La rivolta delle carriole

di Riccardo Pensa

Quando, da molto vicino, ho visto le transenne della zona rossa de L’Aquila aprirsi di botto, mosse dalla pressione della folla che si riversava nell’area interdetta, ho provato anche io, lucchese, un forte senso di riappropriazione.

Era il 28 febbraio 2010, la prima manifestazione delle carriole, un’iniziativa spontanea, fisiologica, con la quale gli aquilani hanno voluto esprimere, in un senso molto materiale, la volontà di riprendere in mano il proprio destino. Da allora, infatti, il ritrovo domenicale in piazza Palazzo, a proseguire il lavoro di identificazione, selezione e riutilizzo delle macerie, è diventato un appuntamento fisso, un rito collettivo.

Per una popolazione colpita da un trauma forte e complesso come un terremoto, serve una terapia adeguata, una riabilitazione graduale capace di far leva su quanto di sano e vitale si è preservato, per valorizzarlo e rafforzarlo e iniziare così a recuperare tutto il resto. A L’Aquila, invece, l’innesto coatto delle 19 new town del piano Case e l’amputazione netta del centro storico, sorvegliato giorno e notte dalle camionette dell’esercito, hanno rappresentato tutt’altro genere di intervento, un’operazione che ha preferito dare per acquisita l’impotenza dei cittadini, senza considerare quanto tale ammissione contribuisse in realtà a procrastinare lo shock del dopo-terremoto.

Dall’entusiasmo, l’affetto e la cura con cui gli aquilani hanno messo mano alle proprie macerie è emerso il senso profondo dell’iniziativa delle carriole, quasi una rielaborazione del lutto per troppo tempo repressa, ed anche la verità di un’altra prospettiva, quella per cui si riesce davvero a uscire dalla crisi solo riattivando le proprie forze, per magari sviluppare, come avvenne in Friuli, un nuovo percorso di crescita.

A L’Aquila, dal sisma del 6 aprile, riecheggiano le parole di Silone che, ricordando il terremoto della Marsica, scriveva: “A quel tempo risale l’origine della convinzione popolare che, se l’umanità una buona volta dovrà rimetterci la pelle, non sarà in un terremoto o in una guerra, ma in un dopo-terremoto o in un dopo-guerra.” Per questo, il futuro de L’Aquila riguarda, comunque, da molto vicino, anche chi aquilano non è.

Il testo è stato pubblicato sulla rivista VolontariatOggi, n. 1 Aprile 2010. Le foto complete sulla manifestazione de L’Aquila del 28 febbraio 2010 sono visibili qui.

6 Commenti

  1. Sono felice di ritrovare un articolo postato da Maria Luisa. E’ importante di dare uno spazio a l’Aquila, dopo il fracasso del terremoto, il silenzio diventerebbe un vuoto di solitudine per il paese delle Abruzze. Mi chiedo
    come vivono gli abitanti senza casa, senza il punto familiare e nobile dei monumenti, dove ha finito l’aiuto straniero. Un paese che ha perso la sua terra di tradizione non ha più gli occhi per sguardare. Mi accade di leggere articoli trattando della camorra nelle Abruzze. Quello che aveva annunziato Roberto Saviano si verifica: è una maggiore ferita, peggio di tutto che è accaduto in questa terra, perché la crudeltà spinge a fare dell’infelicità un territorio da divorare.

  2. Grazie Véronique!
    “la crudeltà spinge a fare dell’infelicità un territorio da divorare” è un’espressione che rispecchia bene la sensazione che ho provato, quando mi si è svelato quanto stava accadendo a L’Aquila. Qui gli abitanti sono volutamente tenuti lontani dalla possibilità di riappropriazione del territorio, dal recupero della memoria, dalla ricostruzione simbolica prima che fisica delle forme urbane. Quando ho compreso veramente questo, pochi mesi fa, mi son resa conto che uno spazio mio mentale non l’aveva recepito perchè fuori da ogni logica responsabile e di tutela degli esseri umani (cittadini, abitanti o altro che siano) che abbiano subito un trauma così forte. Hanna Arendt diceva che gli ebrei tedeschi non avevano “visto” quanto stava accadendo nei campi di sterminio, perchè era “impensabile”. Se questo “stallo” de L’Aquila fosse un laboratorio voluto per fare qualche esperimento, direi che “mò basta”. Se invece è uno stallo voluto per lasciare indisturbati chi nella infelicità altrui si insidia crudelmente e spietatamente a creare affari che vanno ben oltre la sola ricostruzione, che terribile reato contro l’umano.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Bruciare a Roma e a Lione.

    di Viviana Fiorentino       17 ottobre (1973-2019) A Ingeborg Bachmann   Nell’appartamento di Roma ti fermi almeno un’altra settimana. Il tempo che lui, il...

E fu sera e fu mattina

di Maria Luisa Venuta Questa notte ho sognato. Sono ad un incrocio qui vicino a casa a parlare insieme con...

Cosa ne dirà la gente? Festa di Nazione Indiana 2018

Vi aspettiamo alla Festa di NazioneIndiana 2018! Quest'anno si terrà sabato 27 ottobre dalle 16.30 e domenica 28 ottobre dalle 10 alle 12 ed è stata organizzata in collaborazione con l'Associazione C.A.R.M.E.

una rete di storie I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI


STORIE DI EMIGRAZIONE
di Andrea Inglese
Il migrante è senza dubbio una delle grandi e terrificanti figure del nostro tempo, lo è a tal punto grande (e terrificante) da evocare una quantità di immagini estremamente forti, perturbanti e spesso contraddittorie: il migrante è colui che annega, che non può essere salvato, che nessuno vuole sia salvato, ma il migrante è anche quello che viene salvato, agguantato per un soffio, strappato alla morte quasi esausto.

una rete di storie CALUMET VOLTAIRE cabaret letterario


Cose mai viste (le riviste)
di Francesco Forlani
Ci saranno performance, musica improvvisata, reading, convivialità, conversations, preferendo questo termine, civile, a quello di dibattito generalmente stantio come l’acqua nelle caraffe posate sul tavolo dei relatori. Le feste di Nazione Indiana sono state e saranno questo. A Fano faremo come a Milano, Mesagne, Pistoia, Torino, Parigi, Fos’di Novo, Bolzano, dunque non mancate.

una rete di storie festa di Nazione Indiana 2017

Nella sua storia lunga ormai ben 14 anni Nazione Indiana ha pubblicato più di 10.000 articoli di critica,...
Maria Luisa Venuta
Maria Luisa Venuta Sono dottore di ricerca in Politica Economica (cosiddetto SECS-P02) Dal 1997 svolgo in modo continuativo e sistematico attività di ricerca applicata, formazione e consulenza per enti pubblici e privati sui temi della sostenibilità sociale, ambientale e economica e come coordinatrice di progetti culturali. Collaboro con Fondazione Museo dell'Industria e del Lavoro di Brescia e Fondazione Archivio Luigi Micheletti. Sono autrice di paper, articoli e pubblicazioni sui temi della sostenibilità integrata in lingua italiana e inglese.