#Prop (video) Art

Gangnam Style / Ai Weiwei


Gangnam for Freedom / Anish Kapoor and Friends

8 Commenti

  1. La creazione non sarà mai una voce seppellita. Ogni prigione è piena di pensiero, di speranza, di imaginazione. Chi scrive, inventa, canta, rende miracoloso ogni momento della vita. Non dimenticare l’artista che lotta, soffre, sogna la libertà.

    Bell’iniziativa!

    Sono di passaggio, in fretta come sempre. Ma volevo lasciare un messaggio.

  2. Un nome per l’Europa: Roberto Saviano. Un solo nome, ma la vergogna è li;

    Uno scrittore privato della sua libertà, perché ha scritto un libro è una vergogna.

    • Ma Salvatore, quello di Bolle è un video “serio”, che finge d’essere sbarazzino. Questi due, invece, sono puro trash. E’ quello che mi appassiona.

  3. Mi è molto piaciuto…l’ho visto nel fb di Roberto, trovo che è un modo molto carino di protestare.

    Comunque se consideriamo la Russia come parte dell’Europa, ci sono pure le Pussy Riot :-)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

OT GALLERY (una retrospettiva # 2)

MOSTRE TEMPORANEE   a cura di Massimiliano Manganelli   La stanza è interamente occupata da un enorme lavabo nel quale scorre continuamente l'acqua,...

OT GALLERY (una retrospettiva # 1)

  a cura di Giulio Marzaioli   La OTgallery, sebbene non scavata nella roccia, è a tutti gli effetti una galleria. Inaugurata...

Riscrizione di mondo #2 – programma & istruzioni per l’uso (26.5 Milano)

Qui diamo il programma dettagliato, e le istruzioni per l’uso (19) di una mentalità intraterrestre.   Per ognuno di noi ci sono...

Le macchine inadempienti di Lawrence Fane

di Luigi Ballerini II. Di un curioso attaccapanni, di un museo di strumenti perduti e di certe manie Anche lo studio...

L’effetto finale

L’EFFETTO FINALE a R.K. e a S.M. Dispositivi di destino delimiteranno il campo. Sarà il risultato di una sommatoria di evidenze,...

Mario Negri. La solitudine dello scultore

di Gianni Biondillo  C’è sempre stato un prima e un dopo per te, Mario. Niente terre di mezzo, niente compromessi,...
helena janeczek
helena janeczek
Helena Janeczek è nata na Monaco di Baviera in una famiglia ebreo-polacca, vive in Italia da trentacinque anni. Dopo aver esordito con un libro di poesie edito da Suhrkamp, ha scelto l’italiano come lingua letteraria per opere di narrativa che spesso indagano il rapporto con la memoria storica del secolo passato. È autrice di Lezioni di tenebra (Mondadori, 1997, Guanda, 2011), Cibo (Mondadori, 2002), Le rondini di Montecassino (Guanda, 2010), che hanno vinto numerosi premi come il Premio Bagutta Opera Prima e il Premio Napoli. Co-organizza il festival letterario “SI-Scrittrici Insieme” a Somma Lombardo (VA). Il suo ultimo romanzo, La ragazza con la Leica (2017, Guanda) è stato finalista al Premio Campiello e ha vinto il Premio Bagutta e il Premio Strega 2018. Sin dalla nascita del blog, fa parte di Nazione Indiana.