Articolo precedenteLa cameriera di Artaud
Articolo successivoSeia sette: Joanna Rakoff

Arte della fuga. Contrapunctus I

di Fabio Donalisio

fuga,
gente in fuga nel mondo
moribondo; quasi
quasi fuggire e
mi nascondo

**

pianificare la fuga, dettagliarla;
conoscerne i segreti e poi
non farla

**

primo non restare, non guardare
non subire; resistere tenace
al tentativo di capire

**

non spendere parola, né
tantomeno l’arte, che di fuggire
non s’impara mai si viene
messi a parte

**

infinite controllate variazioni
dello stesso, semplice angolo
convesso del mondo che conosci
e che non sai; più di questo
non è dato, mai; abbastanza
da perderci la vita: soggetti
di una fuga di portata inaudita

**

rovescia disossa riporta la cosa
a prima del montaggio prima
dell’idea stessa di intervento
del pensiero del possesso
di ogni parte – importante – del vento:
basi minerali assuefatte
all’attinenza degli uguali:
sali

**

non capire le cose non bastare
alla gente rendersi sempre
non pertinenti

**

impertinente riprodursi dell’uguale
in barba al pervicace pensiero
originale; al limite combinatoria
cui è impassibile parlare

**

la gente vuole. sempre, qualcosa; e
quasi sempre senza la coscienza;
semplicemente, della gente,
tocca farne senza (e mica
duole

**

proteste clandestine nei nervi
della faccia – per me lo stato è solo
stato di minaccia – uscite dalle orecchie
fatte assi spaginate da catasta;
e basta

**

mondo moribondo esperto di clamori
scegliere di esisterne, semplicemente,
fuori

**

notula: niente oscurità né sottigliezza
o tanto meno leggiadria: deserto scabro
e bianco detto etimologia;
non vi si trattiene potete andare
via: a ritrovavi ossa dopo morte
(per sete) sarà scialba gioia.
mia

articoli correlati

Immagini dell’arrivo_parte seconda

di Carlo Brio
Che faccia dubbiosa o smarrita o imbarazzata faremo, quando sulle poltrone in attesa dell’imbarco o persino in volo per interrompere monotonia e soliloquio, ci parleranno con intimità di fatti che ci riguardano solo perché apparteniamo a un popolo, ma che nella classe che ci ha allevato non si sono mai verificati?

Immagini dell’arrivo_parte prima

di Carlo Brio
Noi siamo esseri colti, come arriveremo in America? Come sbarcheremo dall’aereo, facendo che faccia? Noi educati, abbiamo negli occhi e in memoria i filmati, i film, le foto dagli archivi che abbiamo studiato per alzare la mano e dare la risposta, noi con che faccia sbarcheremo all’aeroporto?

Poesia, azione pubblica (Milano 25-26 settembre, Teatro Litta)

 MTM - Manifatture Teatrali Milanesi all’interno del Festival di teatro indipendente HORS - House of the Rising Sun presenta LA...

Luomomacchina e altre poesie

di Marcello D'Ursi Luomomacchina Luomomacchina non parla Urla Luomomacchina divide uomo da uomo Luomomacchina fa paura Luomomacchina ha paura Del luomomacchina più grosso Luomomacchina non cade mai Luomomacchina...

Lettere dall’assenza #5

di Mariasole Ariot
Cara L. Seduta sulle ginocchia dell’alba ho il volto rivolto ad est, ho sempre capito i segni cardinali, li sento nell’esofago, ti scrivo mentre la casa è un temporale.

Et tournoie…

di Sharon Vanoli
Non dava spazio ai pensieri, e questo era bene, a detta del torpore: non voleva pensare.