Peter Huchel / da: Giorni contati (1972)

Si pubblica una scelta di poesie da Huchel, nella traduzione di Davide Racca.

4 Commenti

  1. Davvero belle. Mi fanno sgorgare una domanda forse un po’ capziosa: com’è che trovo maggiore godibilità – un passo disteso, persino capacità narrativa che non svilisce i versi – in queste poesie, che mi paiono estranee e lontane da certi furori avanguardisti patri?
    (forse è solo un problema mio)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Fabio Orecchini: Malbianco

  «piccola orazione / che nessuno abita» Malbianco di Fabio Orecchini è il quarto titolo della nuova serie dei Cervi Volanti, la collana...

Gino Scartaghiande: per una ricognizione impossibile

di Francesco Iannone Se l’analisi delle cose è la morte della Bellezza o della grandezza loro, come scrive Leopardi nello...

Di non sapere infine a memoria

di Vito Bonito canto dei bambini monocellulari gli organismi monocellulari sono la forma di vita di maggior splendore un'esistenza parassitaria che non ha bisogno alcuno di...

Andrea Astolfi: c’è un passaggio

  di Andrea Astolfi     c’è un passaggio un passaggio white * treno in corsa ad un certo punto forse vedo un vhs * a sapporo o a sapporo wonderful ball * silence where are...

Non praticare il cannibalismo

di Ron Padgett POESIA D'AMORE Siamo pieni di fiammiferi a casa. Li teniamo sempre a portata di mano. Ora la nostra marca preferita...

Guardiani

di Bianca Battilocchi Io, ero stata cancellata dal fuoco, sono stata invasa dal verde strisciante (come è lucida la stagione) Col tempo gli animali sono arrivati...
Avatar
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.