Articolo precedenteVarianze
Articolo successivo150 anni di Alice: Sul fiume

Notizie dalla Descrizione del mondo ° 19/11/2015

DSC01496

Descrizione del mondo presenta gli ultimi contributi della mostra collettiva di Torino. In copertina una foto di Alessandro Broggi (location, 2008), quattro nuovi contributi al sito, La voix sans traces di Barbara Philipp, This is how a poem should look like di Ddk, Dire il colore esatto di Matteo Pelliti e Photographic Machine di Mattia Paganelli.

&

DSC01496 (3).

“Noi leggiamo il mondo e la sua storia attraverso le immagini che di essi disegniamo, e le immagini del nostro tempo si compongono sempre di più in figurazioni digitalizzate, programmate, fantasmatiche, la cui relazione di verità con il reale rende definitiva l’ambiguità che turbò il pensiero platonico, costretto ad ammettere, proprio nelle immagini, una insopportabile compresenza tra l’essere e il non essere. Ciò che ha cambiato radicalmente prospettiva è il loro potere di rappresentazione: mentre un tempo esse, come le intese in seguito Aristotele, si ponevano in funzione mediatrice tra il soggetto e il fenomeno, oggi si pongono su un piano di parità rispetto all’oggetto reale, facendo dell’apparenza un essere dotato di una verità propria, la cui origine va ricercata nella tecnologia che le produce. Le forme che emergono da questo complicato universo tecnologico restano però, in ogni caso, forme del nostro mondo: la loro verità virtuale è comunque la nostra verità, sia perché vi convergono le dinamiche sociali e culturali su cui si costruisce la storia, sia perché essa è destinata, in un modo o nell’altro, a tradursi in oggetti, corpi, strutture, esperienze sensibili che popolano e alimentano la nostra quotidianità.”

Maurizio Vitta, Il rifiuto degli dèi. Teoria delle belle arti industriali, Einaudi, Torino, 2012.

&

 

DSC01496 (5)

 

Una nuova soluzione per assorbire il discorso critico senza doverlo leggere: con i file audio di Dj criticism

p. s.

A tutti gli amici di Parigi: mi raccomando, continuiamo ad uscire e a bere senza paura. Tanto, come ha spiegato il Presidente Hollande, con le nuove risoluzioni, si sistemerà tutto, alla fine.

 

[Immagine: Edgar Endress, Acts of Knowledge, 2014-2015]

 

articoli correlati

Di lavoro, non ne parliamo per favore

di Andrea Inglese

Parliamo di lavoro, del nostro lavoro, nelle vetrine personali di Facebook? Mi sembra poco. Le nostre esperienze lavorative, in genere, per entrare nella vetrina personale devono essere in qualche modo attraenti: un contratto ottenuto, soprattutto se prestigioso, si può celebrare in collettività ristretta.

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Da “Noi” di Alessandro Broggi

di Alessandro Broggi Pensiamo troppo in termini di storia, sia essa personale o universale. I cambiamenti appartengono alla geografia, sono...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Barbari in Campidoglio: cronaca di una telecronaca

di Andrea Inglese   Proprio un afroamericano ci aveva insegnato che non avremmo visto la rivoluzione in TV (Gil Scott Heron),...

Il tono del risentimento. Il romanzo umoristico di Sergio La Chiusa

di Andrea Inglese   La violazione della verosimiglianza, in ambito narrativo, è considerata oggi una duplice offesa, che si perdona a...
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.