Articolo precedenteVideocrazia totale
Articolo successivoNota per un vero compagno di classe

Gattili. Piccoli libri di poesia

Gattili, rifugi accoglienti per gatti, animali che sono ad un tempo liberi e domestici. Gattili, piccoli libri d’arte nati due anni fa da un’idea di un giovane milanese, Antonio Pellegrino, quando decise di trasformare in oggetto una sua riscrittura della canzone di Giorgio Gaber “Non arrossire”, dedicata al suo cane. Prima di allora Antonio si era innamorato della poesia di Vivian Lamarque, autrice tra l’altro di un libro di versi per un gatto, e nel 2006 aveva pubblicato la plaquette Intact Beauty of Via Cilea, per le edizioni d’arte Pulcinoelefante di Alberto Casiraghy. Ogni libro è composto da un testo di poesia o di prosa e due fotografie: una in miniatura sulla copertina, l’altra nell’ultima pagina, a chiudere il percorso di testo e immagine, in modo talvolta imprevisto, niente affatto didascalico. La tiratura è di 18 copie numerate, ognuna protetta da una busta di plastica trasparente. L’autore è responsabile sia del testo che dell’immagine che poi vengono assemblati da Antonio e cuciti dalla madre. Tramite un passaparola tra gli autori, i Gattili vanno aumentando, richiamando poeti, scrittori ed editori da tutta l’Italia e oltre – tanti compagni di viaggio, come li definisce Antonio. Esistono infatti varie collane all’interno del progetto: una International in cui vengono pubblicati testi solo in lingua originale; un’altra riservata agli editori (per esempio Piero Manni di Manni Editori, Cesare De Michelis di Marsilio, Marisa Di Iorio di Empiria e Franco Del Moro di Ellin Selae); una riservata ai librai (per primi Anna Rocco e Felice Accame della libreria milanese Odradek); ed una ai cantanti (per esempio Sergio Berardo dei Lou Dalfin), più naturalmente la collana di prosa e poesia aperta a tutti. «Perseguo la felicità degli autori», dice Antonio. E ci riesce: in un momento difficile per la poesia, forse è proprio ricominciando da progetti come questo, il libro d’arte, l’oggetto artigianale costruito insieme da autore ed editore, che torna l’entusiasmo, il desiderio di condividere e reinventare la propria esperienza nel mondo della scrittura.

Qui tutto il catalogo.

6 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Una passeggiata ad Avalon

di Francesca Matteoni
La magia del nome Avalon evoca la visione di una terra perduta; un meleto incantato; un territorio della Dea, essenza trasformatrice del mondo. Ne è via d’accesso...

L’Anno del Fuoco Segreto: Foresta d’Ali

L'Anno del Fuoco Segreto di Edoardo Rialti e Dario Valentini Suonando invisibile per il giovane Ferdinando che si aggira sulla spiaggia...

Diario d’autunno. Poesie, alberi, animali

di Francesca Matteoni Nel mese di agosto ho cambiato casa e vita. Le prime settimane sono state occupate dal trasloco...

Testimone di passaggio

di Francesca Matteoni Come suona il presente? Forse come uno spettro, che mentre lo guardiamo è già altrove, una fotografia...

Scrivere la natura. Note su Antropologia del turchese

di Francesca Matteoni Negli ultimi mesi mi sono trovata, per scelta e destino, in vari sensi spaesata, ovvero ho perso...

Immaginare la fine. Nota su Trilogia della catastrofe

di Francesca Matteoni Come il libro di cui mi accingo a scrivere anche il titolo di questa recensione non è...
francesca matteoni
francesca matteonihttp://orso-polare.blogspot.com
Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/