorato il consenso popolare al regime hitleriano e a quello fascista, il diffuso antisemitismo. Una rimozione storica che ha avuto forti conseguenze sulla rieducazione di massa e sulle divisioni interne provocate dal conflitto. Parlare della deriva fascista di questo paese è più che mai necessario, senza fare sconti nemmeno a coloro che dai pulpiti privilegiati di una sinistra di comodo hanno affermato, senza pudore, quella pacificazione mai avvenuta.

Nella serata di discussione a Bergamo, hai parlato di “fascismo infinito”. Di che cosa si tratta? Ha a che fare con quello che Eco ha chiamato “fascismo eterno”?

Il fascismo non è morto nel 1945 e non è nato nel 1919, al contrario, la sua visione del mondo (e la sua psicologia, come riteneva Adorno) precedono la forma storica accettata nel ventennio e sono più durature della dittatura mussoliniana. Umberto Eco parlava di Ur-fascismo e ne incarnava le caratteristiche nei tratti tipici del fenomeno storico. Ma il fascismo travalica il fenomeno storico e diventa fenomeno culturale endemico e obliquo nella società italiana. Già Giolitti nei primissimi anni venti aveva pensato di potere usare il fascismo in funzione anticomunista per poi addomesticarlo e farlo rientrare nell’alveo della democrazia parlamentare, con i risultati che sappiamo.

Non dimentichiamo il fenomeno del governo di Fernando Tambroni, ex Partito Nazionale Fascista passato alla DC sul finire della guerra, e Presidente del Consiglio tra il marzo e il luglio del 1960 con l’appoggio determinante del Movimento Sociale. Fu, il suo, un autentico tentativo di regime autoritario, con censure all’arte e alla cultura, provocazioni fasciste, ferimenti e uccisioni di militanti di sinistra da parte della polizia. Il governo Tambroni, sebbene effimero, può essere considerato la prova che, a meno di quindici anni dalla proclamazione della Repubblica, il fascismo era già in grado di rioccupare il potere.

Non estirpando il fascismo dal suo seno nemmeno dopo la guerra, ma anzi pensando di utilizzarlo contro la protesta antilatifondista e comunista prima, e contro il più ampio movimentismo di sinistra venti anni dopo, la Repubblica s’è infettata di uno dei mali peggiori, quello di un passato tragico che non passa mai.

Un nodo centrale della nostra discussione è stato anche il rapporto tra buona/falsa coscienza e mistificazione della violenza. Una mistificazione che ha una storia, una storia che parte dai mesi di guerriglia partigiana ma poi prosegue, per il nostro Paese, lungo la traiettoria segnata dalle rivoluzioni culturali degli anni Sessanta e Settanta e continua ancora oggi…

Mi piace qui iniziare con le riflessioni sulla violenza di Edouard Louis: “Mai dire che i ceti popolari rifiutano la cultura, ma che la cultura rifiuta i ceti popolari. Mai dire che i ceti popolari sono violenti, ma che i ceti popolari subiscono violenza quotidiana e riproducono quella violenza. Ogni analisi che pretenda di cogliere il mondo senza un pensiero che individui il succedersi degli eventi è destinato a fallire. Contrariamente ai miti che la borghesia cerca di imporci, la cultura non salverà nessuno. Sarà un certo tipo di cultura a farlo. Un tipo di cultura capace di definirsi contro la cultura dominante, un tipo di cultura generata contro la cultura esistente. La violenza è elemento fondativo della lotta di classe. Per i borghesi di tutto il mondo nessuna violenza è ammessa, se non quella legalizzata e costituzionale dello sfruttamento del capitale sul lavoro salariato, e quella dei loro eserciti, sulle masse proletarie e oppresse del mondo. I sostenitori delle guerre preventive che saccheggiano, sfruttano, affamano milioni di uomini, donne e bambini nella spasmodica ricerca del massimo profitto in ogni parte del mondo, producono necessariamente movimenti d’opposizione. Così è stato nei confronti del fascismo. La forma di produzione capitalistica, su cui si fondano i valori dominanti dell’attuale società, dà per scontato uno scorrimento lineare e progressivo del tempo in cui tutti gli avvenimenti e i differenti ambienti sociali sembrano convivere in una sincronia meccanica precisa e incontrovertibile. Al massimo, chi non si adatta, anche quando si tratta di interi gruppi sociali, è considerato fuori tempo, sorpassato, inadeguato, superato, sconfitto oppure residuo di un passato destinato a scomparire”.

C’è quindi un rimedio a questo “fascismo infinito”?

L’unico rimedio efficace è l’antifascismo infinito. Così come un virus è debellato dalla infinita pratica della vaccinazione, così il fascismo può essere debellato dalla infinita pratica dell’antifascismo. Una pratica andata in disuso in Italia fin dal dopoguerra e poi cancellata dalla equiparazione tra fascismo e comunismo, dal revisionismo e dalle funeste politiche liberiste dell’oggi. Dopo la caduta del regime fascista le forze della sinistra furono fautrici della soluzione più drastica e più radicale del problema, sia della distruzione o della rimozione dei residui del fascismo, sia della punizione dei colpevoli del ventennio di dittatura. Ma nulla poterono contro le scaltre resistenze alla severa punizione dei delitti fascisti alle quali si opposero con tenacia le forze politiche moderate, il re, il governo britannico, l’alta burocrazia, gli alti gradi dell’esercito e la magistratura, con il chiaro intento di non recare il minimo pregiudizio alla continuità giuridica e amministrativa dello Stato italiano. Sono questi i principali sconfitti per la mancata defascistizzazione del Paese, sancita in modo clamoroso dall’amnistia Togliatti-De Gasperi del giugno 1946.

Una cauterizzazione del bubbone fascista è forse ancora possibile, ma richiede la premessa di una sanitizzazione culturale e politica profonda e capillare della società e della classe dirigente. Una cosa, questa, che mette l’Italia ogni giorno di più di fronte alla propria disperata inettitudine.

La memoria e soprattutto la discussione intorno alla memoria sono diventate giochi per pochi, questioni cavillose che – a prestare orecchio ai borbottii diffusi – non interessano più a nessuno?

L’antifascismo, e dunque la memoria, sono preponderanti quando diventano pratica del presente, non quando sono celebrazione del passato. Non è dunque concepibile immaginare l’attualità della memoria e della discussione intorno alla memoria in una società nella quale i valori dell’antifascismo sfumano nella violenza del Capitale che riproduce prodromi di fascismo. Perché questi temi ritornino attuali è necessario trovare le ragioni d’attualità dell’antifascismo nell’applicazione di una ragione di classe. Ma al momento non vedo nessuna forza politica organizzata in grado di farlo.

E, infine, che mi dici delle nuove leve, dei giovani?

Fare torto alle nuove generazioni dando loro responsabilità che non hanno non renderebbe un buon servizio alla causa dell’antifascismo. Meglio dire dei padri e arrivare ai figli per palingenesi. Sono infatti i padri in primo luogo, e non i figli, ad avere dimostrato ridotte capacità di resistenza al virus del fascismo.

  4 comments for “Fascismo infinito, antifascismo infinito. Intervista a Stefano Valenti

  1. carlo carlucci
    14 ottobre 2018 at 10:56

    E verrebbe da aggiungere….mafie infinite….La campionatura italica é UNICA, al solito. Prendiamo il duopolio Salvini&Di Maio. Nessun paese europeo ha avuto un tale voltafaccia e una tale commistione, Lega buzzurra e il ‘partito inventato’ da un comico intelligente. L’unicitá italica nel male…..Un Paese difeso da pochi, sempre. Fin dai tempi di Ciro Menotti. Mazzini? Esilato e morto in incognito a Pisa? Garibaldi auto esiliato a Caprera. E quelli di Giustizia e Libertá. E l’avv. Ascari reduce dalla Russia a prendere le difese delle vittime della resistenza rossa ( una parte..) in quel dell’Emilia. Ma anche tanti eroi puri come Leonardo Cocito nella resistenza rossa. E che dire dei Falcone e Borsellino, dei puri eroi come loro. É grazie sempre a un manipolo di prodi, disposti al sacrificio estremo che l’Italia……

  2. Andrea Inglese
    14 ottobre 2018 at 23:47

    Bella intervista, e lucide le risposte di Stefano Valenti. Rimane una perplessità. Il fascismo è una prerogativa, una maledizione tipicamente italiana? Quello che mi sembra difficile è cogliere la configurazione internazionale, in cui emerge in diversi paesi europei (e non solo una) componente fascista del potere politico e della società che lo sostiene. Che questa componente fascista “diffusa” sia legata all’evoluzione del capitalismo è un altro punto importante. Ma è proprio una lettura chiara di questa articolazione che oggi manca. E paradossalmente in cio’ che dice Valenti qui, il fascismo – sopratutto quello che si riaffaccia oggi – perde di storicità, divenendo appunto fascismo infinito. E anche qui viene saltato a piè pari l’antifascismo costituzionale a cui si “preferisce” l’antifascismo come manifestazione della lotta di classe. Solo che oggi pare ben più difficile fare leva sulla lotta di classe che riferirsi al progetto antifascista della costituzione. E mi chiedo se non andrebbe pensato invece il progetto costituzionale come una tappa fondamentale della lotta di classe, un suo compromesso per certi aspetti virtuoso, da cui ripartire…

    • [h]
      16 ottobre 2018 at 16:15

      No, il fascismo è la forma che in Italia in un certo periodo ha preso il potere politico. Altrove ha assunto forme diverse, nazismo in Germania, vari regimi comunisti, teocrazie, gli imperi passati. Il totalitarismo, in qualsiasi delle sue forme, nulla c’entra col capitalismo. Questo è un abbaglio abbastanza banale. Il fatto che chi ha un certo potere economico preferisca essere difeso dai fascisti contro chi il potere glielo vorrebbe togliere nulla c’entra col capitalismo. C’entra, banalmente, con gli interessi individuali. Scrivere che la violenza sia elemento fondativo della lotta di classe è un po’ ambiguo. Se la lotta di classe si presenta in questa forma fanatica e pericolosa, be’, considerando i precedenti storici comunisti, forse non è sbagliato, e di sicuro non è sorprendente che le persone democratiche tifino repressione. Il problema logico, oltre che pratico, di questa idea dell’antifascismo infinito è che si fonda su un errore ideologico. Nell’idea dell’autore lotta di classe e antifascismo sono la stessa cosa, quindi finché saremo in un sistema capitalistico saremo in un sistema fascista e quindi ci sarà bisogno di un antifascismo perenne. Fino a quando? Fino a quando non sarà abbattuto il capitalismo. Non ci vuole molto a capire che questa cosa non ha senso. Siamo di fronte a una sorta di ipocondria ideologica, o di fede mistica, per cui il Fascismo è l’incarnazione del male. Essendo il male perenne, anche la sua opposizione lo è. Nell’attesa del regno dei cieli o del sol dell’avvenire.

  3. Domenico Lombardini
    23 ottobre 2018 at 18:35

    Nel momento in cui scrivo la commissione europea ha rigettato le misure economiche progettate per rilanciare l’economia Italiana l’anno prossimo. I tempi e i motivi addotti a giustificazione della bocciatura sono capziosi e puzzano di pregiudizio nei confronti dell’unico governo non fanaticamente europeista in Europa. Quello che si sta configurando è un’aggressione al paese, un atto arbitrario e iniquo, una situazione che richiederebbe unità nazionale, unanimità politica, manifestazioni di piazza. Invece, evidentemente molti di noi essendo sotto sostanze allucinogene vedono fascismo redivivo ovunque e pandemia di razzismo. Poveri idioti. Siete degli idioti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *