Le foto della Festa Indiana: sabato

Proseguo la pubblicazione delle foto della festa indiana. Evito di mettere tutti i nomi nelle didascalie così faccio arrabbiare qualche amico che non c’era. ;-)

Davide viaggia, io presidio la cassetta delle offerte.

Pausa caffé.

La mascotte della Festa!


Le fanciulle in fiore.


Più che acqua, birra.


Il solito magna magna.


“Signori, un brindisi!”


“Ti faccio un mazzo così!”
“Ma finiscila!”


In assenza di Jan, si parla di Jahnn

Ragazze che sanno leggere.

Gallarate’s Pride.

Scrittura creativa.


Scrittrice in erba, padre orgoglioso.


Diritto alla bellezza. Jacopo è lì come prova.


Isabella mette spalle al muro Giuseppe.


Pernacchie al tavolo della critica.


Domande dal pubblico.


La felicità preprandiale di Bruno, Gabriele e Daniele.


Richiamo all’ordine.


Alessio ha manie di grandezza.


Anima rock!

(continua)

Print Friendly, PDF & Email

12 Commenti

  1. Ciao Ares.Come va.A me bene,mi è appena tornata l’acqua,in anticipo per fortuna.Scusa è una lunga storia,e tu hai sicuramente altro per la testa.E’ bello vivere dove le cose funzionano.Ciao Lucia Devigili

  2. Ciao Lucia,
    e si, l’estate è sempre un problema per l’acqua, che talvolta manca altre volte abbonda.
    Che hai votato al referendum sull’acqua?

  3. Ciao,Ares.Niente.Non sono andata,purtroppo.Sono molto pigra,quando c’è da mettere una semplice x.Detesto Aristotele.Rifondazione comunista non vinceva mai,ma non me ne intendo di queste cose.Non basta mica vincere,deve anche funzionare.Adesso però devo proprio andare,non ho ancora avuto il tempo di vedere le foto del post,ma tanto restano lì,e alla più,si possono commentare più avanti.Del resto,non conosco quasi nessuno.
    Ciao,di nuovo,Ares e buona giornata.Lucia D.

  4. Certo è che son tutte serioso queste foto, altro che festa.. a parte qualche bicchiere levato, qualche chitarra e Biondillo con il megafono che canta “Tu,Tu, Tu, Da, Da, Da un cartellone che fa della pubblicità” ^__^

  5. SIETE BELLISSIMI!!! E mi sente sulla pelle un piccolo,vento caldo.
    Ho sete, mi bevo una birra presto, una bella birra rossa a casa.

    CIAO!

  6. Chissà perché Vèronique che beve una birra non riesco ad immaginarmela, è piu’ da sidro.. da elisir di rose e uvetta passa, … al limite la vedo sorseggiare un grappino al melograno. ^__-

  7. Ciao caro Ares.Non riesco ad immaginare nessuno,oggi,con una grappa in mano.Sai quanti gradi sono?Il necessario per l’inverno.Se Veronique dice che oggi si beve una birra,credo che sia in torto tu,ma di poco.Ciao,buona serata,e notte anche.Era ora!Purchè non ci siano pipistrelli, sulla terrazza si sta freschi.Ciao,ho finito,Ares,Lucia D.

  8. Ares, si mi sono bevuto una birra rossa. Come sono ancora nel norte della Francia ( non per un lungo momento ormai) gusto la birra che è buonissima.
    E’ una birra che viene da Belgica ( credo) si chiama e non ridere per favore: Ruby. Fa caldo ancora oggi. Ma non ti sbagli di solito amo il vino, la grappa, il limoncello e sopratutto lo champagne!!!!

  9. E si si una birra non si nega a nessuno con questo caldo.

    @Biondillo ahahahhah certo, almeno una su tutte no?!…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il corpo è tutto

di Valerio Paolo Mosco
Olivia Laing ci insegna che il corpo ci disvela, ci rende umani in quanto testimonia la nostra vulnerabilità e con essa l’eroismo di coloro i quali non hanno rinnegato la vulnerabilità.

Quella notte al Majestic

di Romano A. Fiocchi
Fu presso l’Hotel Majestic di Parigi, nell’imponente avenue Kléber, che nel corso di una serata organizzata dai ricchi coniugi Schiff si riunì un’incredibile schiera di artisti e di intellettuali. Tutti per assistere all’incontro tra due giganti della letteratura: Marcel Proust e James Joyce.

Palo luce 33

di Anna Caldara
Me l’ero conquistato quel palo a suon di scazzottate con le altre puttane della zona, tutte straniere con tanto di papponi al seguito che però non si immischiavano e ci lasciavano sfracassare tra noi mignotte.

Istoria del piccolo Iom

di Salvatore Enrico Anselmi
Caro lettore, questa che mi accingo a raccontare è la storia del piccolo Iom che da indifendibile passò a miracolato. Non ti crucciare se gli eventi ti faranno sgranare gli occhi, portare le mani alle orecchie per non poter più sentire, premere la mano sulla bocca per trattenere le parole, perché di fantastica ma vera storia vorrei narrare.

Acqua, minerale

di Saverio Marziliano
"Si chiedeva quanti e quali fossero i motivi di chi era partito, il loro stato d’animo, i sogni, le speranze e le aspettative. Sarebbero tornati? Il mondo che avevano trovato fuori dalla città era come immaginavano?"

Tungsteno

di Fabio Rodda
"Fuori era ancora buio. 24 sottozero, diceva il termometro sulla porta di casa. La pelle si tende fino a rompersi, se non la copri con il grasso di foca o di balena." Eccovi il nostro racconto di Natale davvero poco natalizio.
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: