Le foto della Festa Indiana: sabato

Proseguo la pubblicazione delle foto della festa indiana. Evito di mettere tutti i nomi nelle didascalie così faccio arrabbiare qualche amico che non c’era. ;-)

Davide viaggia, io presidio la cassetta delle offerte.

Pausa caffé.

La mascotte della Festa!


Le fanciulle in fiore.


Più che acqua, birra.


Il solito magna magna.


“Signori, un brindisi!”


“Ti faccio un mazzo così!”
“Ma finiscila!”


In assenza di Jan, si parla di Jahnn

Ragazze che sanno leggere.

Gallarate’s Pride.

Scrittura creativa.


Scrittrice in erba, padre orgoglioso.


Diritto alla bellezza. Jacopo è lì come prova.


Isabella mette spalle al muro Giuseppe.


Pernacchie al tavolo della critica.


Domande dal pubblico.


La felicità preprandiale di Bruno, Gabriele e Daniele.


Richiamo all’ordine.


Alessio ha manie di grandezza.


Anima rock!

(continua)

12 Commenti

  1. Ciao Ares.Come va.A me bene,mi è appena tornata l’acqua,in anticipo per fortuna.Scusa è una lunga storia,e tu hai sicuramente altro per la testa.E’ bello vivere dove le cose funzionano.Ciao Lucia Devigili

  2. Ciao Lucia,
    e si, l’estate è sempre un problema per l’acqua, che talvolta manca altre volte abbonda.
    Che hai votato al referendum sull’acqua?

  3. Ciao,Ares.Niente.Non sono andata,purtroppo.Sono molto pigra,quando c’è da mettere una semplice x.Detesto Aristotele.Rifondazione comunista non vinceva mai,ma non me ne intendo di queste cose.Non basta mica vincere,deve anche funzionare.Adesso però devo proprio andare,non ho ancora avuto il tempo di vedere le foto del post,ma tanto restano lì,e alla più,si possono commentare più avanti.Del resto,non conosco quasi nessuno.
    Ciao,di nuovo,Ares e buona giornata.Lucia D.

  4. Certo è che son tutte serioso queste foto, altro che festa.. a parte qualche bicchiere levato, qualche chitarra e Biondillo con il megafono che canta “Tu,Tu, Tu, Da, Da, Da un cartellone che fa della pubblicità” ^__^

  5. SIETE BELLISSIMI!!! E mi sente sulla pelle un piccolo,vento caldo.
    Ho sete, mi bevo una birra presto, una bella birra rossa a casa.

    CIAO!

  6. Chissà perché Vèronique che beve una birra non riesco ad immaginarmela, è piu’ da sidro.. da elisir di rose e uvetta passa, … al limite la vedo sorseggiare un grappino al melograno. ^__-

  7. Ciao caro Ares.Non riesco ad immaginare nessuno,oggi,con una grappa in mano.Sai quanti gradi sono?Il necessario per l’inverno.Se Veronique dice che oggi si beve una birra,credo che sia in torto tu,ma di poco.Ciao,buona serata,e notte anche.Era ora!Purchè non ci siano pipistrelli, sulla terrazza si sta freschi.Ciao,ho finito,Ares,Lucia D.

  8. Ares, si mi sono bevuto una birra rossa. Come sono ancora nel norte della Francia ( non per un lungo momento ormai) gusto la birra che è buonissima.
    E’ una birra che viene da Belgica ( credo) si chiama e non ridere per favore: Ruby. Fa caldo ancora oggi. Ma non ti sbagli di solito amo il vino, la grappa, il limoncello e sopratutto lo champagne!!!!

  9. E si si una birra non si nega a nessuno con questo caldo.

    @Biondillo ahahahhah certo, almeno una su tutte no?!…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Assialità dei legami : fotografie di Isabelle Boccon-Gibod

di Lisa Ginzburg
Ho conosciuto Isabelle Boccon-Gibod qualche anno fa, perché un’amica la portò a cena da me (ancora si cenava insieme, con quegli “aggiungi un posto a tavola” a movimentare convivialità che è difficile e anche doloroso ricordare nel presente di adesso).

Nervino

di Mariasole Ariot
Si apre nella stanza – la parvenza della luce che ha per occhio – una buca sul terreno della casa – le mani dolci come cialde – il delicato attendere una chiamata

Lettere dall’assenza #4

di Mariasole Ariot Caro G., oggi il cielo è plumbeo, ho scartavetrato la casa per cercare un corpo che non...

Storia con fotografia

di Andrea Inglese L’episodio è unico, ma vorremmo capire come parlarne. Era semplice e banale, certo, ma enormemente vischioso, e...

Milano, Bicocca

di Roberto Antolini 1. NuovaBicocca Ho ricordi personali piuttosto tardi della grigia Bicocca dell’epoca industriale, ricordi degli anni Settanta, quando mi...

Dalla parte di Catilina

di Pierluigi Cappello Ama le biciclette e la polvere degli sterrati, la Repubblica. Magari una solida Bianchi con i freni...
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.