Articolo precedenteCamera con vista sul male
Articolo successivoTerra! – Rosaria Capacchione

l’ultimo giorno di ottobre

di Franco Arminio

I
io qui ho un solo nervo
un solo ramo
a cui sto appeso
in attesa della fucilata.
cinguetto, scuoto le ali
non scendo a terra e non volo
in cielo.

II
la piazza coi denti
presidiata
dal popolo fallito
è insolente
mi mastica il dito.

III
siamo qui a cercare
chi ci loda
in questo spazio senza capo
né coda.

IV
quando avevo i tuoi occhi
non me ne accorgevo.

V
notizia del giorno:
uno che si è impiccato a un albero
vicino alla fermata degli autobus
ed è rimasto lì per tre giorni.

VI
abbracciami con cautela
sono il tuo arcobaleno.

VII
senza di te
le cose che vedo
non ci sono.

VIII
era piena di farfalle
l’aria che ti usciva dalla bocca.

IX
quando mia madre
mi tolse il seno
misi in bocca la punta
del mio cuore.

X
ogni cosa è di nuovo rovesciata
come negli anni in cui non ti ho baciata.

XI
hai avuto bisogno di molti uomini
per arrivare a me.

XII
domani è il giorno dei morti
quando arriva il giorno dei vivi?

[l’immagine in apice è di Dino Valls]

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. la seconda affonda nel morbido…
    una piazza con i denti può solo mordere :-)
    la sesta è dolcissima.
    tutte molto riflessive, brevi, leggere come voli di farfalla
    Mauricio Babilonia ne era circondato, hanno segnalato la sua morte.

    apprezzato molto anche il quadro che non conoscevo.

  2. Perdonate la pedanteria:
    domani (detto l’ultimo giorno di ottobre) è il 1° novembre, dunque non è il giorno dei morti, ma è il giorno dei santi. Il giorno dei morti è il 2 novembre.
    Molto belle, soprattutto la I e la IX.

  3. lo so che il giorno dei morti è il due novembre, ma io mi riferivo al mio paese, dove il giorno dei morti viene festeggiato il primo novembre. la mia è sempre una scrittura site specific. comunque l’osservazione non è affatto pedante.

  4. Mi piace la poesia V – la crudeltà- la solitudine del corpo dopo la solitudine della mente. Si suicida perché sei solo/ sola con il dolore in petto- senza possibilità di uscire- e dopo un albero come testimonio- una fermata di autobus- si è fermata la vita- una vita di attesa- se l’amore… Ma nessuno
    è venuto nell’incontro di questa solitudine- dopo tre giorni- come in una favola dentro la nostra realtà.

    Mi piace anche la XII, provo un sentimento di liberazione: la festa della vita- in brevo- la festa della luce, del cielo aperto, dal mare- del desiderio
    e della carne.

  5. La nona poesia è bella ed è una poesia.

    Se le altre sono esercizi, la nona è un risultato.

    Un saluto!,
    Antonio Coda

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Un gelido dicembre milanese

di Antonella Grandicelli
Un gelido inverno in viale Bligny (Morellini Editore, 2021), è il convincente debutto nella narrativa gialla della scrittrice genovese Arianna Destito Maffeo,

L’Anno del Fuoco Segreto: Su Monomeri e Futuro

di Gabriele Merlini «E comunque, se ti interessa, lascia perdere e ascolta me.» Vicino al materasso la lampadina ha la silhouette della befana e il telefono trasparente, nel caso provi a inclinarlo, emette ancora quello strano rumore di oggetti che scoppiano per inattese pressioni dei polpastrelli.

Il fermo di Ferlinghetti

di Giorgio Mascitelli ( la scorsa primavera un amico mi aveva chiesto di immaginare qualche testo per ricordare Lawrence Ferlinghetti,...

L’indicibile Necessarium

Il bagno nell’architettura contemporanea di Alberto Giorgio Cassani «Se vuoi il mio consiglio, abbellisci il tuo cesso e abbellirai la tua...

Agricoltura convenzionale, agricoltura biologica, nuove tecnologie

intervista a Giacomo Sartori di Dario De Marco
DDM Partiamo dal principio: la dicotomia biologico / convenzionale. Noi ce li figuriamo spesso come due cose distanti e distinte, in teoria è così ma poi nella pratica,

La bestia che ci portiamo dentro

di Paolo Carfora
I conigli divorano spesso i propri cuccioli per potersi accoppiare nuovamente. Capita a volte che le lontre stuprino a morte le femmine. I delfini si drogano con il veleno del pesce palla.
Print Friendly, PDF & Email