Articolo precedente
Articolo successivo

Prenditi cura di me

di Gianni Biondillo

Francesco Recami, Prenditi cura di me, Sellerio, 271 pag.

Prenditi cura di me è un libro sulla mediocrità dell’animo umano. Racconta la storia di Marta, anziana pensionata fiorentina, colpita da un ictus che la riduce a una larva e di Stefano, il figlio quarantenne, che dovrà accudirla. È una storia tragica quella raccontata da Francesco Recami, di una tragedia senza eroi, però. Solo comprimari mediocri, maligni, personaggi principali incapaci di diventare protagonisti.

Stefano è l’emblema di una generazione irrisolta, nata con l’alluvione, che imbolsisce e perde i capelli senza aver saputo diventare adulta e responsabile. Tutto quello che per davvero gli interessa è la quota di eredità che la madre vedova conserva in banca. Vagheggia, con quei soldi, di risolvere i suoi debiti, di ricominciare daccapo una nuova attività, questa volta sicuramente non fallimentare, come tutte quelle precedenti. Ma il desiderare la morte della madre (subito negandolo a se stesso), è così meschino da non saper essere malvagio. E Marta stessa, nel suo prodigioso recupero fisico, è un contraltare perfetto del figlio, col suo essere un genitore arroccato nei luoghi comuni passatisti e nostalgici, nel vittimismo consapevole e ricattatorio.

Recami scrive con una lingua anafettiva, antiretorica, lontano dalla volontà di cercare una benché minima giustificazione ai suoi insignificanti personaggi. Li mette in scena come un puparo, sapendo che ogni loro azione sarà meschina e allo stesso tempo incredibilmente reale. Ché Prenditi cura di me è uno specchio fedele di una Italia dove il familismo nasconde malamente l’immoralità congenita di un popolo che ha cercato nel denaro la soluzione al vuoto culturale.

L’unica a cui la simpatia dell’autore pare dichiarata è Maria, la giovane badante sudamericana. Sarà per l’età, sarà per la povertà che la preserva dalla corruzione di una cultura al declino, ma Maria è l’involontario personaggio positivo del romanzo. È una perdente, come tutti gli altri, ma ha ancora una speranza.

[pubblicato su Cooperazione n. 27 del 6 luglio 2010]

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Letto e piaciuto, quest’ultimo romanzo di Recami.
    Condivido la lettura che ne fa Gianni, a parte la valutazione della figura della badante. E’ vero che parte “illibata” ma mi pare che alla fine anche lei entri in quel cortocircuito di meschinità ben descritto nel libro.

    paolo

  2. Biondillo quando fa queste recensioni prêt-à-porter .. mi..mi..mi fa incazzare: sto mese mi rimangono 50,00€… ufffff.. non posso comprare il libro, arriverà la luce e il gas… ; bhè il gas dovrebbe essere poco stì due mesi l’ho usato poco..mmm mannaggia a lei.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Un editore rompitascabile

di Romano A. Fiocchi
Era il 29 novembre 1938. Angelo Fortunato Formiggini, uno dei più geniali editori del XX secolo, italiano «di sette cotte» ma di origini ebraiche, dopo aver sopportato le già pesanti ingerenze del regime, rifiuta di accettare l’estremo affronto delle leggi razziali. Da Roma, dove risiedeva, torna alla sua Modena, sale sulla torre Ghirlandina e si lancia nel vuoto urlando «Italia! Italia! Italia!»

La mantide

di Francesca Ranza
Quell’estate una mantide decapitata cadde giù dal cielo. Eravamo in piscina e parlavamo della coscienza, perché parlare della coscienza andava molto di moda. Non eravamo andati da nessuna parte in vacanza. Lui diceva che Milano in agosto era bellissima e io, anche se a Milano in agosto non ci ero mai stata prima, gli avevo creduto.

Racconti del postmitologico

di Romano A. Fiocchi
L’eleganza del linguaggio di Santoro, che è la sua cifra, contribuisce a proiettare questi brevi e brevissimi racconti – che variano da un massimo di sette pagine a un minimo di mezza paginetta – in un tempo tra il mitologico e il postmitologico.

Soldi soldi soldi

di Romano A. Fiocchi
Poema sinfonico, inteso quale intreccio di liriche di varie misure dove le parole si ripetono come motivi musicali, ogni volta modellati diversamente e sempre più vicini al perfezionamento dell’immagine.

L’orgoglio della modestia

di Gianni Biondillo
Per i razionalisti il tema era, a parità di risorse a disposizione, progettare una casa decorosa per tutti. Indipendentemente dal censo o dalla classe sociale. Era una questione etica non estetica.

Lo spettro della solitudine

di Romano A. Fiocchi
Qual è il tema portante di questo romanzo psicologico? Credo sia la nevrosi di colui che è poi il protagonista assoluto, Paolo. Nevrosi causata dall’episodio terribile a cui ha assistito da bambino.
gianni biondillo
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Ha vinto il Premio Scerbanenco (2011), il Premio Bergamo (2018) e il Premio Bagutta (2024). Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: