Ce ne sono di Buoni (da cantare con i parenti padani e devoti)

di Didier Super

[youtube:http://fr.youtube.com/watch?v=ODXOvPrCuUs]

Les arabes, c’est comme les lesbiennes et les drogués
Les romanos, les artistes et les putes
Les handicapés, c’est comme les lépreux et les noirs
Les clochards c’est comme les travelos et certains jeunes

Refrain:
Y en a des biens (x3) Y en a des biens biens biens

Les esthéticiennes comme les gonzesses plus connes qu’une blonde
Les mecs encore plus cons qu’une esthéticienne comme beaucoup de mecs
Les gros chefs d’entreprises comme les mecs qui vont aux putes
Le pape et ses copains comme certaines marques de capotes

Refrain:
Y en a des biens (x3) Y en a des biens biens biens

Les mecs qui bossent à la télé comme les gros menteurs
Les présidents de la république comme les petits escrocs
Les alcooliques et les dépressifs comme les mecs qui bossent dans la police
Les curés intégristes comme les pédophiles

Refrain:
Y en a des biens (x3) Y en a des biens biens biens

Mais quand même des fois y en a y font chier.

articoli correlati

gli orrori che i paesaggi europei ci nascondono

di Martin Pollack Quando oggi scriviamo di una zona, di un paesaggio, sembra indispensabile tenere sempre conto anche del passato....

Cartolina da Parigi sul popolo tunisino

di Andrea Inglese Cari indiani, vi scrivo una cartolina da Parigi, perché da qui la visuale sulla Tunisia è un pochino...

Foto di gruppo senza piazza

da «il Fatto Quotidiano» (sabato, 2 ottobre 2010) di Evelina Santangelo Immaginate una piazza o il corso principale di uno dei...

Grido di dolore

Franco Buffoni   In un incontro pubblico con Adonis - il maggior poeta vivente di lingua araba - avvenuto a Roma...

Il cuoco è un mestiere pericoloso

di Helena Janeczek Nella città un tempo nota come Bombay, un cuoco romano ha rischiato la vita per portare il...

La costruzione del razzismo

di Étienne BALIBAR (il primo articolo di questa serie è uscito qui, a.i.) 1.Il razzismo tra storia e avvenire Perché classifichiamo...
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.