Absolute [Young] Poetry 2010 – Cantieri Internazionali di Poesia

27 settembre 2010
Pubblicato da

quinta edizione,
29 settembre – 2 ottobre

Monfalcone –
Teatro Comunale / Centro di Aggregazione Giovanile / Palazzetto Veneto

Direzione artistica:
Lello Voce

Collaborazione artistica e scientifica:
Luigi Nacci e Gianmaria Nerli

PROGRAMMA
mercoledì 29 settembre – Absolute [Young] Anteprima

Palazzetto Veneto, ore 11.00
Quale dialetto per i giovani?
Le lingue e i dialetti nelle parlate giovanili

Tavola rotonda in collaborazione con l’iniziativa di Zanichelli “Le parole in via di scomparsa

intervengono:
Massimo Arcangeli Preside della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università degli Studi di Cagliari
Maria Cristina Benussi Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Trieste
Michele Cortelazzo Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Padova
Pier Franco Uliana Poeta e insegnante del Liceo Artistico di Treviso
coordina: Lello Voce

Palazzetto Veneto, ore 15.00
Favelle on stream
Le lingue nei media del Friuli Venezia Giulia: l’uso delle lingue regionali e il target giovanile

Tavola rotonda con la partecipazione di esponenti delle principali testate giornalistiche del Friuli Venezia Giulia e della Slovenia.
In collaborazione con CORECOM FVG

giovedì 30 settembre – Teatro Comunale, ore 20.45
 
Omaggio a Sergio Penco (Italia)
letture di Luigi Nacci

Henry Bowers (Svezia) [YOUNG]
Sergio Garau (Italia) [YOUNG]
Ennio Cavalli (Italia)
*****
Saul Williams (USA)
I concerti di poesia
A 67 (Italia) [YOUNG]
 
venerdì 1 ottobre – Teatro Comunale, ore 20.45

Tiziana Cera Rosco (Italia) [YOUNG]
Kat Francois (UK) [YOUNG]
Dome Bulfaro (Italia) [YOUNG]
Maram al Masri (Siria)
*****
I concerti di poesia
Francesco “Kento” Carlo (Italia) [YOUNG]
Julian Cope (UK)

Sabato 2 ottobre – Teatro Comunale, ore 20.45
Saluto di Vincenzo Santoro (Responsabile Ufficio Cultura, Sport e Politiche giovanili dell’ANCI)
Laura Pugno (Italia) [YOUNG]
Francesca Beard (UK) [YOUNG]
I concerti di poesia
Luca De Nuzzo (Italia) [YOUNG]

*****
Bernardo Atxaga (Paesi Baschi)
I concerti di poesia
Horacio Ferrer (Uruguay / Argentina) con I Solisti dell’Orquesta Típica Alfredo Marcucci
 
Absolute poetry è anche ….

ABSOLUTE STAGE
Centro di aggregazione giovanile
giovedì 30 settembre, venerdì 1 e sabato 2 ottobre
ogni giorno: ore 9.30_12.30 e 14.00_17.00
(max 10 partecipanti per corso)

Tecniche di scrittura in versi docente: Gabriele Frasca
Tecniche di narrazione docente: Caterina Venturini
Tecniche di performatività docente: Dome Bulfaro
La poesia a fumetti docente: Claudio Calia

ABSOLUTE S-KOOL
Palazzetto Veneto
giovedì 30 settembre, venerdì 1 e sabato 2 ottobre
Le Olimpiadi della lingua

laboratorio con gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado
in collaborazione con Zanichelli, a cura di Massimo Arcangeli
 
