Varianze

19 novembre 2015
Pubblicato da

di Maurizio Giudice

Il foglio che non ho saputo scrivere è stato usato
per appuntare verdure e numeri di telefono.

 

Scansione-38-copia

 

 

Così che il silenzio non basta,
bisogna raccontarlo, indicarvelo
col dito – un rumore
ininterrotto,
fermarsi: ecco.

 

Scansione-40-copia

 

CRISI

Un secchio è capovolto.

 

Scansione-51-copia

 

Le dita non trovano la strada, sono trasparenti
le costole, il ventre. Le dita non trovano più la strada
che le tue gambe, come un orologio,
segnavano così bene.

 

Scansione-53-copia

 

Camminiamo vicino ai muri.
Calcoliamo il perimetro degli oggetti,
lontano dall’abitarli.

 

Scansione-55-copia

Spenta l’ultima lampadina, restiamo
con le dita attaccate alla notte.

 

Scansione-56-copia

 

Abbiamo attraversato vent’anni,
ma non sono serviti a renderci familiari.

Che il dolore non fosse una moneta di scambio
non ci è mai venuto in mente.

 

 

 

 

___

I testi di Maurizio Giudice sono tratti da Varianze (Ladolfi 2015).
Le immagini sono di Luca Poncetta (2011, inchiostro su carta).

 

Tag: , ,

Notable Replies

  1. Frammenti intensi, si leggono d'un fiato entrando in profondità.
    Complimenti.

  2. Grazie, Nadia.

  3. "Abbiamo attraversato vent'anni,
    ma non sono serviti a renderci familiari."

    Quando si diventa uomini? Siamo stati educati, ormai, a diventare grandi.

    "Che il dolore non fosse una moneta di scambio
    non ci è mai venuto in mente."

    Una certezza, dopo aver preso coscienza, è che occorre ancora fare tanta strada.
    Bel riflettere!

Continue the discussion eulalia.nazioneindiana.it

Participants



indiani