Juke-Box*/ Jacques Brel

cortomaltese7rp.jpg

Amsterdam
Parole e Musica di Jacques Brel

trad. Francesco Forlani

Dans le port d’Amsterdam
y a des marins qui chantent
les rêves qui les hantent
au large d’Amsterdam
dans le port d’Amsterdam
y a des marins qui dorment
comme des oriflammes
le long des berges mornes

Nel porto di Amsterdam
Ci sono marinai che cantano
I sogni che li incantano
Al largo di Amsterdam
Nel porto di Amsterdam
Ci sono marinai che dormono
come rossi stendardi
Lungo gli argini stanchi

dans le port d’Amsterdam
y a des marins qui meurent
pleins de bière et de drames
aux premières lueurs
mais dans le port d’Amsterdam
y a des marins qui naissent
dans la chaleur épaisse
del langueurs océanes

Nel porto di Amsterdam
Ci sono marinai che muoiono
Gonfi di birra e drammi
Ai primi bagliori
Ma nel porto di Amsterdam
Ci sono marinai che nascono
Nel calore grasso
Dei languori oceanici

Dans le port d’Amsterdam
y a des marins qui mangent
sur des nappes trop blanches
des poissons ruisselants
ils vous montrent des dents
à croquer la fortune
à décroisser la lune
à bouffer des haubans
et ça sent la morue
jusque dans le coeur des frites
que leurs grosses mains invitent
à revenir en plus
puis le lèvent en riant
dans un bruit de tempête
referment leur braguette
et sortent en rotant

Nel porto di Amsterdam
Ci sono marinai che mangiano
Su tovaglie troppo bianche
Pesci d’acqua grondanti
Ti fanno vedere denti
Da azzannare la fortuna
Da mordere la luna
Da abbuffarsi di corde
E puzza di merluzzo
Fino al cuore del fritto
Che mani grosse invitano
A tornare ricolme
Poi s’alzano ridendo
In un fracasso di tempesta
Si richiudono la brachetta
E se ne vanno ruttando

Dans le port d’Amsterdam
y a des marins qui dansent
en se frottant le panse
sur la panse des femmes
et ils tournent et ils dansent
comme des soleils crachés
dans le son déchiré
d’un accordéon rance
ils se tordent le cou
pour mieux s’entendre rire
jusqu’à ce que tout à coup
l’accordéon expire
alors le geste grave
alors le regard fier
ils ramènent leur batave
jusqu’n pleine lumière

Nel porto di Amsterdam
Ci sono marinai che ballano
Strofinando la pancia
Sulla pancia delle donne
E girano e ballano
Come dei soli sputati
Nel suono lacerante
Di organetti stonati
A storcere il collo
Per sentire le proprie risa
Finché poi all’improvviso
La fisarmonica spira
Ed ecco che con fare grave
Ed ecco che con lo sguardo fiero
Portano gli Olandesi
Fuori da ogni mistero

Dans le port d’Amsterdam
y a des marins qui boivent
et qui boivent en reboivent
et qui reboivent encore
ils boivent à la santé
des putains d’Amsterdam
de Hambourg ou ailleurs
enfin ils boivent aux dames
qui leur donnent leur joli corps
qui leur donnent leur vertu
pour une pièce en or
et quand ils ont bien bu
se plantent le nez au ciel
se mouchent dans les étoiles
et ils pissent comme je pleure
sur les femmes infidèles

dans le port d’Amsterdam
dans le port d’Amsterdam
Amsterdam

Nel porto di Amsterdam
Ci sono marinai che bevono
E bevono e ribevono
E bevono ancora
Bevono alla salute
Delle puttane di Amsterdam
Di Amburgo e di altre città
Bevono allora alle donne
Che gli offrono corpi aggraziati
Che gli offrono la virtù
Per una moneta d’oro
E quando hanno veramente bevuto
Si piazzano naso al cielo
Se lo soffiano tra le stelle
E pisciano come io piango
Sulle donne infedeli

Nel porto di Amsterdam
Nel porto di Amsterdam

Nota del Humil Traductor su due termini “difficili”

L’oriflamme : Nel Medioevo l’oriflamma dell’abbazia di Saint Denis era lo stendardo francese in tempo di guerra.

Batave: La République batave (in olandese Bataafse Republiek ) (1795 – 1806), nominata Batavie, era una repubblica che inglobava una gran parte del territorio corrispondente agli attuali Paesi Bassi.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. caro antonello oriflamma è bellissimo e nello stesso tempo più inaccessibile in italiano. organetto e fisarmonica, la scelta dei due rermini, per intenderci è legata al desiderio di proporre una traduzione cantabile, ovvero in linea con il ritmo e la melodia della canzone, cercando di non “violare” troppo la bellissima parola del poeta Brel. baz e abraz
    effeffe

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: