Articolo precedenteSu un editoriale di Silvia Avallone
Articolo successivoPereživanie

MILANO IN PIAZZA SABATO 29 GENNAIO

PER RACCONTARE UN’ALTRA STORIA ITALIANA

Le moltissime adesioni che continuano ad arrivare all’appello “Mobilitiamoci per ridare dignità all’Italia”, partito da Milano e dalla Lombardia, insieme alla richiesta arrivata spontaneamente da centinaia di donne di una presa di parola pubblica, ci hanno indotto a lanciare la proposta di una manifestazione nella nostra città. L’appuntamento è per sabato 29 gennaio, alle 15, in piazza Scala. Con un simbolo: la sciarpa bianca del lutto per lo stato in cui versa il Paese. Uno slogan: Un’altra storia italiana è possibile. Ci saremo con le nostre facce. Le facce delle donne italiane, quelle della realtà. Appuntandoci sulla giacca una fotocopia della nostra carta di identità con su scritto chi siamo: cassaintegrate, commesse, ricercatrici precarie, artiste, studentesse, registe, operaie e giornaliste, per dire la forza che rappresentiamo, a dispetto di tutto. Perché sarebbe bello che una spallata, magari quella definitiva, politica molto prima che giudiziaria, la dessimo proprio noi al capo supremo di questa telecrazia autoritaria, eversiva e misogina.

Quel che accade del nostro Paese offende  le donne, ma anche gli uomini che non si riconoscono nella miseria della rappresentazione di una sessualità rapace e seriale, nello squallore di una classe dirigente che ha fatto dell’eversione di ogni regola e nel sovvertimento di qualunque verità il suo tratto distintivo. Ed è anche a questi uomini che chiediamo di essere con noi sabato 29. Per ribadire insieme che “un’altra storia italiana è possibile”.

7 Commenti

  1. Helena,

    Perché la bellezza non sarebbe un mezzo per avere un posto nella società, come l’intelligenza, perché la bellezza è meno considerata dell’intelligenza?
    Non capisco bene tutta questa indignazione. Mi sembra che in Europa, lo ribadisco,per quel che concerne la prostituzione ( non scelta), c’è uno scandalo: ragazze spaventate: non sono all TV, non danno interviste, sono nelle mani della mafia romena, albanese, russa. Mi sembrano indecenti queste grida di rivolta in confronto alle grida che nessuno sente.

  2. Mi dispiace di non potere essere a Milano con voi. E’ importante un’iniziativa del genere, e spero che, come negli intenti di chi l’ha organizzata, essa assuma davvero un carattere popolare, radunando tante donne e anche tanti uomini.

    Quanto al commento di Véronique. E’ triste, ma è molto probabile che tra le “donne della realtà” che ci saranno in piazza, mancheranno proprio loro, le prostitute della strada, alcune delle quali vivono in una condizione di schiavitù. Quelle “donne della realtà” che comuni maschi italiani pagano ogni giorno.

  3. Come diceva Giorgio Gaber nella canzone “Io non mi sento Italiano” oggi, nel 2011, ci sentiamo paradossalmente stranieri in un paese che dovremmo invece sentire profondamente nostro. Perché non ci riconosciamo più in chi ci amministra e dovrebbe dare l’esempio. Queste persone ci fanno schifo.
    Il problema è che l’Italia è diventata una Nazione ridicola, derisa dalla stampa di tutto il mondo, impantanata in una situazione assurda sulla quale è superfluo soffermarsi, dato che andiamo sostenendo le medesime cose da anni.
    Una cosa è comunque certa: per smuovere le acque serve un cambiamento drastico, radicale, cioè le dimissioni di Silvio Berlusconi. Perché a questo punto è difficile accettare il suo morboso attaccamento alla poltrona di premier. Neanche fosse questione di vita o di morte. In questo modo uscirebbe di scena con un minimo di dignità, come fece Marrazzo, travolto dallo scandalo-trans mentre occupava l’importante incarico di Presidente della Regione Lazio, mica pizza e fichi. Perché così non si può andare avanti. È vero che nell’immediato non esistono alternative valide – sono il primo a denunciarlo da tempo -, ma questo non vuol dire che Berlusconi debba rimanere inchiodato a quella prestigiosa ed evidentemente comoda poltrona nonostante mezza Italia non lo voglia più al Governo.

    ps per Veronique: nessuno ce l’ha con le prostitute ma con chi, senza scrupoli, le sfrutta e le usa a proprio vantaggio

  4. E appunto l’occasione alle donne che saranno alla manifestazione di gridare la loro rivolta contro tutta forma di schiavitù della carne, di non passare sotto silenzio la sofferenza delle donne costrette, sovente straniere, che sono senza aiuto, e devono affrontare la paura, il silenzio, l’umiliazione.
    Il caso italiano non deve fare dimenticare la responsabilità dell’Europea: penso che non ci sono mezzi efficaci per cacciare uomini della mafia, chiedere spiegazione a paesi corrotti, mettere in prigione e per lungo quelli che spaventano ragazze che cercavano solo una migliore situazione in nostri paesi.

  5. Véronique hai detto bene quando parli di “responsabilità”. Responsabilità del ruolo politico, responsabilità dei propri atti, responsabilità nel rivestire l’autorità. Un’Italia diversa è possibile secondo me a partire dal senso profondo di questa parola “responsabilità”

  6. Grazie Maria Luisa.

    Vorrei aggiungere che tra foto e interviste, mi sembra grave la minaccia di Berlusconi verso i magistrati. Anche un’informazione che si deve leggere con gli occhi ben svegliati: molte straniere nelle cene a Arcora.
    Chi ha portato queste ragazze? A che devono rendere conto?
    Altra cosa grave che un presidente del consiglio sia sotto ricatto?
    Purtroppo queste notizie e interrogazioni sono nascondite dietro interviste, foto, gossip, racconti sulle notte a Arcora.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’asimmetria della violenza

di Mariasole Ariot

Quando arrivano a denunciare? – ho chiesto. A volte mai, mi ha risposto. A volte dopo 40 anni di convivenza.

Shelter in place (l’Italia in una stanza)

di Sara Marinelli Nove ore di fuso non sono niente. Se dormo di giorno e sto sveglia di notte, sono in...

Fuori dal raccordo c’è l’Italia

di Gianni Biondillo E così, anche in questo nuovo romanzo, non ho parlato del Duomo. Sono anni che scrivo di...

Più dolore, più violenza in questa città

di Carola Susani Non so se ho tenuto bene il conto. Il Baobab ha subito a mia memoria 22...

Aprite i porti: manifestazioni nelle città d’Italia

Con la vicenda della nave Aquarius assistiamo alla negazione dei diritti umanitari internazionali,  che sta mostrando una faccia dell'Italia...

Onan, le Alpi e Pirandello

Onan, le Alpi e Pirandello di Giuseppe Schillaci   Si scrive per essere amati, diceva Roland Barhes. E si sbagliava. Non si scrive...
helena janeczek
helena janeczek
Helena Janeczek è nata na Monaco di Baviera in una famiglia ebreo-polacca, vive in Italia da trentacinque anni. Dopo aver esordito con un libro di poesie edito da Suhrkamp, ha scelto l’italiano come lingua letteraria per opere di narrativa che spesso indagano il rapporto con la memoria storica del secolo passato. È autrice di Lezioni di tenebra (Mondadori, 1997, Guanda, 2011), Cibo (Mondadori, 2002), Le rondini di Montecassino (Guanda, 2010), che hanno vinto numerosi premi come il Premio Bagutta Opera Prima e il Premio Napoli. Co-organizza il festival letterario “SI-Scrittrici Insieme” a Somma Lombardo (VA). Il suo ultimo romanzo, La ragazza con la Leica (2017, Guanda) è stato finalista al Premio Campiello e ha vinto il Premio Bagutta e il Premio Strega 2018. Sin dalla nascita del blog, fa parte di Nazione Indiana.