Sguardi a perdita d’occhio. I poeti leggono il cinema

(Chiedendo scusa agli organizzatori per il ritardo con cui posto l’annuncio. f.m.)

Rassegna di poesia contemporanea, III Edizione – 2010

A cura di Corrado Benigni e Mauro Zanchi

Con il patrocinio del Comune di Bergamo – Assessorato alla Cultura

«Il bello è lo splendore del vero».
(Platone)


Educare lo sguardo alla rivelazione, per accendere la visione esatta nello spazio inviolabile di un incontro che vada oltre l’impressione.
Sguardi, a perdita d’occhio, per oltrepassare l’abitudine dello sguardo distratto, così da cogliere l’espressione e i segni più profondi presenti nel fluire del tempo: riuscire a vedere nella “trasformazione del visibile” (Rilke).

Lavorare sull’estensione dell’occhio, dunque, per sentire l’emozione sconcertante derivata dalle opere riuscite, sempre contemporanee e attuali, della pittura, per sapere cosa permane dell’essere nei capolavori dell’arte.
Tutto questo attraverso la voce di quattro importanti poeti di oggi, che leggeranno l’opera di un grande cineasta, offrendo spunti di riflessione sul nostro tempo. Perché, come diceva Brecht, l’arte non ha solo un ruolo di critica sociale, ma deve anche agire sulla realtà, contribuendo a formare le coscienze.

CALENDARIO

Giovedì 13 maggio 2010 ore 18.30 – Porta di Sant’Agostino
Giuseppe Conte legge “Il vento che accarezza l’erba” di Ken Loach

Giovedì 20 maggio 2010 ore 18.30 – Porta di Sant’Agostino
Umberto Fiori legge “Quarto potere” di Orson Welles

Giovedì 27 maggio 2010 ore 18.30 – Porta di Sant’Agostino
Maria Grazia Calandrone legge “In the mood for love” di Wong Kar-Wai

Giovedì 3 giugno 2010 ore 18.30 – Porta di Sant’Agostino
Patrizia Valduga legge “Underworld” di Joseph Von Sternberg

Location: Porta di Sant’Agostino

Evento speciale, 14 maggio-14 giugno, ore 16
Matroneo della Basilica di Santa Maria Maggiore
Omaggio a Pier Paolo Pasolini
Video di Cosimo Terlizzi: “S.N. Via senza nome, casa senza numero”

info@sguardiaperditadocchio.org
www.sguardiaperditadocchio.org

francesca matteoni

Curo laboratori di poesia e fiabe per varie fasce d’età, insegno storia delle religioni e della magia presso alcune università americane di Firenze, conduco laboratori intuitivi sui tarocchi. Ho pubblicato questi libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Higgiugiuk la lappone nel X Quaderno Italiano di Poesia (Marcos y Marcos 2010), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Appunti dal parco (Vydia, 2012); Nel sonno. Una caduta, un processo, un viaggio per mare (Zona, 2014); Acquabuia (Aragno 2014). Dal sito Fiabe sono nati questi due progetti da me curati: Di là dal bosco (Le voci della luna, 2012) e ‘Sorgenti che sanno’. Acque, specchi, incantesimi (La Biblioteca dei Libri Perduti, 2016), libri ispirati al fiabesco con contributi di vari autori. Sono presente nell’antologia di poesia-terapia: Scacciapensieri (Millegru, 2015) e in Ninniamo ((Millegru 2017). Ho all’attivo pubblicazioni accademiche tra cui il libro Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014). Tutti gli altri (Tunué 2014) è il mio primo romanzo. Insieme ad Azzurra D’Agostino ho curato l’antologia Un ponte gettato sul mare. Un’esperienza di poesia nei centri psichiatrici, nata da un lavoro svolto nell’oristanese fra il dicembre 2015 e il settembre 2016. Abito in un borgo delle colline pistoiesi. 

Tags: