I poeti appartati: Francesca Fiorentin

Poesie inedite

di

Francesca Fiorentin

Mi tiene in piedi un attrezzo, una stampella

posso camminare verso …

ma la cosa più solida che ho – è la, immaginaria.

 


 

Devo rassegnarmi
l’inquietudine è mia, il mondo è quieto
coeso, unanime, cecchino.


 

Non cerco un riscatto dalla colpa che mi accomuna all’ umanità
non porto dentro nemmeno il peccato presuntuoso di voler avere il potere di Dio;

la sua posizione non è scalfibile;
forse, Dio, voglio essere il tuo contrario
immolato come empio.

 

Da innamorata a – amica madre nemica
– interrotto Eros – (per il quale) sono negata.

Filosofia tu respingi attraverso
lo stile della ragione
hai un metodo
un postulato anche ipotetico;
della saggezza fai molti discorsi;
la pietra fatta di atomi
e il vento e l’acqua scrosciante
non parlano
ti guardano come guarderebbero
un impiccato.

Maria

Mi preghi in ginocchio
smettila di tentare di salvarmi la vita
non vedi che ho ben più di diciotto anni
credimi – quello è il male: qualcosa che la mia pelle non vive –
perché non ho insieme conoscenza e amore, come per il primo motore immobile di Dante;
vivo di innato amore solamente, ho nel grembo una tale pace –
non posso –
anche quando mi dici che lo uccideranno.

 


 

Accartocciato il male
bruciò di vivida fiamma
luce divenendo al volto
chiaroscuri vi ondeggiavano in fluttuazioni
delle sue parti finalmente visibili.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

I poeti appartati: Francesco Marotta

Dalla dimora del tempo sospeso 1 Lettera al figlio di Francesco Marotta       Dalla dimora del tempo...

I poeti appartati: Alberto Rollo

di Alberto Rollo. da Ultimo turno di guardia.   Cinque poesie con nota di Maria Grazia Calandrone       7. Così li riconobbe il vecchio, ancora, gli...

I poeti appartati: Massimo Rizzante

Ho provato una vera felicità  quando Massimo mi ha dato la bella notizia di questa nuova uscita - a...

I poeti appartati: Alida Airaghi

Elsewhere di Alida Airaghi       C'è un fondo al cielo, in fondo al cielo: e prima luce, e primo buio. Fine di tutto, innanzi a tutto. Velo...

I poeti apartheid: Micol Bez

Se l’ordine fosse un crimine? In prigione geografi, genetisti zoologi, doganieri, genealogisti classificatori, omofobi, razzisti. Fuori una danza senza origine.   **** Come Gorata copriva di inglese...

I poeti Apartheid: Angelo Vannini

Tre poesie inedite di Angelo Vannini     Un uomo Aggiornato. Un uomo mi era saltato vicino, col suo nudo vestito di passi. Era nero come la notte,...
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email
NOTE
  1. qui è possibile leggere tutto Hairesis
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: