Quasi

di Giovanni Cossu

[Cliccando sull’immagine si apre la modalità ‘schermo intero’, in alto appariranno le frecce per scorrere il testo.]

11 Commenti

  1. una goccia di rugiada ad illuminarmi il mattino
    e sono felice
    questo libretto bianco con il bosco tutto dentro un vaso
    é di una delicatezza da preservare
    grazie

    Giovanni … un abbraccio amico caro.

  2. caro signor Giovanni,io sono una new entry e non la conosco come invece tutti gli altri presso cui,vedo, lei è molto popolare. Le chiedo: potrebbe darmi e darci un assaggio di cosa c’è dietro la copertina di Quasi ?

  3. Cara consul.enz@grati.it,

    dietro quella copertina c’è l’omaggio a un grande amico-maestro.
    Giuseppe Gattuso Lo Monte , pittore, scultore, grafico, ebbe la cattedra di incisione all’Accademia delle Belle Arti di Firenze.
    Oltre agli amici del suo gruppo ufficiale: Giovanni Ragusa, Raffaele Bueno ( coi quali condusse dagli anni ’60 del secolo scorso, fino alla sua scomparsa, un’importante opera di rottura rispetto alle tendenze dell’epoca – non uniformando, però, il proprio fare a quello dei propri sodali, ma perseguendo la più radicale individuazione nell’opera dei singoli ) ci furono altri amici-allievi la cui opera ha carattere più “privato”, ma che in Giuseppe hanno sempre riconosciuto il “maestro”. Io mi vanto di essere uno di questi.

    Vedo, comunque, che in rete c’è un vecchio articolo abbastanza significativo, per chi avesse curiosità di leggere:

    http://www.ippolito-desideri.net/doc/ArtEGB/Arte_gen/Gat-Raf-Rag.(PiramideFI)1981-12.pdf

  4. Grazie,signor Cossu di avermi segnalato in questo contesto,due cose:La prima è l’intensità di quei pochi versi dietro alla copertina,da cui si sente una grande nostalgia, e non solo per l’amico mancato, ma anche e forse sopratutto per il suo modo di esprimersi, “sacro mormorio delle realtà essenziali “,come leggo nell’articolo che lei mi ha indicato.Queste nuove finestre su persone,su arti,su pensieri, fino ad un momento fa a me sconosciute, mi rafforza il desiderio di cercare tra le pieghe infinite che ci circondano.

  5. … infatti ciò che è “quasi quasi” accaduto, pare realmente accaduto.

    Aristotele, Fisica

    …e appendevi un sorriso ai tuoi occhi.

    Un abbraccio
    joan

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Intervista a Italo Testa su “Teoria delle rotonde”

di Laura Pugno e Italo Testa   Laura Pugno: Vuole una tesi forte che molta della migliore poesia italiana contemporanea –...

da “Somiglianze di famiglia”

di Matteo Pelliti   Essi   Essi, loro i pronomi della lontananza, della distanza, della genealogia, della progenitura, gli antenati, gli spettri evocabili, avi, trisavoli, siamo noi...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Corrosioni

di Arben Dedja    Lo stuzzicadenti   Ah sì lo stuzzicadenti me lo ricordo eravamo in quel tal ristorante i telegiornali tuonavano i giornali con titoli in...

Progetto per una casa

* di Giulio Marzaioli ⊕ In primo luogo sarebbe opportuno possedere una casa. Quindi abbatterla, avendo cura di salvaguardare intatte alcune porzioni...
Avatar
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.