Da “Dopo il libro”

.

di Emanuele Canzaniello

*

Che non parli, non dica niente

Non si muova,

Che stia ferma.

Non succeda nulla qui

Dentro, dentro fino a sparire

Al dire il limite

Dei limiti

Lunga 32 larga 12

Si è rovesciata l’ultima macchina

Non detta, non superficie

Perché è estensione pura

La nostra terza dimensione

Matrice piana

Non detta, mai dispiegata

Senza volumi

Che è piastra d’ostensione

Ai nostri solidi.

*

Solo il sapere conta

Quanta parte del nostro posizionamento

Politico ci è suggerito

Dalle nostre predilezioni estetiche,

Dal gusto erotico

E da spinte solo occulte

Non politiche, non sociali

Nel loro ultimo confine

Anormali, anomale

Rigonfie, scagliate contro ogni possibile sociale

Contro quel volto ripugnante

Frame sfocato, palese margine che sgrana

Di un insieme più ampio,

Cattivo rapporto tra denti e bocca

E distanza tra i denti anteriori

Il tipo di capelli e il biondo dei capelli,

Il tondo ridicolo della forma degli occhi,

E il banale, il banale.

*

È un cinema di Wimbledon

E il buio della sala

Interrotto dai riflettori

Stretti sul ring

Sui corpi tagliati,

Sono maschi, sono la folla

Durante l’incontro finale.

Nero americano il primo l’altro russo

In sala sono ragazzi vestiti bene,

Significanti come nelle tassonomie,

Inglesi e indiani, bellissimi

E morbidi nelle voci

E tu adesso li senti gridare

Stick your dick in my ass, oh yeah

E hanno voci femminili senza eguali

E il russo è a terra accasciato

He needs some milk, oh yeah

Sono almeno quaranta a strillare

Stick your dick in my ass, oh yeah

Un boato, cinque minuti

E adesso tu li senti ancora.

*

La vita è di chi sta

Con la lingua su nel culo

E non sa nulla della vita

Non sa di rumori

Non sa di queste ragioni.

*

Cosa succede quando a qualcuno

Già predisposto al suicidio

Manca, è caduta, è andata persa,

Non scritta, non trascritta.

Sentirai presto il cibo fare attrito

Nella gola, squittire come gomma

Ferma.

*

Il giorno del giudizio avverrà così,

Si saprà di poter andare a letto sapendo

Di non svegliarsi più

Quanta gente sceglierà di andare a dormire

Quanta gente su sette miliardi di persone

Sceglierà di andare incontro tranquilla

Al sonno

Sapendo che sarà dolce e calmo,

Sapendo che sarà come andare a dormire

E solo allora sarà possibile l’assoluzione

Veramente plenaria di tutto il mondo insieme

In una notte

Andando a letto soltanto.

*

Anche la scelta di dormire di notte

E di stare in piedi di giorno

È vecchia di 230 milioni di anni in noi.

Dai rettili l’abbiamo ereditata.

Animali a sangue freddo,

Hanno trovato l’equilibrio

Restando fermi nel buio

E muovendosi nella luce,

Prima che le prime scimmie si muovessero sotto il sole.

E dentro il nostro dna,

Nella sequenza di noi stessi

Si trovano incistati,

Incassati nella notte

Antiche di milioni di anni

Sequenze di virus che oggi sono là,

Fossili

Nella struttura dell’essere.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

articoli correlati

L’amore viene prima

di Andrea Bajani
Ecco un altro figlio della luna, dice
il dottore entrando in sala parto.
Fino a ieri il reparto era semivuoto,
in sei ore si sono rotte sette acque,
sette donne sono già in travaglio.

Da “Ecfrasi”

di Fabrizio Maria Spinelli
Oggi sono andato a rivedere i famosi coniugi / Arnolfini di Jan Van Eyck, 82 X 59,5 cm, olio / su tela, alla London Gallery anche se a Londra...

Lorenzo Mizzau: due poesie

La ricerca poetica di Lorenzo Mizzau in questi anni si è concentrata su due aspetti. Il primo è quello della tensione narrativa. I suoi testi, infatti, descrivono situazioni, in cui agiscono dei personaggi e si riconoscono scenari, ambienti, luoghi.

La guerra come forma della pubblicità. Un breve poema

di Guido Caserza Non tutto è come sembra chiede cosa pensa della guerra cosa pensa un istante e ci vediamo non tutto è come sembra pote

Da “Ghost track”

di Marilina Ciaco
Presentiamo alcuni testi da "Ghost Track", il decimo libro della collana “Manufatti poetici” diretta da Paolo Giovanetti, Michele Zaffarano e Antonio Syxty (Biblion-Zacinto 2022).

Da “solchi”

di Jacopo Mecca
Alcuni testi tratti dalla plaquette d'esordio "solchi" (Fallone editore, 2021).
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: