Articolo precedentePoesie interattive
Articolo successivoSei prose

un taglio alla fontana e un’elegia di Rilke

di Francesco Forlani

Una lettura della sesta elegia duinese di Rainer Maria Rilke in una fontana dismessa del proprio quartiere, giusto di fronte alla libreria Il Ponte sulla Dora. Le riprese sono di Alessandro e Chiara, Rocco guardava e Pepe e i suoi amici ascoltavano. Lamberto suonava, ma molto prima.  L’edizione è quella pubblicata da Einaudi con traduzione di Enrico e Igea De Portu
La pioggia era battente e il cuore batteva forte, così, rientrando ho scritto questi versi.

una profonda solitudine da autentica disfatta
e a letto senza cena di notte, di notte nera nera
con lo scroscio di una fontana dismessa che la pioggia
regala con rintocchi ed i zampilli sul cemento
della vasca che rivela insieme alla pietra l’idea
di uno specchio d’acqua appena rimosso
rapita disinvolta all’immagine riflessa di un tempo
che non è più tempo e speri chino sul foglio
piegato a metà come una barchetta senza mare
che quel tempo fuggendo si trasformi in temporale

3 Commenti

  1. Grazie Francesco. In questo tempo Rilke mi sembra tornare particolarmente attuale, ammesso che non lo sia sempre stato. Recentemente ho riletto il Libro della Povertà e della Morte, che reputo e sento altissimo. Ci regali sempre momenti di grande verità poetica, e quella che viene dal profondo di te. Grazie.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Michel Houellebecq ou l’extension du domaine des livres (prima parte)

di Francesco Forlani "Sono davvero sotto shock, non mi era mai capitata una cosa del genere, non lo auguro davvero a...

Altri consigli rilkiani ai poeti

di Antonio Sparzani Dodici anni fa pubblicavo qui una delle lettere di Rainer Maria Rilke a un giovane poeta, cercando...

Repoetage: ode ai penultimi

  I Penultimi   di Francesco Forlani Se ne stanno seduti i penultimi alle cinque e mezza del mattino tutti occupati i sedili sulla banchina prima che...

Vista da Trieste

di Antonio Sparzani È quel momento inquietante che prepara il buio della notte, è finito il violetto chiaro dell’ultimo...

Parliamo de Le Qualità

di Antonio Sparzani Con felice acribia Biagio Cepollaro arricchisce costantemente il suo patrimonio di produzione poetica, così come accresce quello...

non credo che ARTE e VITA tocchino il punto più alto . . .

di Antonio Sparzani Luisa Gustavovna Salomé (San Pietroburgo 1861, Göttingen 1937), figlia di un generale russo di origine francese ugonotta...
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux