Articolo precedenteRicordo di Giorgio Orelli
Articolo successivoUna di noi

Mappa dei morti arrivando in Europa

mapFortressEuropeEng

Pallino blu: Affogamento (per naufragio, traversata di fiume o lago)

Pallino viola: Asfissia (su camion o container)

Pallino rosso: Ipotermia durante viaggio aereo

Pallino verde: Altro (incidente, collasso, ipotermia, campo minato)

Pallino giallo: Suicidio

Pallino bianco: Mancanza di assistenza, atti di razzismo

Pallino nero: Violenze della polizia

 

La figura in alto a destra mostra il numero dei morti per grandezza del pallino, dai 20 ai 3300.

*

 

Il grafico è del 2006, la fonte United for Intercultural Action, io l’ho tratto da abolishforeignness.org. Qui una lista delle morti documentate risalente al primo novembre 2012.

 

*

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. “Dobbiamo aiutarli nei loro paesi d’origine! Ristabilire i diritti umani laddove latitano.” No. Siamo noi a doverci far aiutare nei nostri paesi… Ristabilire i diritti umani laddove latitano… (Banalità che dico al leghista genetico di turno che incontro per strada, al bar, in piazza. Il paese è piccolo, la gente mormora. Ma mormora solo quello che vuole sentirsi dire. Il resto è uno sfarfallio di parole che interferisce col programma principale, la Norma. E Bellini non c’entra un tubo. Oh, no no Bellini è soltanto un cocktail…)
    Domando scusa per l’interferenza…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il vino buono

di Antonio Sparzani A chi venisse in mente di salare il vino, o, meglio, i vini, io non darei alcun...

Il passo della morte – Enzo Barnabà

Incipit del nuovo libro di Enzo Barnabà   Sul finire del giugno 2018, mentre attraverso la frontiera di ponte San Luigi,...

Torturarli a casa loro? Io sto con Samed

di Andrea Inglese Certo che vorrei essere un rappresentante della classe media durante le sue due settimane ufficiali di vacanza...

Gli artisti di quartiere a difesa della collettività: la storia di via Roma, Reggio Emilia

di Irene Russo C’è una via Roma quasi in ogni città di Italia, c’è una via Roma speciale a Reggio...

NON IN NOSTRO NOME!

DIRETTA TV L'arrivo di Sea Watch al porto di Catania. L'equipaggio sarà sentito dalla Procura della Repubblica di Catania.   Viaggi Disperati:...

Il trauma e le radici ( veniva da Mariupol)

di Valentina Parisi Natasha Wodin Veniva da Mariupol, L'orma, 2018, pp 384, euro 21, traduzione di Marco Federici Solari e Anna Ruchat Tra...
renata morresi
Renata Morresi scrive poesia e saggistica, e traduce. In poesia ha pubblicato le raccolte Terzo paesaggio (Aragno, 2019), Bagnanti (Perrone 2013), La signora W. (Camera verde 2013), Cuore comune (peQuod 2010); altri testi sono apparsi su antologie e riviste, anche in traduzione inglese, francese e spagnola. Nel 2014 ha vinto il premio Marazza per la prima traduzione italiana di Rachel Blau DuPlessis (Dieci bozze, Vydia 2012) e nel 2015 il premio del Ministero dei Beni Culturali per la traduzione di poeti americani moderni e post-moderni. Cura la collana di poesia “Lacustrine” per Arcipelago Itaca Edizioni. E' ricercatrice di letteratura anglo-americana all'università di Padova.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: