Articolo precedenteIn viaggio con Ci (2/2)
Articolo successivoDa «Il male in corpo»

Mots-clés__Colore

 

Colore
di Ornella Tajani

Ryuichi Sakamoto, Forbidden Colours -> play

___

ph. Harry Gruyaert – Las Vegas downtown motel, 1982

___

da Jean-Michel Maulpoix, Une histoire de bleu, éd. Mercure de France, 1992inedito in italiano, trad. mia.

 

Il blu non fa rumore.

È un colore timido, senza secondi fini, senza presagi o progetti, che non si scaraventa sullo sguardo come il giallo o il rosso, ma lo attira a sé, lo addomestica piano, lo lascia venire senza incalzarlo, facendolo sprofondare al suo interno e annegare senza rendersi conto di niente.

Il blu è un colore propizio alla scomparsa.
Un colore in cui morire, un colore che libera, il colore stesso dell’anima dopo che si è spogliata del corpo, dopo che ha sprigionato tutto il sangue e le viscere si sono svuotate, le tasche d’ogni tipo, traslocando una volta per tutte l’arredamento dei nostri pensieri.

Indefinitamente il blu si dissolve.
A dire il vero non è un colore. Piuttosto una tonalità, un clima, una risonanza speciale dell’aria. Una catasta di luce, una tinta che nasce dal vuoto sommato al vuoto, mutevole e trasparente nella mente dell’uomo così come nei cieli.

L’aria che respiriamo, la parvenza di vuoto sulla quale si muovono le nostre figure, lo spazio che attraversiamo non è altro che questo blu terrestre, invisibile tanto è vicino e fa corpo con noi, vestendoci i gesti e le voci. Presente fin dentro la stanza, ogni persiana chiusa e ogni lampada spenta, impercettibile abito della nostra vita.

___

[Mots-clés è una rubrica mensile a cura di Ornella Tajani. Ogni prima domenica del mese, Nazione Indiana pubblicherà un collage di un brano musicale + una fotografia o video (estratto di film, ecc.) + un breve testo in versi o in prosa, accomunati da una parola o da un’espressione chiave.
La rubrica è aperta ai contributi dei lettori di NI; coloro che volessero inviare proposte possono farlo scrivendo a: tajani@nazioneindiana.com. Tutti i materiali devono essere editi; non si accettano materiali inediti né opera dell’autore o dell’autrice proponenti.]

articoli correlati

dalla rete#05: BIG BAG BIG BOOM by BLU

  www.blublu.org http://it.wikipedia.org/wiki/Blu_artista   dalla rete #02: BLU dans la rue dalla rete#04: BLU & David Ellis  

dalla rete#04: BLU & David Ellis [ COMBO loop 2 ]

www.blublu.org     www.davidellis.org prodotto da studio cromie www.studiocromie.org musica di Roberto Lange http://www.robertolange.com realizzato al Fame festival 2009 www.famefestival.it dalla rete #02: BLU dans la rue

Lo stato delle cose in Occidente

di Massimo Rizzante Amo le stazioni termali. Immergermi nelle loro acque calde e rigeneratrici. Nuotare lentamente in una grande piscina...

dalla rete #02: BLU dans la rue [ MUTO ]

www.blublu.org www.blublu.org/blog BLU's videos
ornella tajani
ornella tajani
Ornella Tajani insegna Lingua e traduzione francese all'Università per Stranieri di Siena. Si occupa prevalentemente di studi di traduzione e di letteratura francese del XX secolo. È autrice del saggio Tradurre il pastiche (Mucchi, 2018). Ha tradotto e curato: Il battello ebbro (Mucchi, 2019); L'aquila a due teste di Jean Cocteau (Marchese 2011 - premio di traduzione Monselice "Leone Traverso" 2012); Tiresia di Marcel Jouhandeau (Marchese 2013). Ha inoltre tradotto le Opere di Rimbaud (Marsilio, 2019). Oltre alle pubblicazioni abituali, per Nazione Indiana cura la rubrica Mots-clés, aperta ai contributi di lettori e lettrici.