VIOLA AMARELLI la lastra e il cristallo


 
1.1.
 
Una fatica la schianta, una fatica qualunque. Dipenderà dagli enzimi. O dagli ormoni, il metabolismo. L’ipofisi o la tiroide. Ci giurerebbe col cuore.
 
Procede a strappi. Con il lavoro. Con i bambini. Con i servizi di casa. Concentra e incendia. Un fuoco che si esaurisce con poco.

Pressione bassa e aritmia. Suo padre è stato sempre ipocondriaco. Lo sta diventando anche lei. Che sciocca. Che importa. Odia. Dottori e medicine. Le compera e, regolare, non le prende.
 
E’ imbarazzante essere al centro dell’attenzione. Per un motivo o un altro le capita spesso. Perché non riflette e dice le cose che gli altri non voglion vedere.
 
Ha deciso. Ora tace. Almeno ci prova. Si sente ridicola : parla, e anche poco, solo se interrogata. Tutti cominciano a dirle brava, ma lei s’intristisce. Non si trova bene
 
Funziona tutto benissimo, insomma, discretamente quando si trova da sola senza doveri. Procede con calma. Rifare un letto può prendere una giornata.
 
Purtroppo non può farlo spesso. Ha le ore piene. E mucchi di cose, casini, bordelli che crea e magicamente risolve.
 
 
1.0
 
Così razionale e, adieu, tutto va a posto, secondo loro, ma non è obbligatorio risolvere affari. Degli altri
 
Così razionale, con gli altri. Le riesce facile, è l’ipermetropia che vede il quadro completo, e oltre. Più n. Con gli anni aggiusti pure le derivate. Degli altri.
 
Così razionale che si è ritirata, in secca, argini irrilevabili, la beatitudine dell’insignificanza. Da bambina amava il buio perché nessuno poteva trovarla.
 
Talmente razionale che quando arriva la piena delle passioni, la lascia sfogare. Cambia lavoro, case e amori e intorno, ovvio, restano esterrefatti.
 
La differenza è solo alle regole, il gioco. Lei conosce le regole degli altri. Non sono le sue. Quelle, non le conosce né vuole impararle nessuno, neppure lei.
 
 
0.0
 
In sottofondo il bisbiglio, costante, non sai se certezza o sospetto. E’ piombata lì da un altro posto, ignoto, lontano, comunque diverso.
 
Il cristallo, la lastra, netto l’acquario tra l’iolaltro. Si vede benissimo, ogni dettaglio. Non si può toccarlo.
 
C’è stato il giorno in cui l’hanno detto. Lei sta morendo, ci spiace moltissimo, ha preso in mano il referto. Lo stesso giorno in cui s’era rotta la lastra e per miracolo aveva toccato.
 
In sottofondo, clangore e tamburo, piombata. Daccapo e di nuovo, le viene in mente passando alla cassa.
 
 

Print Friendly, PDF & Email

9 Commenti

  1. Una musica nella mente. Sembianza semplice delle parole. In realtà tarantella del corpo tra le cose del mondo.

    Una preferenza per 00

    Complimenti a Viola

  2. “Da bambina amava il buio perché nessuno poteva trovarla.”

    Diversi i passaggi significativi come quello sopra, scrittura attenta come sempre. Un caro saluto.

  3. “coinvolgente” mi pare un termine assai calzante.
    Mi ha richiamato immediatamente alla memoria ” Sette piani” di Dino Buzzati.
    Grazie, Viola!

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nostalgie della terra

di Mauro Tetti Ogni cosa vissuta o immaginata continuava a ingannarmi trascinandomi dabbasso in qualche buco sconosciuto della vita. Sentimento...

Nota di lettura su “Unità stratigrafiche” di Laura Liberale, Arcipelago Itaca, 2020.

di Carlo Giacobbi
La morte, dunque. E la si pronunci questa parola, se ne indaghi anzitutto il significato letterale-biologico, se ne prenda atto: questo pare essere l’invito del dettato poetico dell’autrice, il motivo della sua ars scribendi.

Distopia del ritorno

di Lisa Ginzburg
C'è in ogni ritorno un moto circolare; quasi, verrebbe da dire, è essenza del rivolgersi all'indietro, sua prospettiva obbligata, una geometria concentrica

Su «Quando tornerò» di Marco Balzano

di Antonella Falco
Un romanzo di grande impatto emotivo. Mediante una scrittura asciutta, ma nello stesso tempo calvinianamente “leggera”, racconta la fatica di vivere

Sporcarsi le mani con Dostoevskij

di Claudia Zonghetti
Questa è la sfida per i traduttori attuali e futuri di Dostoevskij: sporcarsi le mani con la pasta sonora e sintattica della sua lingua plastica e veemente

L’odore dell’arrivo

(Per gentile concessione della casa editrice Ferrari Editore, che qui volentieri ringrazio, pubblico uno stralcio del nuovo romanzo di...
orsola puecherhttps://www.nazioneindiana.com/author/orsola-puecher/
,\\' Nasce [ in un giorno di rose e bandiere ] Scrive. [ con molta calma ] Nulla ha maggior fascino dei documenti antichi sepolti per centinaia d’anni negli archivi. Nella corrispondenza epistolare, negli scritti vergati tanto tempo addietro, forse, sono le sole voci che da evi lontani possono tornare a farsi vive, a parlare, più di ogni altra cosa, più di ogni racconto. Perché ciò ch’era in loro, la sostanza segreta e cristallina dell’umano è anche e ancora profondamente sepolta in noi nell’oggi. E nulla più della verità agogna alla finzione dell’immaginazione, all’intuizione, che ne estragga frammenti di visioni. Il pensiero cammina a ritroso lungo le parole scritte nel momento in cui i fatti avvenivano, accendendosi di supposizioni, di scene probabilmente accadute. Le immagini traboccano di suggestioni sempre diverse, di particolari inquieti che accendono percorsi non lineari, come se nel passato ci fossero scordati sprazzi di futuro anteriore ancora da decodificare, ansiosi di essere narrati. Cosa avrà provato… che cosa avrà detto… avrà sofferto… pensato. Si affollano fatti ancora in cerca di un palcoscenico, di dialoghi, luoghi e personaggi che tornano in rilievo dalla carta muta, miracolosamente, per piccoli indizi e molliche di Pollicino nel bosco.
Print Friendly, PDF & Email