ABSOLUTE MEETING
Palazzetto Veneto
giovedì 30 settembre

ore 16.00, incontro con Bisia.Tv (Monfalcone)
ore 17.30, presentazione di Scampia Trip. Restare e (R)esistere a Scampia, libro + cd + film, antologia a cura di Daniele Sanzone e Ciro Corona, disco di A67, documentario di Luigi Pingitore, ed. Ad est dell’Equatore

venerdì 1 ottobre
ore 16.00 – Incontro con l’Associazione DobiaLab (Dobia – Staranzano)
ore 17.30 – presentazione del libro di Horacio Ferrer: Loca ella y loco yo, a cura di Marco Cipolloni con uno scritto di Gabriel Soria e di Sergio Secondiano Sacchi, ed Liberodiscrivere

sabato 2 ottobre
16.00 – Incontro con Fu.Mo. – Gruppo Fumetto Monfalcone e Direzione Babele – Laboratori del Centro di Aggregazione Giovanile
17.30 – Presentazione dei libro di Laura Pugno: Gilgames, ed. Transeuropa e di Laura Marchig: “T(t)erra”, ed. EDIT

ABSOLUTE HAPPY HOUR
giovedì 30 settembre, venerdì 1 e sabato 2 ottobre, ore 19.00
Aperitivi di poesia
(performance-aperitivo con gli artisti del festival)
Caffè Carducci, via Duca D’Aosta, 83

I LUOGHI DEL FESTIVAL
Teatro Comunale, Corso del Popolo, 20 – tel 0481 790470
Centro di Aggregazione Giovanile, Viale San Marco, 70 – tel 0481 494656
Palazzetto Veneto, Via Sant’Ambrogio, 12 – tel Ufficio IAT – 0481 494229
Caffè Carducci, Via Duca d’Aosta, 83 – tel. 0481 412332

BIGLIETTI
intero: € 7,00
ridotto (giovani sotto i 30 anni e studenti): € 5,00
abbonamento a tre serate
intero: € 15,00
ridotto (giovani sotto i 30 anni e studenti): € 12,00

Biglietteria del Teatro Comunale di Monfalcone
da lunedì a sabato, ore 10.00-12.00 e 17.00- 20.00
tel. 0481 790470

INFO: +39 338 4543975 – info@absolutepoetry.org – www.absolutepoetry.org

comunicato stampa absolute poetry

Tag: , , ,

One Response to Absolute [Young] Poetry 2010 – Cantieri Internazionali di Poesia

  1. transit il 28 settembre 2010 alle 11:52

    28/09/2010

    Vita ‘e femmena

    T’hanno pigliate
    pe’ ‘na bambola ‘e pezze;

    ‘a sera ncopp’o cumò e
    ‘o juorno sistemata mmiezz’o lietto.

    è ‘o putere ‘e ll’uommene
    ca s’annasconneno addereto

    a sta parola ca chiammano dio.

    uommene ‘e putere, dio e tradizione,
    accussì vonno ca ‘a capa, ‘e capille e

    ‘a faccia toia
    te le annasconnere,

    comme si essere femmena
    è nu peccato, ‘na colpa

    comme si t’avissa mettere
    scuorno d’essere ‘na femmena:

    – ma chi aggio acciso? – ,
    t’addumanno ‘a ruimila anni.

    femmena so’ nata
    e femmena aggia campà e

    murì.

    chisto nun è né ‘nu sfregio
    né ‘na sfida a dio:

    addereto a sti cancella
    ce sta solo ‘a vita mia:

    vita
    ‘e femmena.

    27/09/2010

    ‘A seggia ‘e paglia

    Si ‘na seggia ‘e paglia,
    eppure,

    senza scuorno,
    tieni

    annascunnuto
    ‘o core mio.

    lieveme
    ‘sti manette:

    me tieni
    prigiuniere:

    a libbertà mia
    è pure ‘a toja.

    9/05/2010

    ‘O mese ‘e maggio

    ‘O mese ‘e maggio è ‘o viaggio d’o core.
    ll’anema te scarfa ‘o sango cchiù d’o sole.

    e ll’addore ‘e sciore te portano nfunn’o mare,
    addò ogni ricordo perduto sponta comm’o chianto
    ‘e nu criaturo e tene ‘a capacità ‘e te fa chiagnere:

    – Maronna, ma comme po’ essere doppo tantu tiempo ? -,
    ma isso è comme si dicesse: – Niente è perduto dint’o core –

    ‘o palummo uatto uatto, cacarianne buttuncielle ‘e mmerda,
    spullechea ‘a mullechella ‘e pane e pare ca sta sempe
    a dicere: – Che bellu culo ca tiene –

    ‘e vicchiarelle dint’e ciardine e for’e vasce parlano comme
    quanno erano tutte figlulelle nammurate ‘e ll’ammore, ca
    era chhiù no ca si: Vuò ascì cu mme? le diceva ‘o spasimante.
    E tutta sprucita e ntussucosa le diceva: No, lievatelle a capa –

    Ma nun appena chillo vutava a faccia, essa, a figlulella,
    subbeto se penteva e diceva: Ma songo propria ‘na scema.
    E vicchiarielle, invece, mò songo tutte cavaliere gentili.

    E, guardanno ‘e rose rosse ‘e maggio, ca ‘a zingarelle
    cu ll’uocchie e ‘e capille nire, le vo vennere, niente a niente,
    cu ‘a vita ca pe’ campà onestamente te fa murì,

    ddoje lacreme, si capisce, niente di che;
    ddoje lacreme mmiscate a chello ‘e ‘nu criature e ‘e nu ‘nnamurate,
    è, forse, ‘o riale cchiù overo ca può fa ‘o munno d’o core tuio.

    29.12.2008

    A Bazar

    Bazar,
    (o comme
    te chiamme tu).

    Bazar,
    astro che brilla,
    addurmuto dint’o scuro.

    Nuje,
    ca dint’a blogosfera
    fujmmo ‘a morte.

    Blazar criaturo.
    Blazar guaglione.
    Blazar spiga ‘e grano.

    Blazar aria fresca.
    Blazar ‘o fuoco dint’e vvene.
    Blazar ca vola ‘nziem’e penzieri.

    Blazar ottomila litri d’acqua.
    Blazar ‘na vita accussì.
    Blazar ca parla cu ‘na jatta.

    Blazar
    amico ‘e scrittura.

    Statte bbuono, fa buon viaggio,
    ca io, nun aggio mai ditto:
    Addio.

    22 Maggio 2010

    ‘Nzierr’a porta, chella porta sempe aperta:
    e, l’he ‘n zerrate cu ‘na catena d’acciaio.

    ‘Nzierre ll’uocchie:
    e, l’he ‘n zerrate comme ‘o suonno d’e ccriature.

    ‘Nzierr’o core:
    e, l’he ‘n zarrate, atterrannelo.

    ‘Nzierre ‘o cuorpo:
    e, l’he ‘nzerrate cu ‘a violenza.

    – ‘O penziero mio, he ditto, è stato chillo
    ‘e chiudere pe’ sempe pure ll’addore

    ‘a puzza;
    ‘nzomma, ll’uòsemo, ‘o sentore
    ‘e ll’anema.

    e, ll’anema, nun vo scurdate mai,
    è ‘na carogna in putrefazione.

    se l’anima fosse rosa addirosa
    nun servesse a niente.

    e, accussì, aggio tentato ‘e scurdà,
    cunzumannemo comme ceroggeno,
    ma nun ne songo capace.

    ll’uosemo parte d’o naso e,
    d’a pelle, istinto animale,
    fino a dint’o cereviello:

    ll’uosemo
    è ll’anema: ‘o stipo d’a sterpegna mia

    e ‘e ogni perzona:
    chesta, forse, è ‘a vera ricchezza
    ‘e ll’umanità.

    ‘e ricchezze materiale
    songo sulamente abbagli,
    miraggi ca svacanteno ‘a verità.

    Ma isso, l’essere umano,
    crede, accussì, ‘e campa bbuono,

    comme ‘o pataterno.



indiani