Lo spazio e il tempo

di Francesca Fiorletta

Santa Maria della Scala, Federico Pacini, Edizioni Quinlan 2016
Santa Maria della Scala, Federico Pacini, Edizioni Quinlan 2015

Il presente è indifferente e disattento, tuttavia ci teniamo in vita meditando sul cumulo dei ricordi e delle tradizioni che conserviamo. Siamo case piene di presenze in ogni trave che scricchiola, in ogni pietra che geme.
Henry James

Le apparenze, che sono il supporto della rappresentazione esterna, ci stanno a cuore più di ogni interpretazione complessiva del mondo: infatti sono tutto ciò che abbiamo per orientarci nello spazio.
Gianni Celati

La verifica dei movimenti; i gesti lenti, ripetitivi; lo scorrere implacabile del tempo.

Nella fotografia di Federico Pacini c’è tutto il tentativo di fissare insieme il ricordo di esperienze passate e l’aspettativa per un futuro inconoscibile. Non c’è ansia nei movimenti e nella cattura delle immagini; la luce scorre come un filtro di intelligenza, di acume documentaristico e di spiccata forza caratteriale.

In quest’ultimo lavoro, da poco uscito per le Edizioni Quinlan, Pacini ricostruisce il volto (umano, proprio perché disumanato!) dell’Ospedale di Santa Maria della Scala, importante costruzione senese dell’XI secolo: fu infatti il luogo di cura più antico dell’Occidente, a livello mondiale, secondo solo a quello di Istanbul.
Oggi, una parte della struttura è in via di restauro, l’altra ospita una serie di collezioni che spaziano dall’arte antica a quella di epoca moderna, coprendo coi suoi 350.000 metri cubi d’estensione un arco di circa mille anni di storia, di civiltà, di vita.

 

[qui, il sito dell’artista: www.federicopacini.it]

 

articoli correlati

Assialità dei legami : fotografie di Isabelle Boccon-Gibod

di Lisa Ginzburg
Ho conosciuto Isabelle Boccon-Gibod qualche anno fa, perché un’amica la portò a cena da me (ancora si cenava insieme, con quegli “aggiungi un posto a tavola” a movimentare convivialità che è difficile e anche doloroso ricordare nel presente di adesso).

Nervino

di Mariasole Ariot
Si apre nella stanza – la parvenza della luce che ha per occhio – una buca sul terreno della casa – le mani dolci come cialde – il delicato attendere una chiamata

Lettere dall’assenza #4

di Mariasole Ariot Caro G., oggi il cielo è plumbeo, ho scartavetrato la casa per cercare un corpo che non...

Storia con fotografia

di Andrea Inglese L’episodio è unico, ma vorremmo capire come parlarne. Era semplice e banale, certo, ma enormemente vischioso, e...

Storia di un pacco (Dipartire ai tempi del confino)

disegni e testi di Elena Tognoli Il pacco scivolava veloce su rotelle.     Al pacco si può lasciare un ultimo messaggio a distanza di...

Genesis Breyer P-Orridge: un ritratto occulturale

  di Andrea Balietti       -"Ogni arte è magia Non esiste mezzo più potente dell’Arte per ottenere l’apparizione visibile dei veri Dei." (Aleister...