mater (# 11)

di Giacomo Sartori

Al maestro dicevo

al maestro dicevo

ch’eri sempre fuori

sempre fuori

di giorno e di notte

(soprattutto la notte)

fuori con la pelliccia

fuori con i rossetti

ogni sera via

nella notte buia

con le calze a rete

poi i pomeriggi

saldata alla cornetta

sbraitando chissà che

tutti quei nomi

che chiamavano

per fissare l’ora

e fare baldoria

 

lui t’ha convocata

non senza prosopopea

ma anche clemente

(cristiano praticante)

ognuno fa

quel che il fato

gli posa sul capo

ha esordito

quel tuo mestiere

(se di mestiere

potevasi discorrere)

era quel che era

dovevi però pensare

pure ai pargoli

approntare pasti caldi

guidarmi nei compiti

(mai li avevo!)

proteggermi dai terrori

(i bimbi paventano

le ombre della notte)

 

nell’uniforme

di vistoso visone

il rossetto scarlatto

e la solita fretta

(un qualche tè

in qualche attico)

tu proprio non capivi

che blaterasse

l’omettino dimesso

(baffetti e riporto)

e ancora meno

l’amore precoce

per le storie

di quel discolo

(vista la penuria

sotto le coperte

le raccontavo

a me stesso)

 

 

Il prossimo romanzo

 

il prossimo romanzo

parla di noi?

mi chiedevi

lavorandoti le nocche

l’importante è che

non parli di noi

dicevi

 

 

dsc_0660_rit_rid

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A te

 

a te

si può dire tutto

tua sorella

se le dico qualcosa

subito mi sgrida

dicevi

 

 

Nel sogno

 

nel sogno

tanti parenti

nel tuo salone

io m’occupo del cibo

(questo mi s’addice)

diretto a un tavolinetto

atto alla bisogna

(nella realtà reale

si trova a casa mia)

spingo l’altero pianoforte

lustro cassone funebre

alla deriva

nelle generazioni

(dopo tua mamma

adesso incombe

su mio fratello)

in modo certo maldestro

(la solita furia)

e quindi uno schianto

strappa l’aria

(guardavo dall’altra)

addio mezza coda

giacciono tocchetti

privi di senso

resti improbabili

(certo non ricucibili)

ma non è finita

osservando meglio

le assi del pavimento

(niente antico cotto

quella è la vita vera)

sono sfondate

come da una sciabolata

di titano infuriato

giù verso il regno materno

(la nonna morta da tempo)

ho fatto un disastro

(d’anda analitica!)

impossibile ovviare

o defilarmi

 

mio fratello

propone però

un rimedio

che pare sensato

(il danno è anzi

un’occasione?)

e pure mio padre

(non è più morto)

avanza una soluzione

(ha l’aria migliore)

insomma la colpa

si sfilaccia

farà forse la fine

di questi cirri

strattonati nell’azzurro

di ottobre

 

 

Aspetta di essere famoso

 

non fare più presentazioni

dei tuoi libri

non viene mai nessuno

aspetta di essere famoso

mi dicevi

 

 

dsc_0555_rit_ridd

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il problema

 

il problema

è che non dici niente

mai niente

dicevi

 

 

Questo risotto

 

questo risotto

è buonissimo

se c’è una cosa

che ti viene bene

sono i risotti

dicevi

ma anche i biscotti

dovevi fare il cuoco

invece di scrivere libri

che nessuno legge

 

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti

  1. Nessuno che metta completamente se stesso nei suoi libri vorrebbe davvero rileggersi o farsi rileggere da chi lo ama. Pensieri come questo scaturiscono da una lettura del genere; il resto sono emozioni: tante e un ringraziamento di cuore per quel che mi hai donato

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Produrre il cibo nell’Antropocene

di Giacomo Sartori
Come fare sì allora che le persone possano orientarsi e pesare, come potrebbero accedere a informazioni affidabili, come possono difendersi dalle teorie interessate e dalla strategia di rendere nebbiose le problematiche (utilizzata con successo per i danni dei neonicotinoidi sulle api, sulla pericolosità del glifosate …)?

Quintetto d’estate

di Giuseppe Raudino
Lo Ionio, alla loro destra, li aveva accompagnati per quasi tutto il tempo, offrendo il suo azzurro intenso come segno di profondità e potenza.

Marcel Proust, Véronique et moi

di Mauro Baldrati
Ed è spuntata: una voglia di viaggiare in quel “bel mondo” così affascinante, perduto e spietato. Con un libro, un libro mio, dove c’era lui in persona.

Marcel Proust, i segni e la genesi

di Mauro Baldrati Slalomando tra i segni dell’amore, come sciami di frecce di Cupido dalla punta avvelenata, il narratore ci guida in un’indagine chirurgica e spietata sui meccanismi dell’innamoramento. Qui sta una delle discese agli inferi della Recherche: l’amore è impossibile, e l’amante è condannato all’infelicità, perché non potrà mai conoscere e tanto meno possedere la persona amata.

Il tornello dei dileggi

di Massimo Salvatore Fazio
Se non ti trasformi, resisti e vivi. E se resisti e vivi non è detto che non anneghi. E se anneghi, di fattori liquidi ne escono pure dall’anticamera del basso bacino, ed è normale come quando passeggi in una qualunque città e sui muri stanno scritte e stanno sempre stampati i soliti simboli.

Peninsulario

di Marino Magliani
Oltre Sorba, nascosto nella campagna perché raggiungere la città in quel buio era impossibile, Secondo attese l’alba. Giunse a casa verso mezzogiorno, stanco, accaldato, perché più di una volta aveva perso la strada, come all’andata.
giacomo sartori
Sono agronomo, specializzato in scienza del suolo, e vivo a Parigi. Ho lavorato in vari paesi nell’ambito della cooperazione internazionale, e mi occupo da molti anni di suoli e paesaggi alpini, a cavallo tra ricerca e cartografie/inventari. Ho pubblicato alcune raccolte di racconti, tra le quali Autismi (Miraggi, 2018) e Altri animali (Exorma, 2019), la raccolta di poesie Mater amena (Arcipelago Itaca, 2019), e i romanzi Tritolo (il Saggiatore, 1999), Anatomia della battaglia (Sironi, 2005), Sacrificio (Pequod, 2008; Italic, 2013), Cielo nero (Gaffi, 2011), Rogo (CartaCanta, 2015), Sono Dio (NN, 2016) e Baco (Exorma, 2019). Alcuni miei romanzi e testi brevi sono tradotti in francese, inglese, tedesco e olandese.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: