sequenza_nun

di Claudio Salvi

sequenza d’ordine cronologico

 

*

parola mano
(sia
sia
preme
per
per
me)

 

*

preme lontano, da lontano
parola
preme basta —
parole suono
mano

 

*

sai, non
come cosa
preme

 

*

prendi,
che rimane
ancora parole date
di’,
parole date

 

*

ogni ricordo
ogni rammendo scuce

 

*

chiuso nel chiuso
preme, fa
premura memoria di te

 

*

non senti
non hai vissuto
l’assenza che afferra
con dita dure
ogni non detto

 

*

contando
uno a uno i
colpi non
ripete, non ripete

 

*

fare solo finta (non è
imperativo) non resta che
stare
come se fosse vedi
per ricordo

 

*

pensi che andrà
non più che andare
o torna se rimane
parola preme
preme e dà è data

 

*

si parlerà d’altro senza fine
finché
vita che rimane
non può essere data
se non per ciò che dà

 

*

hanno apparenza muta
parole mano preme
preme
senti che suona
parola suono mano

 

*

 

i testi che compongono la sequenza sono paralleli a una sezione del libro nun di Giuliano Mesa, di cui ricalcano in parte la terminologia

 

disegno: “mano” di Elia Gobbi

 

articoli correlati

Pensare di provare a pensare: su Situ, di Steven Seidenberg

Intricato labirinto filosofico o parodico sabotaggio dello stesso? Riflessione sul senso del riflettere o sul nonsenso dello scriverne? Benvenuti in Situ di Steven Seidenberg.

I sassi di Giulio Marzaioli

"Il mondo muto è la nostra sola patria", affermava Ponge. Marzaioli ne re-immagina i più muti abitanti.

La poesia e la stanza

di Daniele Barbieri Le parole sono cose: non solo rimandano a loro. Entrare in un testo poetico è un po' come entrare in uno spazio fisico, almeno in parte familiare. O magari è come entrare nella rappresentazione di uno spazio fisico, dove le cose non scompaiono ma...

Tracce per una playlist (tre frammenti sottocomuni e una postilla)

di Lorenzo Mari
Su Undercommons. Pianificazione fuggitiva e studio nero (Tamu/Archive Books ed., 2021) di Fred Moten e Stefano Harney, una raccolta di saggi e interventi il cui programma culturale e politico si estende a tutto campo, partendo dall’incontro-scontro tra la tradizione radicale nera e l’operaismo/post-operaismo/neo-operaismo italiano.

La pienezza di una storia, la fragilità di una vita. Su Le stelle vicine di Massimo Gezzi.

di Marco Nicastro Quando sulla quarta di copertina, sulle fascette promozionali, in estratti da recensioni leggo, relativamente ad un libro,...

NT – nessun tempo (Alessandra Greco e Gianluca Garrapa in conversazione)

"Questa è scrittura del desiderio e attraversa i corpi in una geologia delle immagini che trasfigura gli sguardi in ciò che non vedono e in ciò che si mancano: è il poema, questo, di uno spazio collettivo, s-oggettivo. Accade qui, altrove."
renata morresi
Renata Morresi scrive poesia e saggistica, e traduce. In poesia ha pubblicato le raccolte Terzo paesaggio (Aragno, 2019), Bagnanti (Perrone 2013), La signora W. (Camera verde 2013), Cuore comune (peQuod 2010); altri testi sono apparsi su antologie e riviste, anche in traduzione inglese, francese e spagnola. Nel 2014 ha vinto il premio Marazza per la prima traduzione italiana di Rachel Blau DuPlessis (Dieci bozze, Vydia 2012) e nel 2015 il premio del Ministero dei Beni Culturali per la traduzione di poeti americani moderni e post-moderni. Cura la collana di poesia “Lacustrine” per Arcipelago Itaca Edizioni. E' ricercatrice di letteratura anglo-americana all'università di Padova.