Articolo precedenteEchi ed echi ed echi . . .
Articolo successivo(Le nostre) Nuvole di fango

Per Mario Lunetta

di Francesco Muzzioli

Mario Lunetta ci ha lasciati il 6 luglio. Amico generoso, intellettuale lucido e impegnato, scrittore inventivo e prolificissimo in tutti i generi letterari, oltre che organizzatore infaticabile sul territorio romano, ora sta a noi rileggerlo e commentarlo come figura centrale nella letteratura di questi anni. Occorrerà ripartire dalle prime opere: così, per ricordarlo, ho scelto la poesia introduttiva della raccolta La presa di Palermo, uscita nel 1979; qui Mario è alla sua terza pubblicazione poetica ed è già tutto lui nel proporre in apertura una sorta di autoritratto contrassegnato da spirito polemico (e da spirito politico, senza nascondersi dietro un dito) e insieme da ironia e autoironia, non senza un avvertimento al narcisismo poetico che sta rialzando la testa («la propria biografia / vale un soldo bucato»). Si notino le inventive inversioni (la «corsa di galli» e la «zuffa di levrieri») e l’ossimoro del titolo, Ouverture chiusa: ecco come si presentata la poesia della contraddizione, per usare il titolo di una sua antologia, in quegli anni ancora a venire.

 

OUVERTURE CHIUSA

questa che segue o precede

è un’allegra corsa di galli, una zuffa

di levrieri, vista con vista miope

da dentro il cubo di plastica, masticando

chewingum.

Nella febbre, nell’ozio, nei

ghirigori del capelvenere, tortuosi: urlando

a squarciagola, sussurrando patetici:

nel rictus.

    Volano le macerie, s’inabissa

qualsiasi storia personale: la propria biografia

vale un soldo bucato. Col golf e lo stiffelius

bagnato di pipì, qualche blatta fuggitiva. E la saliva

secca nella gola squarciata, su e giù:

ringraziando

chi scrive (sul chi vive) tutti senza esclusione

coloro che dai giorni della Comune

hanno dato parlando, scrivendo, vivendo politicamente,

un contributo per cacciare di casa la vecchia zia:

la Borghesia.

         E se l’imbuto ci risucchia, via,

non saremo noi gli ultimi.

1974

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Il cielo per Roma – l’ipercalisse ilarotragica di Mariano Bàino

di Daniele Ventre “Chiamatemi Chiaffredo. Ma non chiedetemi il perché…”: così si inizia, con richiamo evidente all’Ismaele del Moby Dick,...

Dialogo assorto

di Antonia Santopietro Conoscere se stessi e gli altri è il modo più intenso di essere responsabili. Ma la vita è, insieme,...

Dante: una rima petrosa

di Antonio Sparzani Come si diceva qui Dante, grande ammiratore di Arnaut Daniel, il trobadour provenzale del trobar clus, l'oscuro,...

Kant à la boulangerie

di Francesco Forlani         Un pays des merveilles Con estrema grazia, la mia vicina pianista ha una discrezione aristocratica e moscovita, mi aveva...

I poeti appartati: Nina Živančević

Tre poesie di Nina Živančević tradotte dal serbo da Angelo Vannini       AMAN ZAMAN Qualcuno ha provato a ingannarmi Qualcuno voleva incolparmi Qualcuno ha provato a verniciare...

La quadrilogia della fine di internet: il ritorno alla Fonte come superamento del collasso della techne

di Sonia Caporossi Canteremo la resurrezione dell’anima consumata nella tecnologia. La notte, il sogno, la visione e la connessione....
Print Friendly, PDF & Email